"Diabolik: Ginko all'attacco!" torna al cinema, ma senza Luca Marinelli. Ecco il perché

In uscita il 17 novembre il secondo capitolo della saga dedicata a Diabolik dei Manetti Bros., ma Luca Marinelli non impersonerà più il re del terrore. Abbiamo scoperto come mai.

Diabolik 2

Dopo il successo della critica del primo film, meno fortunato al botteghino, i Manetti Bros. firmano la regia della seconda pellicola dedicata a Diabolik, in questi giorni nelle sale.

Nel cast conferme e new entry, la trama che va a scavare nell'intimità dei personaggi: ecco tutto quello che sappiamo sulla pellicola.

La svolta intimistica del secondo Diabolik

Il secondo film basato sul personaggio delle sorelle Giussani, non vuole essere caratterizzato come sequel, lo affermano gli stessi registi Marco e Antonio Manetti. La storia si sviluppa intorno all'ennesimo colpo dei due complici e amanti Diabolik ed Eva Kant, che si ritrovano tuttavia in una trappola dell'ispettore Ginko, deciso più che mai a fermare una volta per tutte l'eterno rivale. Il legame tra i due criminali verrà messo a dura prova, ma allo stesso modo sarà l'ispettore a trovarsi in difficoltà di fronte alla comparsa del suo eterno amore: Altea.

Quella che vedremo in questo Diabolik è una nuova prospettiva, del tutto intimistica, richiamata anche dalla colonna sonora, impreziosita dal nuovo singolo di Diodato "Se mi vuoi". La stessa atmosfera sembra che caratterizzerà anche il terzo e ultimo capitolo, in uscita nel 2023.

Nel cast ritroviamo il Ginko di Valerio Mastandrea e Miriam Leone nel ruolo della fatale Eva Kant. Grandi aspettative per Monica Bellucci nel ruolo della carismatica Altea e ancora più grande curiosità per il nuovo protagonista: non sarà più Luca Marinelli.

Perché l'attore è stato sostituito

Grande novità del film è la sostituzione di Luca Marinelli come protagonista. Già confermato ad aprile, il sostituto per il ruolo del genio del crimine è Giacomo Gianniotti, attore italo-canadese noto soprattutto per il suo ruolo nella serie Grey's Anatomy.

Il motivo del cambio attoriale è ancora una volta un risvolto della pandemia: lo slittamento dell'uscita del primo film ha provocato la sovrapposizione delle successive produzioni con altri impegni di Marinelli. Quali saranno l'esito di questa novità e il parere di critica e pubblico lo scopriremo molto presto.