PROFONDA RECESSIONE IN ITALIA. PAROLA DELL'OCSE

Il rapporto Ocse sull Italia stima una profonda recessione quest'anno per l'Italia, con un pil in calo del 5,3% e una ripresa lenta nel 2010 (+0,4%).

Il rapporto Ocse sull Italia stima una profonda recessione quest'anno per l'Italia, con un pil in calo del 5,3% e una ripresa lenta nel 2010 (+0,4%). Il debito italiano nel 2010 salirà al 120% e il deficit di bilancio avrà bisogno di prestiti aggiuntivi per 80 miliardi di euro, per far fronte ai titoli del debito pubblico che giungeranno a maturazione nel 2009 e nel 2010. Tuttavia, sottolinea l'Ocse, l'aumento del deficit pubblico è più basso che in altri paesi e a livello ciclico destagionalizzato potrebbe mostrare dei migliorament. La disoccupazione tocchera' invece il 10% quest'anno - con un picco nel primo semestre - e continuerà a crescere anche l'anno prossimo. Da Parigi arriva il monito a proseguire sulla strada delle riforme strutturali, in particolare per quanto riguarda la liberalizzazione dei servizi, i trasporti, gli enti pubblici locali e l'efficienza nella pubblica amministrazione.