Con l’arrivo delle ferie, puntualmente le strade si intasano sui tragitti che portano verso le mete turistiche. Se consideriamo che oltre al traffico straordinario si somma quello ordinario dei pendolari, dei corrieri e dei camionisti, è lecito cercare di pianificare la partenza in modo che non sia un evento traumatico per chi guida. Ma esiste davvero un orario intelligente per mettersi in moto?

Quando non mettersi alla guida per evitare traffico e colpi di sonno

Una cosa è certa: gli orari in cui c’è meno traffico sono quelli più pericolosi per la sicurezza del guidatore. Poco dopo la mezzanotte, poco dopo l’ora di pranzo, esattamente dopo cena.

Salire in macchina dopo la mezzanotte non è una pensata geniale neanche per quelle persone che hanno un ritmo sonno-veglia alterato dai turni. A meno che non si è così fortunati da poter impiegare i due giorni di ferie precedenti la partenza a cercare di caricare le batterie per affrontare il viaggio di notte.

Mettersi al volante immediatamente dopo i pasti è doppiamente pericoloso perché il corpo è impegnato nella digestione, e quindi più facile preda di colpi di sonno. Si calcola che è sufficiente chiudere gli occhi per circa 4 secondi per percorrere 150 metri fatali. Nonostante il calo fisiologico delle presenze in autostrada per l’estate 2020, ancora una persona su cinque è morta per un colpo di sonno.

L’orario migliore di partenza per non restare bloccati nel traffico

Partire la mattina molto presto, intorno alle 5, è una buona idea a patto che si riesca a dormire almeno 8 ore la notte precedente. Ci sono diversi suggerimenti da seguire per evitare di passare una notte in bianco per l’entusiasmo della partenza.

Consigli utili per chi decide di partire la mattina presto:

  • non assumere alcolici il giorno prima ed evita di rientrare a casa tardi se decidi di andare a cena fuori: ti serviranno tutte le ore di sonno possibili;
  • borse e bagagli dovranno essere pronti almeno due giorni prima della partenza;
  • prepara una lista delle cose che dovrai portare con te in viaggio e controlla che ci sia tutto in ordine molte ore prima di andare a dormire;
  • spegni tv, tablet e smartphone almeno 2 ore prima di coricarti;
  • se pensi possa aiutarti, fai meditazione e ascolta musica rilassante.

Ecco i cibi consigliati per assumere le energie giuste per sopravvivere a una giornata in macchina senza essere appesantiti dalla digestione:

  • frutta e verdura fresca;
  • proteine con un contorno di verdura;
  • un cous cous leggero con poco condimento;
  • un'insalata che non sia arricchita da ingredienti grassi;
  • uno yogurt;
  • un piatto di legumi poco conditi.

Partire la mattina presto è sempre consigliabile per evitare il traffico. A meno che il corpo non ci stia chiedendo di riposare ancora, in tal caso ascoltalo!

È fondamentale fare una pausa di almeno 20 minuti per ogni due ore di guida. Per evitare di sovraccaricarti di fatica e di responsabilità potresti pensare di dividere il percorso con qualcuno dei passeggeri se sono dotati di patente.

Non mangiare cibi impegnativi da digerire né la sera prima di partire né durante la giornata al volante.

Se hai sonno, fermati in un luogo sicuro e fai una pausa!

Leggi anche: In questa Regione puoi viaggiare gratis sui treni se hai meno di 25 anni