Pirelli Re trema per il fallimento Arcandor

La società immobiliare trema per i i 60 milioni di euro investiti nella società che controlla gli asset immobiliari di Arcandor, pari a circa il 30% della capitalizzazione di mercato ante aumento di capitale.

Riflettori puntati su Pirelli Real Estate. La società immobiliare trema per i i 60 milioni di euro investiti nella società che controlla gli asset immobiliari di Arcandor, pari a circa il 30% della capitalizzazione di mercato ante aumento di capitale. Il gruppo italiano potrebbe rischiare la sospensione del pagamento degli affitti. Per questo il rischio di svalutazioni per Pirelli Re si starebbe concretizzando. Ricordiamo che lo scorso 28 luglio il gruppo italiano, in consorzio con il Gruppo Borletti, Generali e RREEF Alternative Investment aveva perfezionato l'acquisto del 49% di Highstreet, società d'investimento che detiene gli immobili locati ai grandi magazzini tedeschi Karstadt (di proprietà proprio di Arcandor).Alcuni rumors riferiscono che in caso di fallimento di Arcandor e quindi di scioglimento del veicolo Highstreet, controllato indirettamente al 12%, il rischio patrimoniale massimo per l'azienda sarebbe pari al valore residuo della partecipazione, ossia circa 60 mln euro.Il rischio, comunque, si ridurrebbe attraverso le normali procedere di liquidazione che verrebbero poste in essere" e in ogni caso, sottolineano le fonti, il default non è ancora certo e la scelta odierna di nominare un amministratore potrebbe essere propedeutica ad una soluzione positiva tra le parti. Il titolo reagisce a Piazza Affari con un +1,10%, scambiato a 5,05 euro.