STM tenta di risalire la china. Preoccupano i rumors su possibile uscita di Areva

Il titolo è arrivato a perdere quasi il 7%, dopo le indiscrezioni della stampa francese relative ad una possibile cessione della partecipazione di Areva, pari all’11% del capitale.

Mentre l’indice delle blue chips si mantiene in territorio moderatamente positivo dopo il forte calo di ieri, prosegue nel segno delle vendite la seduta di STM. Il titolo è stato messo sotto pressione sin dalle prime battute, arrivando a toccare un minimo a 4,94 euro, con una flessione di quasi sette punti percentuali. Nel corso della seduta si è avuta un recupero che ha permesso alle quotazioni di risalire la china, anche se STM resta ancora in calo, con una perdita del 2,36% a quota 5,175 euro. Decisamente frizzanti i volumi di scambio che hanno visto passare di mano oltre 12,5 milioni di azioni fino a questo momento. A mettere sotto pressione il titolo contribuiscono le notizie riportate questa mattina dalla stampa francese secondo cui il gruppo d’Oltralpe Areva starebbe valutando l’ipotesi di cedere la sua partecipazione in STM, pari all’11% del capitale, segnalando che l’operazione potrebbe avere un valore di 500 milioni di euro. Una notizia poco gradita al mercato che ha mostrato subito il suo nervosismo, frenato dai timori legati soprattutto all’eventuale prezzo della cessione, visto che la paura più grande è che lo stesso possa essere significativamente più basso delle attuali quotazioni.