Rdb: Renzo Arletti nominato presidente di Assobeton

Renzo Arletti, Amministratore Delegato di RDB, è stato eletto Presidente per il biennio 2009-2011 di Assobeton, l’Associazione Nazionale Industrie Manufatti Cementizi di CONFINDUSTRIA.

Renzo Arletti, Amministratore Delegato di RDB, è stato eletto Presidente per il biennio 2009-2011 di Assobeton, l’Associazione Nazionale Industrie Manufatti Cementizi di CONFINDUSTRIA, che rappresenta un settore con un giro di affari pari a 6 miliardi di Euro con più di 1300 aziende e 39.000 addetti. Arletti succede a Renzo Bullo cui è andato il sincero tributo di affetto, stima e riconoscenza da parte dell’Assemblea di ASSOBETON, riunitasi oggi a Bologna. Il programma presentato dal Nuovo Presidente si fonda sull’obiettivo di guidare il comparto verso direttrici chiare e condivise che anticipino le tendenze a livello nazionale ed europeo e che consentano all’Associazione di diventare sempre più forte ed autorevole nel panorama di riferimento. Nel corso del suo intervento Arletti ha sottolineato l'esigenza di sviluppare sinergie collaborative che possano fare perno sul sistema azienda-Associazione per operare con sempre più dinamismo e capacità di competizione in ogni scenario e ad ogni livello in Italia e non solo. “ASSOBETON è un' Associazione complessa – ha commentato Arletti – che richiede una grande sensibilità e pratica di governo. Il rispetto delle norme, leggi e dei principi di un comportamento coerente costituirà la base tra tutti gli associati senza alcuna distinzione”. Punto cardine del programma del Nuovo Presidente sarà la promozione dell’uso dell’edilizia industrializzata in alternativa ad altri prodotti e tecnologie grazie ad azioni di formazione, informazione e promozione rivolte a committenti, imprese e progettisti. Arletti ha quindi evidenziato i punti fondamentali attorno ai quali svilupperà la sua azione di Presidenza tenendo conto della tensione economica in cui versa il mercato. “Le radici del nostro sistema-Paese sono buone così come lo scheletro produttivo e aziendale delle nostre realtà mediamente ben patrimonializzate: siamo fermamente convinti che proprio grazie a queste capacità ed al nostro know-how la ripresa sarà più rapida allorché la congiuntura economica globale ne permetterà un concreto e fattivo sviluppo”.