Google annuncia un nuovo dispositivo che consente agli editori di obbligare gli internauti ad identificarsi e a pagare un diritto d'accesso se consulteranno oltre cinque articoli al giorno sul sito Google News.
John Mueller, analista di Google, spiega: "abbiamo deciso di permettere agli editori di limitare il numero di accessi gratuiti a cinque al giorno per internauta". L'analista ha poi messo in evidenza come questa possibilità viene offerta a tutti gli editori nelle pagine di 'Google News' e per il motore di ricerca generalista. Così facendo il primo motore di ricerca al mondo "aiuta i media a fare in modo che i loro contenuti siano accessibili a un ampio pubblico di lettori - aggiunge Mueller -. Siamo coscienti del fatto che creare contenuti di qualità non é facile e spesso è costoso".
Rupert Murdoch, in questo modo, sembra aver segnato un punto contro Google. Il sistema messo a punto da Google si chiama 'First Click Free' che consente alle testate di obbligare i lettori a identificarsi e a pagare un diritto d'accesso se leggeranno più di cinque articoli al giorno tramite Google News.
Business Week, nel frattempo, riferisce che la possibile alleanza anti-Google fra Murdoch e Microsoft potrebbe fare male più allo stesso Murdoch che a Google. E' vero che Microsoft pagherebbe una certa cifra a News Corp. in cambio dell'esclusiva, ma è anche vero - sottolinea il Business Week - che Bing detiene oggi meno del 10% delle ricerche online contro il 65,4% di Google (dati ComScore di ottobre). Il che significherebbe che Murdoch si ritroverebbe a rinunciare a un'audience significativa (secondo la società di ricerche Hitwise, Google porta al sito del Wall Street Journal il 26,3% del traffico web) in cambio di un non meglio precisato pagamento da parte di Microsoft.