La famiglia è tutto ciò che ci rappresenta, nel bene e nel male. La nostra identità nasce da un’unione, cresce negli insegnamenti di chi ci ha dato la vita e si sviluppa nel tempo abbracciando doti morali ed intellettuali atte a definirci. 

Scopriamo perché si festeggia e quando è stata istituita la Giornata mondiale delle famiglie e gli eventi in programma durante domenica 15 maggio!

Giornata internazionale delle famiglie: quando e perché si festeggia?

La Giornata internazionale delle famiglie si celebrerà domenica 15 maggio 2022.

Questa festa, oltre a palesarsi in cortei e manifestazioni, sarà per tutti un’occasione per far comprendere quanto sia importante e quale peso ricopra nella comunità. Più di qualsiasi altra cosa, questa celebrazione ha lo scopo di promuovere la consapevolezza dei problemi relativi alla famiglia in modo da aumentare la conoscenza dei processi sociali, economici e demografici che la interessano.

Il tema di quest’anno (scelto dall’ONU) verterà sull’introduzione delle nuove tecnologie a sostegno dell’equilibrio familiare, messo a dura prova durante l’emergenza pandemica che ha colpito tutto il mondo. L’importanza delle tecnologie digitali non solo per il lavoro, ma anche per l’istruzione e la comunicazione ha reso evidente la presenza di molte criticità alle quali le famiglie hanno dovuto far fronte non solo nel privato ma anche nel sociale. Inoltre, si analizzeranno le tendenze familiari e le dinamiche stanno facendo crescere il numero delle monoparentali, attualmente superiori a quelle allargate in cui vivono anche i nonni.

La diminuzione di queste ultime e l’incremento delle prime mettono in risalto il tema della protezione sociale, ossia quel principio in base al quale ad ognuna di esse dev’essere riconosciuta la più ampia protezione ed assistenza sin dalla formazione.

Poiché la famiglia è la comunità primaria dentro la quale si esplicano i diritti fondamentali del singolo, l’esigenza di assicurare protezione nasce dal desiderio e dalla necessità di conseguire un idoneo sviluppo di tutti quegli aspetti personali che lo caratterizzano.

Non si parla, dunque, di perseguire soltanto l’obiettivo di aiutare le famiglie negli aspetti del quotidiano bensì di garantirne il corretto funzionamento per il bene di tutti i suoi componenti.

La Giornata internazionale delle famiglie sarà sicuramente un momento di grande unità collettiva e di gioia, ma non bisogna diventare che il motivo dietro al festeggiamento è molto più complesso e delicato di quello che sembra.

LEGGI ANCHE: La famiglia nelle pubblicità è efficace? 9 casi studio!

Giornata internazionale delle famiglie: quali iniziative ci sono in Italia?

Quale giornata migliore di una splendida domenica di sole per poter festeggiare la famiglia?

Le organizzazioni e le associazioni che ne difendono i diritti lo sanno bene e non hanno di certo mancato ad introdurre iniziative all’insegna del divertimento.

Nella città di Spoleto, ad esempio, si terrà un laboratorio didattico intitolato “Il guardaroba di Lucrezia”, un’attività che farà rivivere a tutte le famiglie con bimbi dai 5 agli 11 anni, l’atmosfera cinquecentesca della fortezza di Spoleto.

All’interno delle sue mura, si potranno trovare gli abiti cuciti dagli studenti dell’IPSIA della città che si renderanno disponibili a crearne su misura per i più piccoli e ad insegnare loro l’arte della sartoria.

L’attività avrà inizio alle 11:00 e la tariffa di partecipazione sarà di € 5,00.

A San Giorgio Bigarello (in Lombardia) invece, alle ore 16:00 si terrà lo spettacolo teatrale intitolato “Storia di un bambino e di un pinguino”.

Carica di espressività metaforica, questa storia porterà le famiglie e i bambini a riflettere sulla difficoltà del comunicare e del comprendere l’altro da noi. Sebbene il tono della narrazione possa essere buffo e fiabesco, il pubblico verrà spinto a porsi delle domande sull’importanza del dialogo e dell’uso delle parole.

Lo spettacolo si terrà presso l’Auditorio del Centro Culturale di via Frida Kahlo e per potervi partecipare sarà necessaria la prenotazione. Per i più avventurosi, l’evento all’Altomincio Village a Vialeggio sul Mincio sarà un’ottima occasione per mettersi alla prova insieme alla propria famiglia.

Sabato 14 maggio si potrà partecipare alla prima edizione della corsa ad ostacoli più perigliosa d’Italia, fatta di muri da scalare, pioli e anelli in sospensione, funi da risalire, pesi da trasportare in corsa. Domenica 15 maggio, invece, tra il fiume Mincio e le colline Moreniche la manifestazione interesserà le famiglie, invitandole a partecipare alla corsa ad ostacoli adatta sia agli agonisti che agli appassionati e agli amatori.

I 600 ostacoli presenti lungo il percorso saranno un modo alternativo per incentivare le famiglie a condividere la passione per l’obstacle racing e rafforzare il proprio legame sul campo. Sempre nelle stesse località, sarà possibile dedicarsi anche al relax e al divertimento usufruendo delle piscine, dell’area giochi (minigolf), della sala giochi e dei tavoli da ping pong oltre ai servizi a noleggio per farsi una bella biciclettata in compagnia.

Poiché non tutte le famiglie avranno la possibilità di partecipare a questi eventi, ci sono altre mille cose da fare rimanendo tra le comode ed intime mura di casa, divertendo anche i bambini. Una fra queste è quella di piantare un orto familiare, dove i più piccoli se la spasseranno a sporcarsi le mani di terra ed impareranno ad essere pazienti e autonomi grazie ai compiti semplici che affiderete loro.

In alternativa, si può creare un pasto in famiglia facendoli diventare dei piccoli chef. Secondo ricerche recenti, è stato dimostrato che mangiare tutti insieme o preparare il pranzo aiutandosi a vicenda, fa in modo che i bambini non soffrano di disturbi alimentari o sviluppino depressione. Può essere utile anche improvvisare un campeggio in cortile o sedersi in giardino a raccontarsi storie di famiglia. Ogni attività che preveda la condivisione e l’inclusione è ben accetta in un giorno così speciale, spesso minato da discussioni non necessarie e talvolta minimizzato dai media. 

Le offerte di Trenitalia e Frecciarossa nella Giornata internazionale delle famiglie

Quando si è in famiglia capita spesso di vivere un’avventura, sia essa in un parco divertimenti o in una gita fuori porta decisa all’ultimo. Per questo motivo la compagnia di Trenitalia ha deciso di regalare il 50% di sconto su tutti i treni regionali per i viaggi in famiglia.

Si potranno raggiungere le località di mare e di montagna, i borghi più belli del paese e le città d’arte ancora inesplorate.

Sfogliano i travel book presenti sui siti ufficiali, si potranno vedere le destinazioni ed acquistare (esclusivamente online) i biglietti a prezzi davvero vantaggiosi. La promozione è valida solo per i viaggi da effettuarsi domenica 15 maggio 2022 sui treni regionali, regionali veloci e metropolitani della compagnia e non è ammesso né il cambio data, né il rimborso.

Con Frecciarossa lo spostamento sarà confortevole e l’elevata velocità del servizio non vi farà sentire la stanchezza del viaggio, soprattutto se avete bambini a seguito. La comodità delle poltroncine, il servizio bar e la silenziosità dei vagoni vi permetterà di rilassarvi e di godere del paesaggio mutevole dalle grandi finestre. La vostra famiglia passerà una giornata indimenticabile all’insegna della condivisione e dello stare in compagnia, ricordando ancora una volta quanto sia bello appartenere ed appartenersi. 

Quando è nata la Giornata mondiale delle famiglie

Quando pensiamo alla famiglia la prima immagine che arriva ai nostri occhi siamo noi che corriamo tra le braccia di mamma e papà. Quando allarghiamo l’orizzonte di veduta, ci immaginiamo a mangiare ciliegie nel giardino dei nonni mentre loro ci osservano e attendono di avere il nocciolo in mano. Vediamo i Natali passati tutti insieme, i litigi nati dalle incomprensioni, i momenti difficili superati uno aggrappato alle spalle dell’altro.

La famiglia è l’unico legame indissolubile. Anche quando la rinneghiamo o ce ne allontaniamo per vivere la nostra vita, lei è sempre lì ad aspettare il nostro ritorno. Senza di essa non saremmo le persone che siamo e, probabilmente, non avremmo le coordinate necessarie per orientarci nel mondo.

Anche se in molti pensano che la propria identità sia soltanto la somma di tutto quello che capita nelle esperienze vissute e nel tempo che passa, niente può sostituire il senso di appartenenza che proviamo quando riabbracciamo le nostre radici.

La Giornata internazionale delle famiglie nasce proprio per questo motivo: celebrare quello che in termini tecnici viene inteso come nucleo sociale, rappresentato da due o più individui, che vivono nella stessa casa e sono legati da un vincolo sacro o da un rapporto di parentela stretto.  

Istituita dall’ONU quasi trent’anni fa, la Giornata internazionale delle famiglie non è solo un esempio del peso che essa riveste nella società, quanto più un’occasione di dibattito sui temi sociali ed economici che la riguardano.

Nel lontano 1993 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite (ONU) ne proclamò la nascita per evidenziare ciò che essa rappresenta, ovvero le fondamenta di un gruppo sociale e di un ambiente naturale costruite per assicurare lo sviluppo e il benessere di tutti i suoi membri.

La connotazione giuridica e legislativa si ebbe solo quando venne scritto l’articolo 29 della Costituzione Italiana nel quale la Repubblica stessa la riconosceva come società naturale fondata sul matrimonio e sull’uguaglianza morale, nei limiti stabiliti a garanzia dell’unità familiare. Sebbene, al giorno d’oggi, i modelli in cui essa si identifica sono molteplici, in ogni sua espressione indica un gruppo sociale indispensabile ed insostituibile, anche se spesso soggetto a trasformazioni. Questo a significare che, indipendentemente dal genere a cui apparteniamo o scegliamo volontariamente di appartenere, la famiglia rimane il posto in cui ci si sente amati, protetti, accuditi e dove i bisogni affettivi, economici e sociali vengono sempre soddisfatti.