Quando pensiamo al cinema e in generale agli attori, ci viene in mente immediatamente l’idea di persone che attraverso il loro talento e la passione sono riuscite a raggiungere patrimoni da capogiro.

Arrivare a questi importi, però, è tutt'altro che semplice e le variabili da consederare sono molte: dal denaro investito per la produzione del film, fino ai numeri raggiunti al botteghino, per poi passare all’esperienza e alla popolarità raggiunta. Per lunghi anni bisogna dimenarsi tra un provino e l’altro, porte sbattute in faccia, impieghi altalenanti che non permettono stabilità economica. Il cinema, insomma, è un po' come la tv: si può arrivare a guadagnare tanto ma il processo è lento e soprattutto riservato a pochissimi.

Hollywood rimane una cerchia molto ristretta con stipendi da capogiro che vedranno poche centinaia di persone; ma di che cifre si tratta e quali sono le star più ricche di sempre?

Come vengono pagati gli attori 

Oltre al pagamento per le riprese, gli attori vengono pagati in royalties ogni qual volta che l’opera viene trasmessa/venduta. Lo stipendio medio di un attore ormai in carriera è di circa 4500 euro mensili ma poi dipende anche da quanti film ha fatto: la maggior parte degli attori fa fatica a esordire motivo per il quale in molti si trovano ad avere stipendi da 10mila euro l’anno.

C’è chi fa un film e poi magari non riesce a rientrare subito nei giri, in quel caso non si hanno sicurezze economiche e la vita diventa complicata. In una media generale, Netflix cede 350 dollari a episodio: è chiaro quindi che non si tratti di guadagni da capogiro come tutti pensano.

Se parliamo invece delle star abbiamo ad esempio volti come Angelina Jolie che guadagna circa 28milioni di dollari l’anno, ma come sottolineavamo anche nell’intro, si tratta di pochi ed esclusivi ed entrare nel giro è veramente difficile.

Bisogna poi ragionare anche sui costi per la formazione: molti attori arrivano a guadagnare stipendi meritevoli a carriera inoltrata dopo che hanno fatto gavetta anche per decine di anni e diverse scuole e accademie di recitazione, insomma è un mestiere che si può fare solamente se si ha una passione viscerale, e a volte, se si hanno conoscenze, altrimenti è meglio desistere dall’inizio perché è difficile farsi spazio dignitosamente.

Molti attori vivono sotto la soglia di povertà, alcuni anche con 5mila euro l’anno. In molti sottolineano di non riuscire a sostenersi dignitosamente facendo solo questo lavoro altalenante: se non sei un personaggio famoso che fa tante cose si finisce a fare questo lavoro per hobby. 

Classifica degli attori più pagati di Hollywood

Tutta altra storia per Hollywood, gli attori che entrano nel castello di cristallo riescono a guadagnare cifre incredibili anche solo a pensarle. Se tra le signore spicca in assoluto su tutte Julia Roberts, diversa è la situazione per gli attori uomini: si tratta infatti di una classifica in perenne evoluzione che può cambiare di tanto in anno in anno (probabilmente sempre per lo stesso motivo del gender gap presente in ogni tipologia di lavoro che vede ancora una prevalenza della figura maschile rispetto a quella femminile, soprattutto per quanto riguarda l’aspetto economico, per dirla alla buona, quando si parla di soldi).

Attualmente la classifica più veritiera e aggiornata sembra essere questa: Dwayne Johnson, Chris Hemesworth, Robert Downey Junior, Akshay Kumar, Jacky Chan, Adam Sandler, Bradley Cooper, Chris Evans, Paul Rudd, e Will Smith. 

Per quanto riguarda Dwayne Johnson è incredibile pensare che l’attore più pagato al mondo sia un wrestler ed ex pugile del 1972. Johnson non ha mai abbandonato la carriera sportiva anche dopo il successo nel mondo del cinema tra gli anni 2000 e 2005. Attualmente guadagna 89 milioni di dollari a film e le sue parti più famose sono riassumibili così: La Mummia, Il Tesoro dell’Amazzonia, Be Cool, Fast and Furious, Hercules il Guerriero, Jumanji – Benvenuti nella Giungla. 

Andando avanti abbiamo Chris Hemsworth, l’australiano che ha interpretato il dio Thor nell’omonimo film, pur avendo solo 36 anni, viene pagato a peso d’oro. Si parla infatti di uno stipendio di 76,4 milioni di dollari. Tra le parti si racconta anche Avengers, Biancaneve e il Cacciatore, Moby Dick e Rush. Non da meno Robert Downey Junior, di New York e classe 1965. È l’unico della sua generazione più attempata a rimanere ancora nelle classifiche dei più pagati al mondo. Tanti alti e bassi nella sua carriera: dal boom incredibile degli anni ’80 ci sono stati diversi Sali e scendi tortuosi anche per via delle troppe dipendenze, rimane però comunque al terzo posto con 66 milioni di dollari a film.

Continuando la classifica al 4° posto troviamo Akshay Kumar, l’attore indiano che conquista ben 65 milioni di dollari a film: troviamo le sue recitazioni in Joker, Sposerò mia moglie, Thank You e tanti altri film prodotti a Bombay. Al 5° posto troviamo invece il conosciutissimo Jacky Chan con 58 milioni di dollari a film, il rappresentante assoluto del cinema asiatico, ad oggi anche regista, anni fa, negli ’80, era all’apice della sua carriera con le diverse partecipazioni in commedie di ogni genere. Al 6° troviamo Adam Sandler al pari merito con Bradley Cooper con 57 milioni di dollari a film. Cooper, tra l’altro, è uscito come attore protagonista quest’anno con La fiera delle illusioni di Del Toro ma lo ritroviamo anche in A star is Born, in American Snipers e in tantissimi altri titoli che hanno fatto storia negli ultimi anni del cinema d’occidente.

Non da meno Chris Evans con ben 45 milioni e mezzo di dollari al film si è conquistato anche un pubblico vastissimo con I Fantastici 4, Avengers, Captain Marvel e The Iceman. Paul Rudd agli ultimi posti con 41 milioni a film raggiunge le vette in Ragazze a Beverly Hills e Romeo + Giuliet.

Come ultimo in classifica, il "più povero" è Will Smith. La leggenda del cinema americano quest’anno ha avuto uno scivolone durante la serata di premiazione degli Oscar, con lo schiaffo al conduttore è stato radiato dall’Accademia, è chiaro che per lui la situazione si modificherà drasticamente in questi mesi: già diversi contratti per nuove uscite sono saltati perché i registi hanno preferito allontanarsi dallo scandalo del gesto agli Oscar.

Non è impossibile da pensare che Will potrebbe mettere un punto alla sua carriera per diversi anni ma è anche vero che avendo guadagnato fino a 35 milioni a film non sarà poi una pausa così problematica.

Leggi anche >>Festival Cannes 2022, ecco i film italiani in gara

Formazione per fare l’attore con le scuole di recitazione

Per quanto riguarda il percorso di formazione per diventare un attore professionista si possono inseguire strade completamente differenti. Sicuramente è preferibile iniziare con lo studio della storia del cinema, del teatro, della drammaturgia e delle lingue straniere, a seguire prime scuole di recitazione per imparare le basi del mestiere.

In Italia poi abbiamo la Scuola Nazionale di Cinema – Centro sperimentale cinematografia (Roma), l’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico (Roma), sempre su Roma anche l’Accademia Internazionale di Teatro; per poi passare a Milano con la Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi e la Scuola di Teatro Luca Ronconi. Ovviamente ci sono tante altre scuole di recitazione in Italia, il consiglio per scegliere è partire dall’idea di che tipologia di attore si vuole diventare, se di teatro o di cinema.

Cosa fare dopo la scuola di recitazione

Terminata la scuola, l’aspirante attore deve preparare un book fotografico da allegare al curriculum vitae per proporsi alle agenzie di spettacolo che si occupano della promozione di attori e attrici di cinema, teatro, televisione e pubblicità. 

Fare l’attore, lo ricordiamo, non è semplice in quanto richiede una lunga gavetta. Si sconsiglia di iniziare con le comparse: di solito chi si promuove per le comparse poi non verrà mai chiamato a fare il protagonista o l’attore cinematografico perché sono due strade diverse, e molto spesso l’una brucia l’altra in principio. Da qui inizierà la lunghissima trafila di casting e provini dalla quale non si uscirà a meno che non si riesca a diventare "qualcuno" uscendo dal circolo vizioso della gavetta.

Commenti dai blog per attori 

Facendo qualche ricerca web sui blog di spiranti attori e nelle varie community di recitazione esce fuori che la maggior parte deve avere per forza lavori secondari perché le paghe sono veramente da ridere.

“Faccio un corso di teatro da 4 anni e ogni anno ho fatto un lavoro finale di 1 ora circa. Come ho detto sopra sono corsi, per cui non vengo pagato, l'unica esperienza in cui sono stato pagato è stato un provino tramite una compagnia teatrale che cercava persone per un musical su Romeo e Giulietta. Ho fatto il mio provino e sono stato scelto per interpretare Mercuzio” ha raccontato questo ragazzo che non viene citato per privacy, “Ho fatto 4 repliche e sono stato pagato meno di 50 euro a spettacolo” ha infine concluso raccontando la notizia shock.

Ma qual è l’attore che è stato pagato di più in assoluto per parole pronunciate? Un altro utente racconta:

“Sicuramente Arnold Schwarzenegger per il suo ruolo nel film "Terminator 2". Arnold Schwarzenegger per girare "Terminator 2" è stato infatti pagato 15.000.000 di dollari. “Fin qui nulla di strano, considerando che ci sono attori che per film molto meno epici vengono pagati molto di più -continua a specificare l’utente- La cosa curiosa è che in tutto il film, Schwarzenegger nella parte dell'androide modello T-800, pronuncia solamente 700 parole. Il calcolo dunque è semplice, 15.000.000 ÷ 700 = 21.428$ per ogni parola pronunciata! Immaginate di esser pagati uno stipendio annuo con una sola parola!”.

Leggi anche >>Film da vedere a maggio 2022: ecco la lista