Ivana Knoll rischia l’arresto: ecco chi è la tifosa della Croazia criticata dal web

Tra i tanti tifosi che sono volati in Qatar per supportare la propria squadra, c’è anche una donna che ha scatenato una polemica. Scopriamo insieme chi è.

ivana-knoll-chi-e

È passata ormai poco più di una settimana dall’inizio dei Campionati Mondiali di Calcio 2022, infatti questi ultimi hanno avuto inizio il 20 novembre e termineranno il mese prossimo, il 18 dicembre 2022.

Negli scorsi giorni abbiamo però avuto già modo di assistere a partite entusiasmanti che hanno emozionato tifosi di tutto il mondo, ma tra questi c’è una persona che ha attirato l’attenzione in maniera particolare e per motivi che non riguardano il calcio.

Vediamo dunque chi è questa tifosa e cosa è successo in questi giorni.

Ivana Knoll: chi è, qual è la sua età e che lavoro fa

Ivana Knoll è una modella nata nel 1992 a Francoforte, in Germania, e all’età di soli 7 anni si è trasferita in Croazia, precisamente a Zagabria, con i genitori, entrambi croati. Nel 2016 ha partecipato a Miss Croatia World ed è diventata famosa per aver anche praticato pole dance e danza del ventre.

Il suo profilo Instagram conta ormai più di 800 mila followers, dove la modella posta regolarmente ed è molto apprezzata per la sua indubbia bellezza. Inoltre ha ottenuto molta popolarità anche dopo aver indossato i colori croati in occasione della Coppa del Mondo FIFA 2018.

La sua tifoseria, dunque, non è una novità, pertanto non stupisce il fatto che la “tifosa più sexy della Coppa del Mondo” sia presente anche ai Mondiali 2022, come ha mostrato lei stessa sul suo profilo Instagram, ma è proprio da ciò che sono iniziate le polemiche.

Perché la tifosa croata è stata criticata e cosa rischia

Il motivo per cui Ivana Knoll è stata attaccata riguarda principalmente il modo in cui si è presentata allo stadio per vedere la partita, infatti ha indossato un vestito a quadri bianco e rosso molto scollato, che va contro la cultura e i principi morali del Paese in cui sono giocati i Mondiali.

Alcuni commenti che ha ricevuto, infatti, sono ad esempio “rispetta le regole, è un Paese musulmano!” oppure “devi rispettare i nostri usi, le nostre tradizioni e la nostra religione”, infatti in Qatar ci sono diverse regole legate al modo di vestire, legate appunto alla loro cultura e religione.

Le autorità stesse hanno consigliato sia agli uomini che alle donne di non indossare pantaloncini o magliette senza maniche, ma se si decidesse comunque di non vestirsi in modo modesto si rischia di dover essere allontanati o addirittura di vedersi negato l’accesso a certi luoghi pubblici, come nel caso di Ivana Knoll.

Leggi anche: Mondiali Qatar 2022, sapete quanto sono pagati i tifosi per riempire lo stadio?