Fiat: incontro con le Istituzioni e le Organizzazioni Sindacali

Nell’incontro con il Governo, le Istituzioni territoriali e le Organizzazioni sindacali, l’AD Marchionne, ha illustrato l’attuale situazione del gruppo e i programmi industriali di medio periodo, con particolare riferimento agli stabilimenti in Italia.

Nell’incontro con il Governo, le Istituzioni territoriali e le Organizzazioni sindacali, che si è svolto oggi a Palazzo Chigi, l’Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne, ha illustrato l’attuale situazione del Gruppo e i programmi industriali di medio periodo, con particolare riferimento agli stabilimenti in Italia. *Fiat Group Automobiles *Fiat Group Automobiles nei primi cinque mesi dell’anno, a fronte di un mercato che è calato in Europa Occidentale del 12,8 per cento, ha limitato la flessione al 3,8 per cento. La quota è salita di quasi un punto percentuale, arrivando al 9,3 per cento. La crisi dei mercati internazionali ha aggravato ancora di più il problema della sovraccapacità produttiva, che da anni caratterizza l’industria dell’auto mondiale. Si prevede che in Europa, nel 2009, la percentuale di utilizzo degli impianti scenda a circa il 65%. Oggi è assolutamente necessaria una razionalizzazione dell’industria dell’auto per riportarla a un livello di sostenibilità economica. Tutti gli sforzi che Fiat ha fatto finora, a livello gestionale, industriale ed economico, non sono più sufficienti. Occorrono interventi strategici per raggiungere un’adeguata massa critica, per aumentare i volumi prodotti per piattaforma e per estendere la presenza geografica. In quest’ottica va letta l’alleanza raggiunta con Chrysler. Fiat e Chrysler insieme sono diventati il sesto produttore al mondo. Per quanto riguarda gli stabilimenti italiani, alcuni dei quali hanno potuto beneficiare degli effetti positivi degli eco-incentivi, gli assetti produttivi previsti per gli anni 2009-2010 sono i seguenti: Mirafiori: conferma produzione Alfa MiTo ed inserimento versione MultiAir da settembre 2009; proseguimento produzione Punto Classic, Multipla, Musa e Idea.