Manca ormai solo una serata e poi, sabato 14 maggio, scopriremo finalmente chi sarà il nuovo vincitore dell'Eurovision 2022. Nel frattempo comunque sono già uscite le prime indiscrezioni su quanto è costato l'evento all'Italia. Come sappiamo il nostro è uno dei cinque Paesi così detti Big Five, che negli anni hanno sostenuto maggiormente l'Eurovision nella sua realizzazione che, tra l'altro, ha preso ispirazione proprio dal nostro Festival di Sanremo. 

Si parla di spese che a molti possono non sembrare necessarie, ma che vedono indubbiamente il loro riscontro in diversi settori, su tutti il turismo, la ristorazione e cosa non da meno, anche il mantenimento dei rapporti con l'Europa in generale. Nonostante l'Eurovision si sia sempre chiamato fuori da tutte le questioni politiche infatti, è inevitabile che un evento del genere rafforzi i rapporti tra i Paesi coinvolti.

Per questa edizione dopo quasi trent'anni dall'ultima volta grazie alla vittoria dei Måneskin a Rotterdam nel 2021, la kermesse è ritornata nel Bel Paese e per ospitarla è stata scelta la città di Torino che ha messo a disposizione il PalaOlimpico e nei mesi prima dell'inizio dell'evento si è adoperata per accogliere l'arrivo di artisti e turisti da tutta Europa. Quanto è costato quindi ospitare l'evento?

Quanto è costato all'Italia ospitare l'Eurovision 2022

Secondo i primi dati, sembra che per ospitare l'Eurovision siano stati spesi circa 14milioni di euro a carico del Comune da aggiungere alla cifra di 5,2milioni arrivata da contributi e sponsor che si dividono in una cifra tra i 4 ei 6milioni arrivati dall'EBU (European Broadcasting Union) e lo stanziamento stabilito precedentemente dal Governo per una cifra pari a 1,5milioni di euro.

Per fare un primo totale generico quindi, il costo effettivo dell'evento si aggirerebbe tra i 20 e i 25milioni di euro. Una cifra che se può sembrarvi alta (e lo è) viene comunque ammortizzata dai ricavi. Se infatti un Paese spende dei soldi per ospitare l'Eurovision, è anche vero che ne ricava degli introiti. 

Quali sono i ricavi dall'Eurovision

Non fatevi spaventare da queste cifre astronomiche dicevamo. Tutti costi infatti vengono ammortizzati dai ricavi e lo si può ben capire già in un primo momento dai biglietti venduti, andati in sold out in pochi minuti dalla loro messa on line e dagli hotel torinesi che hanno registrato il pienone di prenotazioni già da mesi prima dell'inizio ufficiale dell'Eurovision.

Non abbiamo la cifra effettiva per quanto riguarda i ricavi, ma per farsi un'idea basta moltiplicare il costo dei biglietti (dai 100 ai 350 euro) per il numero di quelli venduti, circa 20.000.

Si tratta infatti di un evento storico per l'Italia, ed è più che comprensibile che tantissime persone vogliano farne parte. Ad ammortizzare il costo ci sono poi i guadagni pubblicitari, considerando che l'evento televisivamente parlando è seguito da più di qualcosa come 200milioni di persone. In ultimo, bisogna anche considerare gli eventi collaterali all'Eurovision 2022, come le varie mostre e incontri a tema organizzate dai musei e dalle associazioni della città.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Torino City (@torino__city)