Markets today: 2 giugno 2010

Giornata a due facce per i mercati europei: apertura in forte ribasso appesantita anche dalle previsioni della Bce che ha stimato nuove potenziali svalutazioni nel sistema bancario nei prossimi 18 mesi. Di Twicetrade

Image

Giornata a due facce per i mercati europei: apertura in forte ribasso appesantita anche dalle previsioni della Bce che ha stimato nuove potenziali svalutazioni nel sistema bancario nei prossimi 18 mesi. Nelle stesse ore l'euro scendeva ai minimi da quattro anni rispetto al dollaro, sfiorando quota 1,21, e le Borse andavano a picco. Piazza Affari si è distinta come peggior listino nel Vecchio continente, insieme a Madrid che continua a scontare il taglio del rating di Fitch, deciso alla fine della settimana scorsa. Poi voci non confermate di un massiccio intervento della Bce per sostenere l’euro hanno fatto salire le quotazione della moneta unica e i listini hanno limato le perdite. Reazione immediata anche per il prezzo del petrolio che si e’ portato a quota $74 salvo poi tornare a flettere a $72 mentre i prezzi dei Treasury americani hanno subito una momentanea frenata.A Wall Street la storia del giorno e’ stata la flessione del 15% di BP dopo l’ennesimo fallimento di arginare la marea nera che sta colpendo il Golfo del Messico dal 20 aprile, da allora il titolo ha perso un terzo della sua capitalizzazione.Si attendono aperture negative per le piazze europee. Pochi i dati economici in agenda, di un certo rilievo solo quello dal mercato immobiliare americano con le vendite in corso previste in aumento ancora grazie agli incentivi fiscali che sono terminati a fine aprile. In un contesto nel quale i mercati sono fortemente condizionati per la situazione debitoria di alcuni paesi europei, si tiene oggi in Francia la World Investment Conference dove a fine lavori e’ previsto anche un intervento del “falco” Weber (membro del direttivo della Bce).Il Primo Ministro giapponese Hatoyama ha rassegnato le dimissioni, è il quarto leader a lasciare l’incarico in meno di un anno. Lo yen quota ai minimi da due settimane contro il dollaro e la borsa giapponese lascia sul terreno piu’ dell1%.