Trend-online a colazione: Titoli e temi in movimento

I titoli e i temi che potrebbero contribuire ad animare la sessione odierna sui mercati finanziari internazionali.

Petrolio: ancora una seduta tutta in salita ieri per le quotazioni dell’oro nero che hanno allungato ulteriormente il passo, fermandosi a 70,24 dollari, con un rally del 2,3%. Wall Street: chiusura molto positiva ieri per la piazza azionaria americana che ha visto i tre indici principali presentarsi al suono della campanella sui massimi di seduta. il Dow Jones e l’S&P500 hanno guadagnato rispettivamente il 2,08% e il 2,14%, mentre il Nasdaq Composite è salito del 2,08% a 1.829,54 punti. Dati Macro ed Eventi Usa: per la seduta odierna sono previsti tre aggiornamenti sul fronte macroeconomico americano e si tratta dei redditi personali che a maggio dovrebbero mostrare un rialzo dello 0,3%, in frenata rispetto all’incremento dello 0,5% precedente. Per le spese al consumo le stime parlano di una variazione positiva dello 0,3% in confronto al calo dello 0,1% di aprile, mentre l’indice core PCE dovrebbe salire dello 0,1% dallo 0,3% precedente. Infine, per il dato rivisto della fiducia Michigan di giugno è attesa una lettura pari a 69 punti, in linea con l’indicazione preliminare e in aumento rispetto ai 68,7 del mese di maggio.Assemblee a Piazza Affari: si riunisce quest’oggi l’assemblea di Banca Finnat per la nomina di un consigliere di amministrazione. Si discuterà inoltre delle politiche di incentivazione di remunerazione, e della situazione relativa alle azioni proprie. In programma anche una riunione assembleare di IW Bank che in sede ordinaria delibererà in merito alla cancellazione del piano di stock option, mentre nella parte straordinaria approverà alcune modifiche dello statuto sociale.Generali: Crédit Agricole e la compagnia triestina hanno stipulato ieri un nuovo accordo avente ad oggetto Intesa Sanpaolo, che sostituisce il patto stipulato il 24 aprile 2009. Il nuovo accordo avrà una durata di tre anni e prevede una procedura di consultazione preventiva tra Crédit Agricole e Generali, con l’unico obiettivo di valorizzare al meglio le partecipazioni da esse detenute in Intesa San Paolo.