Gabetti: ok Cda ad aumenti di capitale per massimi 78 mln di euro

Si prevede che l’esecuzione dell’aumento offerto in opzione ai soci abbia inizio, compatibilmente con l’ottenimento delle necessarie autorizzazioni, nel mese di settembre 2009.

Il Cda di Gabetti Property Solutions, nell’esercizio delle deleghe rilasciate lo scorso 12 maggio dall’assemblea degli azionisti e nell’ambito dell’accordo di ristrutturazione dei debiti sottoscritto nel mese di aprile tra il gruppo Gabetti e le Banche creditrici, ha deliberato quattro aumenti di capitale a pagamento per un importo massimo complessivo, comprensivo di sovrapprezzo, di 78 milioni di Euro.Il Cda ha in particolare deliberato di aumentare il capitale per un importo massimo, comprensivo di sovrapprezzo, di Euro 25.599.952,758 mediante emissione di massime n. 30.695.387 nuove azioni ordinarie da offrire in opzione agli azionisti al prezzo unitario di Euro 0,834, di cui Euro 0,60 da imputarsi a capitale ed Euro 0,234 da imputarsi a sovrapprezzo. Alcuni azionisti hanno assunto un impegno di sottoscrizione anche per la parte che dovesse rimanere inoptata;Il Cda ha deciso inoltre di emettere massimi 30.695.387 warrant da abbinare gratuitamente alle azioni offerte in opzione ai soci nel rapporto di uno ogni azione emittenda. I warrant saranno negoziabili separatamente rispetto alle azioni ordinarie sul Mercato Telematico Azionario e saranno esercitabili in ogni momento fino al 31 dicembre 2013. Ciascun warrant darà diritto di sottoscrivere una azione ordinaria ad un prezzo di esercizio di Euro 0,70 per azione qualora i warrant siano esercitati entro il 31 dicembre 2011 e al prezzo di esercizio di Euro 0,75 per azione qualora i warrant siano esercitati tra l’1 gennaio 2012 e il 31 dicembre 2013.Deciso inoltre di aumentare il capitale per un importo massimo, comprensivo di sovrapprezzo, di Euro 23.021.540,25 mediante emissione di massime n. 30.695.387 nuove azioni ordinarie al servizio della conversione dei warrant al prezzo di esercizio di Euro 0,70 per azione, di cui Euro 0,60 da imputarsi a capitale ed Euro 0,10 da imputarsi a sovrapprezzo se esercitati entro il 31 dicembre 2011 ed al prezzo di esercizio di Euro 0,75 per azione, di cui Euro 0,60 da imputarsi a capitale ed Euro 0,15 da imputarsi a sovrapprezzo se esercitati tra l’ 1 gennaio 2012 ed il 31 dicembre 2013.