Da chi nasce il premio Nobel, chi lo ha istituito: ecco qual è la sua storia

La controversa storia del premio Nobel in pochi la sanno, ma è partito tutto non proprio da una nobile causa: ecco da dove nasce e chi lo ha istituito.

Storia del premio Nobel: ecco chi lo ha istituito

Il Premio Nobel è uno dei riconoscimenti scientifici e culturali più prestigiosi al mondo, istituito per volontà di Alfred Nobel, un imprenditore svedese noto per l'invenzione della dinamite e il commercio di armi. La storia dietro la creazione di questo premio è intrigante e piena di strafalcioni e ripensamenti.

La nascita del famoso premio

Alfred Nobel, nato nel 1833, accumulò una vasta fortuna grazie all'invenzione della dinamite e al commercio di armi. Tuttavia, il punto di svolta nella sua vita e nell'istituzione del Premio Nobel è legato a un curioso incidente che si verificò nel 1888. A seguito della morte del fratello Ludwig, un giornale francese commise un errore fatale scambiando le identità dei due fratelli Nobel.

Pubblicarono un articolo dal titolo eloquente, "Le marchand de la mort est mort" (il mercante della morte è morto), attribuendolo ad Alfred. Questo singolare incidente turbò profondamente Nobel, che si trovò inaspettatamente a leggere il proprio necrologio mentre era ancora in vita. La straordinaria coincidenza di confrontarsi con la propria morte annunciata innescò un profondo processo di riflessione in Nobel, portandolo infine a una decisione epocale: la creazione del Premio Nobel come mezzo per redimere la sua eredità e contribuire al progresso umano.

Riflessioni e sensi di colpa di Nobel

Come se fosse un personaggio sfuggito dalle pagine di un romanzo di Dickens, si racconta che Alfred Nobel abbia attraversato un periodo di intensi sensi di colpa e riflessioni sulla sua eredità. Nel 1895, il 27 novembre, Nobel intraprese un significativo passo verso la redenzione. Si recò al Swedish Norwegian Club di Parigi e, in un atto di profonda deliberazione, redasse un testamento dettagliato.

In questo documento, oltre a elencare i beni destinati alla sua famiglia, istituì il Premio Nobel. Questo prestigioso riconoscimento doveva essere conferito a coloro che avessero apportato i contributi più significativi al benessere dell'umanità nei campi della fisica, chimica, medicina, letteratura e pace. Il gesto di Nobel, compiuto con una solennità carica di significato, trasmette il desiderio di lasciare un'eredità che andasse oltre la sua controversa carriera, ponendo l'accento su contributi positivi e avanzamenti nell'interesse collettivo.

Il Nobel per la pace

Nobel decise di dividere i fondi in cinque premi, con l'eccezione del Nobel per la pace, che sarebbe stato assegnato da un comitato eletto dal parlamento norvegese. Questa decisione potrebbe essere stata influenzata dal desiderio di Nobel di favorire una soluzione pacifica alla crescente richiesta di separazione tra Svezia e Norvegia, unite sotto la stessa corona dal 1814.

Ogni anno, a ottobre, i vincitori dei premi Nobel vengono annunciati, e la cerimonia di consegna si tiene il 10 dicembre, anniversario della morte di Alfred Nobel. Il testamento, scritto in modo apparentemente affrettato, è conservato nella Fondazione Nobel a Stoccolma.

Il cambiamento di destino

Nonostante la sua carriera come mercante di armi, Nobel ha scelto di lasciare in eredità un premio che onora coloro che hanno contribuito al progresso e al bene dell'umanità. Il Premio Nobel rimane un simbolo di riscatto e cambiamento nella vita di un uomo che ha deciso di redimere la sua memoria.

La nascita del Premio Nobel è una storia avvincente che intreccia gli elementi di un passato controverso con la generosità e il riscatto, dimostrando che anche chi ha contribuito a creare strumenti distruttivi può lasciare un'eredità positiva per il mondo.

Leggi anche: Chi è Jon Fosse: curiosità sul vincitore del premio Nobel per la Letteratura 2023

Leggi Anche

Enrico Tijani chi è

Fabrizia Volponi

23 feb 2024