Pulire i lampadari in maniera attenta e veloce si può: ecco 3 semplici trucchi da seguire

Pulire i lampadari velocemente e in maniera semplice oggi è possibile seguendo 3 semplici trucchi: ecco quali sono.

pulire-lampadari-trucchi

Tra i tasti dolenti delle pulizie un ruolo fondamentale ha la pulizia dei lampadari, soprattutto se si tratta di lampadari delicati in vetro o in cristallo.

Pulire i lampadari è senza dubbio pericoloso oltre che noioso per alcune tipologie è necessario che vengano smontati.

Visto che si tratta di operazioni piuttosto complesse questi dovrebbero essere pulito almeno uno due volte all’anno ma la pulitura può anche essere più frequente se sono eccessivamente esposti a polvere, umidità o fumo di sigaretta. In questo caso, la pulizia dovrebbe essere un po' più frequente.

Ma i lampadari a seconda del materiale di cui sono fatti dovrebbero essere lavati con molta accortezza.

Però non tutti sanno che esistono alcuni trucchi che ne facilitano la pulizia: ecco quali sono.

Pulire i lampadari in maniera attenta e veloce si può: ecco 3 semplici trucchi da seguire

I lampadari, lo sappiamo hanno la capacità di abbellire e valorizza gli ambienti delle nostre case e se posizionate nelle zone strategiche permettono di regalare meravigliosi giochi di luce.

Molto spesso però è una faccenda domestica che impaurisce le casalinghe perché si tratta di complementi di arredo molto delicati.

Ecco che questi vanno lavati seguendo alcune accortezze e alcuni semplici trucchi che permettono di rendere l’operazione di facile esecuzione.

Naturalmente la pulitura dipende molto dal materiale di cui sono fatti ma alcuni segreti sono universali e valgono per tutti.

La prima cosa è capire come raggiungerli in tutta sicurezza , in commercio esistono diverse tipologie di scale, la più sicura di certo è quella  in alluminio con più di quattro gradini.

In questa operazione è meglio essere aiutati da qualcuno che ci regga la scala e che ci permetta di effettuare la pulizia del lampadario in maniera accurata.

Meglio inoltre posizionare sotto al lampadario dei vecchi stracci  che permetteranno di proteggere il pavimento dalla caduta di sporcizia ma anche perché si creerà maggior attrito con la scala evitando cosi eventuali scivolamenti.

Pulire i lampadari ecco come procedere

Per procedere alla pulizia corretta dei lampadari p necessario per prima cosa seguire alcuni semplici segreti.

La prima cosa da fare è staccare la corrente così da evitare qualsiasi incidente e smontare le parti che possono essere lavate sotto l’acqua corrente per poi essere asciugati.

Dopo aver fatto questa procedura ci si può dedicare alla pulizia dello scheletro del lampadario.

Qui per prima cosa andrà tolta la polvere con un piumino mentre con  un panno in microfibra imbevuto di aceto e di acqua tiepida bisognerà passare sullo scheletro che tornerà splendente e come nuovo.

Se la polvere però fosse molto persistente meglio utilizzare un panno imbevuto di acqua e detersivo per piatti.

Se al tuo lampadario sono presenti braccetti o parti un po' difficili da raggiungere è possibile usare  un vecchio spazzolino da denti con le setole morbide.

Lampadari a goccia o in materiale diverso, ecco come pulirli

Può anche darsi che il tuo lampadario sia realizzato in materiale diverso rispetto al ferro o all’alluminio. Se il tuo lampadario presenta delle gocce particolari, queste devono essere pulite una per una con molta pazienza.

Questa operazione andrà fatta con un panno in microfibra con dell’acqua tiepida passando poi ogni singola goccia.

Se invece il lampadario ha altro materiale come carta di riso, feltro o altre tipologie di materiale che non possono essere rimossi, la pulizia va fatta con un panno  leggermente umido per togliere la polvere.

Molto importante è che il panno non sia troppo bagnato perché potrebbe lasciare aloni.