Vacanze o gita fuori porta? Nei luoghi da visitare in Italia non dovrebbe mai mancare Napoli.

Si dice che la città di Napoli deve le sue origini alla sirena Partenope. Probabilmente, è proprio da questo che deriva la dualità di questa città. 

Infatti, da un lato il capoluogo campano riserva bellezze uniche nel suo genere. Dall’altro, però, è possibile vedere tutti i segni più negativi della modernità, quali traffico e caos

Un famoso detto recita:

Vedi Napoli e poi muori.

Questo probabilmente perché si tratta di una città unica. Ci troviamo difronte ad un luogo particolare e irreplicabile, che spesso può essere anche difficile da descrivere

Ovviamente, per catturare la vera essenza di questa città è necessario immergersi in essa. Dunque, non basterà limitarsi ai monumenti più famosi, ma sarà fondamentale addentrarsi nei suoi vicoli. In questo modo riuscirai a cogliere la vera anima della città. 

Ricorda: ti troverai a contatto con le persone del luogo. Proprio per questo, sentendoli parlare dovrai accettare di non capire la maggior parte delle cose che dicono. Perché? Perché il napoletano non è solo un dialetto, ma una lingua vera e propria

Napoli presenta bellezze apparentanti a diverse epoche e diverse culture. Questo perché per anni è stata la capitale dell’Italia mediorientale e, di conseguenza, è stata continuamente attaccata, distrutta e ricostruita

Ciò porta Napoli a possedere un patrimonio artistico e cultuale tutto suo. Questo la rende una meta turistica unica nel suo genere. 

In questo articolo cercheremo di fare una rassegna su cosa vedere a Napoli. Ovviamente, il tempo non sarà mai abbastanza. Infatti, il consiglio è proprio quello di immergersi nella città e per fare ciò, non avrai mai abbastanza tempo a disposizione. Intanto, vediamo una rassegna di cosa vedere a Napoli, anche in pochi giorni.

Cosa vedere a Napoli: i monumenti più importanti 

Nella nostra rassegna dedicata a cosa vedere a Napoli, partiamo dai monumenti. 

Iniziamo col dire che i monumenti a Napoli sono tantissimi. Infatti, questa città ricordata principalmente per la pizza e per il Vesuvio ha davvero innumerevoli bellezze da offrire. 

Per primo è doveroso citare il Castel dell’Ovo. Si tratta del castello più antico della città che risale al XII secolo. Inoltre, questo è uno dei monumenti maggiormente fotografati dai turisti di tutto il mondo che visitano la città.

La peculiarità di questo luogo è data dal fatto che si trova sull’isolotto di tufo di Megaride. Proprio per questo, accedendo al castello sarà possibile vedere dall’alto l’intero Golfo di Napoli

È bene ricordare che, in epoca di Covid-19, dal 6 agosto 2021 è possibile visitare Castel dell’Ovo solo se si è provvisti di Green Pass. Dunque, se non lo possiedi, è consigliabile effettuare un tampone per non privarti di questa grande bellezza. 

Proseguiamo la rassegna dedicata a cosa vedere a Napoli con il Duomo di Napoli. Esso viene anche chiamato cattedrale metropolitana di Santa Maria Assunta. Si tratta di uno dei monumenti di maggior pregio della città, in quanto presenta una sovrapposizione di diversi stili architettonici. Questo perché negli anni è stato più volte distrutto e ricostruito. Con ciò il Duomo di Napoli ha portato con sé diversi stili risalenti a diverse epoche.

Altro importante monumento che non può mancare tra cosa vedere a Napoli è il Palazzo Reale. Questo palazzo vide le sue origini nel 600 ad opera dell’architetto Domenico Fontana. Si tratta di una delle quattro residenze ufficiali dei re Borboni che ebbero durante il Regno delle Due Sicilie.

Quarto monumento che vi consiglio di visitare è Castel Nuovo, conosciuto anche come Maschio Angioino, uno dei simboli di Napoli. Questo monumento si caratterizza per la sua struttura composta da cinque torri. Ciò che è affascinante da vedere è il suo stile, in quanto negli anni si sono alternati qui re e viceré di diverse nazionalità. 

Per gli appassionati della letteratura è bene ricordare che questo monumento è presente anche nella Divina Commedia in quanto fu scelto come residenza dal Papa Celestino V.

Cosa vedere a Napoli: le piazze più belle del capoluogo campano

Molto caratteristiche sono anche le piazze di Napoli, che non potrebbero mancare nella rassegna su cosa vedere

Infatti, si tratta di veri e propri musei a cielo aperto, nei quali potrai perderti tra le innumerevoli bellezze che propongono.

La prima piazza che deve assolutamente rientrare tra cosa vedere a Napoli è la famosa Piazza del Plebiscito. Si tratta di una piazza caratterizzata da 25mila metri di superficie. Infatti, rientra tra le piazze più grandi d’Italia.

Proprio per questo motivo, questa piazza viene scelta spesso per ospitare le più importanti manifestazioni e i concerti. Al centro della piazza è possibile ammirare il già citato Palazzo Reale, ma non solo. Infatti, in questa piazza sono contenuti altri monumenti rappresentativi: la Basilica di San Francesco di Paola, il Palazzo della Prefettura ed il Palazzo Salerno.

Un’altra piazza da vedere si trova all’interno di Spaccanapoli (di cui parleremo in seguito). Stiamo parlando di Piazza del Gesù Nuovo, caratterizzata dal meraviglioso obelisco dell’Immacolata.

Nella rassegna di cosa vedere a Napoli non può non essere inclusa Piazza Dante, una delle piazze più famose della città. Ovviamente, come si deduce dal suo nome, questa piazza è dedicata a Dante Alighieri. Infatti, è presente la statua dedicata al poeta. 

Una piazza particolare e caratteristica è rappresentata da Piazza Garibaldi. Essa si trova in corrispondenza della stazione di Napoli Centrale. Questa piazza ospita un mix di culture molto particolare e vivace

È fondamentale visitare anche Piazza Carità, situata a pochi passi dalla fermata di Toledo. Si tratta di una piazza estremamente caratteristica situata molto vicino ad altre zone di interesse, come i Quartieri Spagnoli.

Cosa vedere a Napoli: le stazioni della metropolitana dell’arte

Proprio così, nella rassegna su cosa vedere a Napoli rientra anche la sua metropolitana. Infatti, la linea 1 non è solo un mezzo di trasporto, ma una vera e propria galleria d’arte

Essa si caratterizza per 18 chilometri e comprende 18 stazioni. In queste sarà possibile ammirare 180 opere appartenenti a più di 90 architetti di fama internazionale

Parliamo di un vero e proprio museo a cielo aperto grazie alle famose stazioni dell’arte. Infatti, su 18 stazioni della metro della linea 1 di Napoli ben 15 sono considerate stazioni dell’arte

Ovviamente, la stazione dell’arte più famosa è Toledo, conosciuta in tutto il mondo. Questa stazione è stata premiata dal quotidiano inglese Daily Telegraph e la CNN nel 2012 come stazione più bella d’Europa

La stazione di Toledo è stata ideata dall’architetto spagnolo Oscar Tusquets Blanca ed è caratterizzata dal colore azzurro. Inoltre, lungo le pareti sono presenti numerosi mosaici. Infine, alzando la testa verso l’alto, sarà possibile ammirare il Crater de Luz. Si tratta di un grande cono che offre una vista suggestiva e caratteristica.

Cosa vedere a Napoli di caratteristico: dai Quartieri Spagnoli a Spaccanapoli

A Napoli non è raro vedere luoghi contrastanti. Infatti, spesso le opere architettoniche e le famose vie delle shopping sono affiancate a zone considerate poco sicure dal pubblico. 

Una di queste è rappresentata dai Quartieri Spagnoli. Si tratta di quella zona, situata nel cuore del centro storico di Napoli, dove alloggiavano le truppe spagnole negli anni della loro dominazione. 

Proprio per questo, visitando i Quartieri Spagnoli ti immergerai in piccole viette, che spesso, per la loro fama, vengono considerate pericolose. Tuttavia, oggigiorno i Quartieri Spagnoli stanno vivendo un vero e proprio periodo di rinascita. 

Ovviamente bisogna prestare attenzione, in particolare ai motorini che sfrecciano per le piccole e caratteristiche vie. 

Tuttavia, se si decide di addentrarsi in questa zona, non si potrà non rimanere colpiti dalle botteghe caratteristiche. 

Dai Quartieri Spagnoli, andando verso il quartiere di Forcella ci si imbatterà nella famosa Spaccanapoli. Essa non è aereo che una via che taglia in linea retta la città.

Lungo questa strada si incontrano chiese, famiglie, artisti, artigiani e venditori abusivi che vendono la qualunque. In questa via riuscirai a vedere la vera essenza della città di Napoli e solo visitandola capirai quanto essa sia rappresentativa

Cosa vedere di particolare a Napoli? Senza dubbio la Napoli Sotterranea

Prima di immergerti nel racconto di cos’è la Napoli Sotterranea ricorda che, in base alle disposizioni contro la diffusione del Covid-19, per accedere a questo sito è necessario il Green Pass

Ma cos’è Napoli Sotterranea? Un tempo per costruire la città in superficie è stato ricavo il tufo dalla parte sotterranea di Napoli. Proprio per questo motivo, la parte sotterranea della città presenta una storia parallela

Essa è servita, negli anni, come rifugio dai bombardamenti, come fonte di acqua, ma anche come luogo di delinquenza. 

Negli ultimi anni questa zona è stata recuperata e, ad oggi, è possibile fare un tour della Napoli Sotterranea, per vedere la città sotto un nuovo punto di vista. Particolare è, soprattutto, la visita vicino al Teatro romano di Nerone. Infatti, qui si trova una botola per accedere addirittura ad un’abitazione privata

Il percorso dura circa 2 ore ed ha un costo di 9 euro. È possibile visitare la Napoli Sotterranea dalle 10.00 alle 18.00.

Sempre sottoterra sarà possibile visitare la Galleria Borbonica. Essa serviva per permettere l’accesso al Palazzo Reale alle truppe. Inoltre, era un’ottima via di fuga verso il mare. In questo caso, il costo del biglietto è di 10.00 euro. 

Cosa vedere a Napoli: il mare, ovviamente

Nonostante siano presenti numerose opere e strade caratteristiche, non va dimenticato che Napoli è anche una città marittima. 

Dunque, all’interno della rassegna su cosa vedere a Napoli non poteva mancare una menzione al suo mare

Infatti, il giornalista Guido Piovene ha definito il Golfo di Napoli come il “più bel golfo della terra”.

Esso si presenta come in una cartolina. Visitare il già citato Castel dell’Ovo e perdersi tra le stradine del Borgo Marinari darà un’immagine molto caratteristica della città.

Inoltre, tramite percorsi organizzati, sarà possibile visitare anche le famose isole di Procida, Ischia e Capri. Infatti, esistono numerosi collegamenti via nave verso le diverse isole in vari orari del giorno.

Oltre cosa vedere a Napoli: cosa mangiare?

Dopo aver visto una rassegna su cosa vedere a Napoli, passiamo alla gastronomia. Infatti, si sa, Napoli è famosa anche per la sua cucina.

Come primo piatto non si può fare altro che menzionare la pizza. Infatti, essa è riconosciuta dalla Comunità Europea con il marchio STG, dunque come una specialità tradizionale garantita. La pizza napoletana si caratterizza per i suoi bordi morbidi ed alti. Una specialità da provare assolutamente.

Altri piatti tipici della cucina napoletana sono la pastiera, tipico dolce pasquale, i friarielli, il castiello, i babà, gli struffoli e la parmigiana di melanzane.

Insomma, Napoli offre pietanze che possono soddisfare ogni tipologia di palato. In ogni zona della città potrai trovare numerosi ristoranti caratteristici. Molti di essi sono anche molto attenti alle più comuni intolleranze alimentari, quali glutine, lattosio e frutta a guscio.