PER L'AUTO L'UNICA VIA E' LA RIDUZIONE DEL SURPLUS PRODUTTIVO

Il vicepresidente della Fiat, John Elkann, ritiene che il settore deve uscire dalla crisi internazionale con aggregazioni fra i costruttori che aiutino a ridurre l'attuale surplus produttivo.

Quale potrà essere il futuro dell'auto. Il vicepresidente della Fiat, John Elkann, ritiene che il settore deve uscire dalla crisi internazionale con aggregazioni fra i costruttori che aiutino a ridurre l'attuale surplus produttivo. "Auspichiamo che alla fine della crisi ci possano essere meno produttori. Sfortunatamente oggi accade il contrario", ha detto Elkann intervenendo, ricordando che "il settore soffre una crisi strutturale di sovraccapacità". Il manager si augura "che si possa trovare una soluzione in termini di consolidamento, aggregando diversi costruttori, magari simili".