Balenciaga, la campagna con i bambini diventa un caso: ecco cosa è successo davvero

Balenciaga, lo spot con i bambini diventa un caso dopo l'ondata di indignazione che si è sollevata sui social network: ecco le star che hanno preso le distanze dal brand e quelle che non hanno ancora preso una posizione.

balenciaga campagna bambini

In questi giorni il mondo della moda è stato scosso dal caso scatenato dalla campagna di Balenciaga.

Il noto brand di moda ha lanciato una campagna molto divisiva che ha come protagonisti dei bambini circondati da oggetti di ogni tipo disposti ordinatamente intorno a loro.

Come vedremo però, gli oggetti scelti per i set hanno fatto molto discutere e hanno costretto la casa di moda a fare un passo indietro e ritirare immediatamente la campagna.

Scopriamo cosa è successo.

Tutti i lati oscuri della campagna Balenciaga Objects

Negli ultimi tempi Balenciaga e il suo direttore creativo, Denma, ci hanno abituati a moltissime provocazioni: dalla borsa/sacco della spazzatura o la nobilitazione delle Crocks da ciabatte ad oggetto del desiderio di tantissimi fashion addicted; nulla però ci aveva preparati ai contenuti di questa campagna e tanto meno alle discussioni che sarebbero sorte intorno ad essa.

A quanto pare infatti la campagna ribattezzata Objects, doveva raccogliere tutti gli oggetti del desiderio di Denma, fotografati insieme a dei bambini dal fotografo Gabriele Galimberti, spesso coinvolto in progetti che raccontano il lato eccentrico della vita quotidiana.

Nella campagna però, insieme ai modelli bambini, appaiono diversi oggetti di dubbia interpretazione che hanno scatenato reazioni indignate sui social network.

A quanto pare infatti, oltre agli orsetti tenuti in mano dai bambini e chiaramente ispirati al mondo del bondage e del bdsm, ci sarebbero anche altri elementi all'interno delle foto che hanno sconvolto l'opinione pubblica.

«Un’esplorazione di ciò che le persone collezionano e ricevono come regali»

Così recita la nota divulgata dall'ufficio stampa del brand.

Gli utenti sui social network hanno reagito in modo deciso, puntando il dito sia contro la maison che contro il fotografo che si sarebbe prestato a realizzare gli scatti, nonostante i set fossero potenzialmente divisivi.

 

Galimberti ha in seguito dichiarato di essere arrivato sulla location dello shooting e di aver trovato la preparazione dei set già completata, un modo insomma per prendere le distanze dal contenuto della campagna che è stata ritirata dal brand in seguito alle violente critiche ricevute da parte dell'opinione pubblica.

La reazione delle star alla campagna di Balenciaga

Ad aver attirato le ire dei social network non è stata solo la campagna in quanto tale, ma soprattutto il silenzio di gran parte del mondo dello spettacolo, accusato di prendere sempre posizione durante ogni scandalo, ma di non essere intervenuti quando ad essere messa in discussione è la sicurezza e la diffusione di un certo tipo di immagini di bambini.

Unica eccezione, Kim Kardashian, che negli scorsi giorni è intervenuta sulla questione attraverso un tweet in cui prende le distanze dal brand e si riserva di riflettere sulla sua collaborazione con Balenciaga; ribadisce inoltre di essere rimasta molto turbata dalla campagna.

 

Nessuna reazione invece da altre celebri testimonial del brand come ad esempio Nicole Kidman e Isabelle Huppert.