Frasi tipiche di chi vuole svalutarti: dai falsi complimenti alle frecciatine guastafeste

Quali sono le frasi tipiche di chi vuole svalutarti? Perché prima o poi, comunque si riesce a smascherare chi ci ha usato per anni. Ecco i campanelli d'allarme.

aiuto psicologico per donna svilita dal compagno

Capita a tutti e nelle migliori famiglie, come si suol dire. E prima di rendersi conto di avere accanto una persona in cui abbiamo mal riposto la nostra fiducia, può trascorrere molto tempo.

Qualche campanello d’allarme si deve però imparare a riconoscere ovvero quelle che sono le frasi tipiche di chi vuole svalutarti.

Perché prima o poi, comunque si riesce a smascherare chi ci ha usato per anni.

Manipolazione emotiva per sminuire e far sentire in colpa

Il più delle volte, si pensa subito al lato economico della questione, perché spesso ci sono coppie che stanno insieme “per convenienza”, pur non amandosi.

In questo caso che stiamo per affrontare però, la manipolazione è molto più subdola.

Ci ritroviamo infatti di fronte a persone (spesso proprio il partner) che non sanno amare genuinamente e costruire una relazione sana, essendo solo concentrate su se stesse.

Scopri quali sono le frasi tipiche di chi è stato trascurato emotivamente nell'infanzia.

Questo genere di persone sceglie la sua ignara “vittima” perché rappresenta un valore aggiunto, con cui fare “bella figura” e rinforzare il proprio ego.

L’altro non esiste dunque come persona ma solo come presenza “utile” nella loro vita, da più punti di vista.

Chi vuole svalutarti non pensa mai a cosa vuoi davvero tu né tantomeno gli interessa o gli sta a cuore aiutarti a realizzarlo. Tutto ciò che fa o che dice deve sempre avere un tornaconto personale. Il punto è che non è sempre evidente questo tipo di comportamento.

Spesso infatti si giustificano questi atteggiamenti con una “giornata storta” o a causa di uno stress eccessivo, per via di un carattere spigoloso e via di seguito.

Ma di norma, anche se possono trascorrere anni, prima o poi si riesce a smascherare questo genere di persone che ci stanno accanto.

Quali sono i messaggi tipici di un manipolatore

Un ego insaziabile porta un individuo ad alimentarsi delle energie degli altri, svilendoli, facendoli sentire sempre sbagliati in tutto ciò che fanno. Da questa mortificazione, il loro ego si rafforza e si colmano i vuoti che portano dietro o i loro fallimenti non risolti.

Chi costruisce relazioni sane è ovvio che ama ricevere apprezzamenti e riconoscimenti di stima ma sa anche ricambiare, in uno scambio reciproco e sincero. La persona che invece ha questo tipo di disturbo a livello sociale, sta bene con se stesso solo quando riesce a sminuire gli altri, a giudicarli e a farli sentire sempre a disagio con loro stessi.

Da qui scaturisce anche il loro bisogno di controllo e dominio sull’altro. Sono persone infatti che riescono a mantenere un apparente benessere ed equilibrio solo se si sentono superiori agli altri.

Le altre persone (anche quelle più intime con le quali instaurano relazioni) sono solo strumenti nelle loro mani, di cui disporre all’occorrenza. Il problema è che una persona con queste caratteristiche si dovrebbe riconoscere facilmente. E invece la forza subdola di queste persone sta proprio nel costruire un’armatura scintillante per incantare gli altri e attirarli a sé.

Come i diversi personaggi di uno spettacolo teatrale, si alterna sul palcoscenico quello simpatico e “mattatore” delle serate, il cavaliere senza macchia e senza paura, quello che fa tutto “per la famiglia” e che ovviamente non manca occasione per mettere in evidenza tutti i sacrifici che fa (così, secondo il suo ragionamento, nessuno potrà mai accusarlo di essere invece un egocentrico).

Questi “cantastorie” amano ricamare sui racconti che fanno di sé e dei proprie imprese prodigiose, distorcendo sempre la realtà a modo loro, in maniera che ovviamente la versione finale risulti sempre a loro vantaggio.

Attenzione perché si tratta di individui in grado di corrodere anche la personalità più forte e tenace. Chi riesce a smascherare questo genere di persone non deve dunque cadere nell’errore di essere debole. Sono loro ad avere un guizzo diabolico, da cui è essenziale allontanarsi il prima possibile.

Anche nelle giornate apparentemente più tranquille, non manca mai un velato rimprovero, un’appunto, una frecciatina, un modo sottile e quasi “educato” di mettere in risalto per l’ennesima volta un tuo difetto.

E la critica arriva sempre, sia che hai fatto qualcosa secondo lui di sbagliato sia che hai mancato di farla e invece avresti dovuto.

Frasi tipiche di chi vuole svalutarti: esempi

Ci sono diversi “copioni” al quale l’ego insaziabile attinge.

Il falso complimento

In effetti, in apparenza sembra davvero un apprezzamento ma di solito termina sempre con un dubbio, ad esempio:

  • che bello, complimenti per il tuo nuovo lavoro ma sei sicura che ne vale davvero la pena?

  • brava, che progetto interessante ma pensi che ce la farai a realizzarlo?

Il paragone falsamente positivo

Hai una laurea ma sicuramente lui no. Tasto dolente, che ti rinfaccerà alla prima occasione. Ad esempio:

  • sì, anche il figlio del mio amico ha la tua stessa laurea e lavora al fast food. Ma sicuramente per te andrà meglio

  • davvero ti pagano così per il tuo lavoro? Che fortuna, a me non è mai capitato.

Ovviamente, l’ego insaziabile pensa che gli altri abbiano sempre ricevuto un regalo dopo l’altro nella vita, lui invece è l’unico che lavora/suda/fatica e le sue sono vere e proprie imprese epiche, mica obiettivi facili come quelli che realizzano tutti gli altri nel resto del mondo.

Spegnere l’entusiasmo

Se lui che non ha studiato prende una certificazione in inglese, ha scalato la vetta più alta del mondo. Se invece l’hai fatto tu, allora ti dirà probabilmente:

  • brava, l’inglese è utile ma secondo me se non fai pratica all’estero non serve a niente.

E guai a provare a ribattere: l’ego insaziabile è molto abile anche a fare l’offeso e a “vendersi” agli occhi degli altri come una vittima immolata sull’altare.

Cosa fare contro chi vuole svalutarti

Purtroppo non c’è molto margine di intervento con questo genere di persone, che mancano assolutamente di capacità introspettiva e quindi spostano l’ago della bilancia della loro povera esistenza all’esterno.

Solo l’aiuto di uno specialista può provare a riportare in equilibrio una situazione così compromessa.

Leggi anche: Come incastrare un manipolatore.

Leggi Anche

Fabio Borghese chi e

Fabrizia Volponi

28 feb 2024
Simona Marchini chi e

Fabrizia Volponi

28 feb 2024