Punta dello stivale italiano, la Calabria è da poco stata riscoperta come meta per organizzare le proprie vacanze estive.

Tra le tante bellezze a disposizione, però, non sempre è semplice scegliere cosa visitare.

Una fucina di bellezze che si dividono tra il mare e la montagna, una lingua di terra tutta da esplorare e da scoprire per godere al meglio le proprie vacanze estive nella regione all’estremo sud d’Italia.

Come spiega in questo suo video Come si viaggia c’è davvero l’imbarazzo della scelta su cosa poter visitare: I 10 borghi più belli della Calabria | Cosa vedere in Calabria

 

Non rimane che partire alla scoperta della Calabria, organizzare le vacanze estive e scegliere cosa visitare per esperienze uniche, in base alle esigenze.

Una lista infinita di luoghi da visitare

Navigando online sono davvero tantissime le liste proposte dai siti sui migliori luoghi da visitare in Calabria per organizzare al meglio la propria vacanza, sia in estate che in inverno.

Dalle spiagge ai borghi medievali, infatti, la Calabria è la meta ideale qualsiasi sia in tipo di vacanza che si è scelto di organizzare.

Come spiega Archetravel il punto di partenza è decidere per quanti giorni si è deciso di soggiornare in Calabria, proponendo una lista dei dieci luoghi che non bisogna assolutamente perdere.

E anche il National Geographic non è rimasto indifferente alle bellezze calabresi.

Come sottolinea nell’articolo dedicato alle meraviglie da visitare in Calabria, il turista che organizza qui la sua vacanza non ha che l’imbarazzo della scelta tra i numerosi siti archeologici disseminati su tutto il territorio regionale, i borghi medievali che sorgono lungo la costa e nell’entroterra e, ovviamente, il mare cristallino che sul Tirreno e sullo Ionio contraddistingue il litorale calabrese.

Le città balneari da non perdere in Calabria

Se si è scelto di organizzare le proprie vacanze in Calabria per trascorrere delle giornate in relax al mare, le mete tra cui poter scegliere sono davvero numerose.

Tra la costa tirrenica e quella ionica, infatti, sono numerosissime le città più o meno grandi che risplendono per la loro bellezza incontaminata e l’acqua cristallina.

Partendo dal sud della costa del Tirreno calabrese, meta che deve essere assolutamente rientrare nel tour delle destinazioni balneari da visitare in Calabria è il borgo di Scilla.

Un’origine mitica racchiusa nel suo nome, che richiama la storia di Ulisse e il mostro che  terrorizzava i naviganti di passaggio attraverso lo Stretto di Messina, la città è oggi famosa per le bellissime spiagge sabbiose.

Un borgo caratteristico, con i suoi palazzi antichi, che scendono fino al mare, con una costa ricca di lidi che ogni estate raccolgono turisti e villeggianti che trascorrono sulla bianche sabbie di Scilla le loro vacanze.

A torreggiare sulla città si innalza il Castello Ruffo, l’antica dimora dell’omonima famiglia, dal quale è possibile perdersi in un panorama unico, che lascia scorgere in modo nitido la Sicilia, con lo stretto di Messina, e le Isole Eolie.

Collegato alla città vi è l’altro caratteristico borgo di Chianalea di Scilla: un reticolo di vicoli, il quartiere è noto soprattutto per la qualità dei ristoranti che portano sulle tavole le migliori tipicità della cucina di mare calabrese

Risalendo lungo la costa tirrenica, ecco che tra le bellezze da visitare ci si imbatte nella città di Tropea, in provincia di Vibo Valentia.

La perla del Tirreno sorprende ogni anno con le sue caratteristiche i visitatori che hanno scelto di organizzare le proprie vacanze in Calabria. Tropea infatti unisce la natura rigogliosa e incontaminata del suo mare cristallino con l’antico e pittoresco borgo medievale.

Nel bel mezzo della costa si erge il Santuario di Santa Maria dell’Isola, una struttura di circa un secolo e di proprietà dei monaci benedettini, che si erge su uno scoglio a strapiombo sul mare.

Se si sceglie di organizzare qui le proprie vacanze, partendo da Tropea è possibile visitare tantissime meraviglie che si estendono lungo i 55 chilometri di spiagge della Costa degli Dei.

Da Capo Vaticano, che ad oggi rientra tra le 100 spiagge più belle del mondo, alla città di Pizzo Calabro, sempre in provincia di Vibo Valentia, non c’è che l’imbarazzo della scelta su cosa visitare.

Proprio Pizzo Calabro è ricco di numerose spiagge, come Spiaggia di Colamaio, Spiaggia della Tonnara e Spiaggia della Marinella, dal sapore paradisiaco, ancora spesso poco frequentate e per questo in grado di restituire ai turisti degli scenari da sogno.

E tra le bellezze marine che non bisogna in alcun modo perdere vi è la Chiesa di Piedigrotta: una chiesa scavata interamente all’interno degli scogli della costa tirrenica, ricca di statue ed affreschi di fattura notevole.

Come per Tropea e per Scilla, anche Pizzo Calabro oltre al mare da favola regala anche un borgo medievale tutto da scoprire.

I vicoli e le strade strette in cui si snoda il centro storico sono ogni anno meta di passeggiate anche la sera per poter gustare il famoso tartufo, il gelato artigianale originario proprio della città di Pizzo Calabro. 

E sempre nel cuore del borgo medievale si erge il Castello Aragonese, una fortezza dedicata a Gioacchino Murat che vi trascorse i suoi ultimi giorni di vita.

Un’altro luogo che si deve inserire nella lista dei posti da visitare lungo la risalita della costa tirrenica della Calabria vi è San Nicola Arcella, in provincia di Cosenza.

Situato a pochi chilometri dal confine con la Basilicata, nell’estremo settentrione della Calabria, il borgo di San Nicola Arcella sorge all’interno della cosiddetta Riviera dei Cedri.

Un’antica città che si erge a strapiombo sul mare, ai cui piedi si stende la costa caratterizzata dalle limpide acque.

Ma senza dubbio la vera attrazione della città è famosa Grotta dell’Arcomagno.

I borghi e le città da visitare in Calabria

Se invece si è scelto di organizzare le proprie vacanze in Calabria per scoprire le antiche bellezze storiche, anche in questo caso non c’è che l’imbarazzo della scelta per decidere cosa visitare.

Nella zona della Calabria Meridionale, in provincia di Reggio Calabria, la città di Stilo rappresenta un luogo pregno di storia e al tempo stesso di magia.

Un antico borgo arroccato nelle montagne del reggino e che sorge alle pendici del Monte Consolino, la città di Stilo vanta origini leggendarie.

Secondo le tradizioni, infatti, si tratta di una delle più antiche città della Magna Grecia, fondata da profughi greci giunti per caso.

Oggi la città è protetta da mura difensive particolarmente alte, il cui accesso è consentito tramite 5 porte, e che custodiscono le bellezze della città: il Castello Normanno e il trecentesco Duomo di Stilo.

Ma senza dubbio la città di Stilo è meta turistica ricercata soprattutto per la famosa Cattolica di Stilo.

Si tratta di una costruzione religiosa che rappresenta uno dei più straordinari esempi di arte bizantina in Calabria e più in generale in Italia.

Costruita dai monaci orientali nel X secolo, la sua bellezza artistica lascia senza fiato già dall’esterno: la sua facciata policroma si è perfettamente mantenuta e la pianta quadrata, tipica delle chiese orientali, rappresentano uno dei pochi esemplari del suo genere visitabili in Calabria.

Anche gli interni rappresentano a pieno la tradizione bizantina: affreschi e antichi mosaici infatti sono uno dei principali esempi dell’arte bizantina in Calabria.

Un altra città che deve assolutamente essere visitate se si intende scoprire e ripercorrere l’antica storia e l’arte calabrese e della Magna Grecia è Crotone.

Luogo in cui il matematico fondò e fece crescere la la sua scuola di pensiero, la città di Crotone è pregna in ogni suo angolo di storia e di cultura.

Simbolo della città oggi è Castello di Carlo V che domina tutto il centro storico, ergendosi nella parte più alta della città.

Degni di nota e di visita presso la città sono anche il Museo Archeologico di Crotone, ricco di reperti che dalla preistoria arrivano fino all’epoca della Magna Grecia, come  quelli ritrovati al Tempio di Hera Lacinia, tra cui il suo tesoro, e il Museo dedicato a Pitagora, all’interno del quale si estende un giardino in cui sono state installate delle sculture che raffigurano in maniera simbolica il pensiero del filosofo.

E proprio in provincia di Crotone, a circa 12 chilometri dalla città,  sorge il sito archeologico di Capo Colonna, l’antico tempio nel cuore dell’Area Marina di Capo Rizzuto in cui svetta in uno scenario mozzafiato la famosa colonna dorica svetta di fronte al Mediterraneo.

Un altro mondo tutto da visitare è scoprire

Non rimane quindi che dare ragione ai giornalisti del National Geographic che hanno definito la regione estrema dello stivale italiano “il più delizioso segreto d’Italia”, “un altro mondo” da scoprire e riscoprire.

Un mix unico nel suo genere capace di unire a pochi metri di distanza l’uno dall’altro storia e bellezze naturali, mare e cultura, per organizzare una vacanza a portata di tutti.

La possibilità di passare dalle montagne, ricche di foreste e di laghi, alle coste, rocciose o sabbiose, come evidenzia sempre il National Geographic, è una prerogativa tutta calabrese.

Lasciarsi incantare dai profumi e dai colori della terra calabrese, dalle tradizioni e dalle specialità enogastronomiche è una scelta che vale un viaggio in Calabria.