Petrolio: tornano le vendite. Per l’Opec il peggio è ormai alle spalle

Il bilancio settimanale è comunque positivo visto che nelle ultime cinque sedute i prezzi del greggio sono saliti di oltre il 5%.

Ultima seduta della settimana in calo per i prezzi del petrolio che dopo i forti rialzi delle ultime giornate hanno prestato il fianco quest’oggi alle prese di beneficio. Dopo aver tentato di spingersi oltre la soglia dei 73 dollari al barile, le quotazioni hanno ritracciato, fermandosi circa un dollaro più in basso. Il future con scadenza luglio ha infatti terminato gli scambi a quota 72,99 dollari, con una flessione dell’1%. Il ribasso odierno non ha comunque influito più di tanto sulla performance settimanale che si è confermata comunque positiva, visto che nelle ultime cinque giornate i prezzi del petrolio hanno segnato un progresso del 5,17% rispetto ai valori del close di venerdì scorso. Quest’oggi hanno avuto la meglio le prese di profitto anche in vista del week-end, ma l’impostazione si conferma chiaramente rialzista. L’Opec in un rapporto diffuso nella giornata odierna ha fatto sapere che il peggio è ormai alle spalle per il mercato del petrolio. Anche se la domanda di materia prima si mantiene in calo, il fondo dovrebbe essere ormai stato toccato, e già verso la fine dell’anno è attesa una ripresa delle scorte.