GIAPPONE: PAURA PER LE RICADUTE DEL CRACK GM

Il Governo giapponese segue da vicino il processo di bancarotta di General Motors allo scopo di verificarne le ricadute nel Sol Levante.

Il Governo giapponese segue da vicino il processo di bancarotta di General Motors allo scopo di verificarne le ricadute nel Sol Levante. In particolare, si vigila sull'indotto del settore automobilistico, ha spiegato il capo di gabinetto, Takeo Kawamura.Kawamura ha aggiunto che i produttori di componenti nipponici hanno adottato diverse misure preventive. Finora, non si sono verificati danni reali, ma l'esecutivo prevede di estendere gli aiuti ai fornitori nipponici di Gm per contenere i disagi. A preoccupare è anche la voce immatricolazioni , che in Giappone hanno regitstrato un calo del 19,4% nel mese di maggio, rispetto allo scorso anno, pari a 178.503 veicoli. Secondo l'Associazione giapponese dei concessionari (Jada), si tratta di una cifra che evidenzia comunque un ribasso meno consistente rispetto a quello dei dieci mesi precedenti. Sempre a maggio, la vendita di macchine di piccola cilindrata è diminuita del 18,4% rispetto allo scorso anno, fino a 113.540 unità. Si tratta del settimo mese di calo consecutivo delle vendite, stando a quanto riferito dall'Associazione giapponese dei veicoli di piccola cilindrata.