Nessuno mai saprà quanto affetto sono in grado di dare gli animali da compagnia se non se ne possiede uno. Tanto meno si può comprendere la necessità di portarlo in vacanza proprio come un membro effettivo della famiglia.

Ogni animale domestico necessita di cure ed attenzioni, proprio come qualsiasi essere umano, per questo portarlo con sé in vacanza necessità di una serie di accorgimenti inevitabili, voluti dal Codice della Strada.

Il documento disciplina, infatti, il trasporto sia a mezzo auto che moto di cani, gatti e animali domestici di piccola taglia. In tal senso, occorre prendere in considerazione due articoli del Codice della Strada introdotti per garantire l’incolumità dei soggetti a bordo del mezzo di trasporto, ma anche dei nostri amici a quattrozampe qualora si rendesse necessario il loro spostamento.

La maggior parte delle auto in nostro possesso non sono progettate tenendo conto delle esigenze di cani, gatti e piccoli animali domestici. Per questo motivo, è stato necessario introdurre delle misure che allo stesso tempo permettono al conducente di guidare lontano da qualsiasi tipo di distrazione causata dalla presenza di animali domestici a bordo.

A tal proposito forniremo un breve guida sugli accorgimenti da seguire per poter viaggiare in tutta tranquillità con il proprio amico a quattro zampe ricordando che il mancato rispetto delle disposizioni, che da qui a poco andremo a vedere, comporta pesanti sanzioni amministrative a carico dei trasgressori.

Cani e gatti a bordo: le regole per le vacanze 2021

Due sono gli articoli del Codice della Strada volti a disciplinare il trasporti degli animali da compagnia su automobili e mezzi differenti da quelli pensati a tale scopo.

Il primo è l’articolo 169, appositamente introdotto per regolamentare lo spostamento in auto dei nostri fedeli animali da compagnia (gatti, cani, etc.). Nei dettagli, non è possibile trasportare su tali mezzi animali in numero maggiore di uno

Tuttavia, è ammessa un eccezione confermata dal sito aci.it dove si legge in riferimento all’art. 169: “E' consentito il trasporto di soli animali domestici, anche in numero superiore purché custoditi in apposita gabbia o contenitore o nel vano posteriore al posto di guida appositamente diviso da rete od altro analogo mezzo idoneo che, se installati in via permanente, devono essere autorizzati dal competente ufficio del Dipartimento per i trasporti terrestri”.

In ogni caso, la presenza dell’animale non deve rappresentare un pericolo per il conducente oppure motivo di distrazione. Pertanto, è vivamente sconsigliato consentire all’animale di circolare liberamente all’interno dell’automobile, oppure tenerlo sulle gambe o in braccio mentre si guida.

Un’ottima alternativa sarebbe di tenere il nostro amico a quattro zampe sui sedili posteriori dell’auto magari utilizzando un corto guinzaglio da allacciare alla cintura di sicurezza. In commercio si trovano appositi dispositivi con pettorina e moschettone predisposti proprio per tale evenienza.

L’utilizzo di una rete divisoria, invece, è non solo utile ma anche obbligatoria quando trasportiamo nella nostra auto più di un animale domestico, oltre a rivelarsi una soluzione necessaria per tenere distanziati eventualmente un cane ed un gatto all’interno dello stesso veicolo.

Nonostante il Codice della Strada non detti specifiche disposizioni al riguardo, qualora si venisse fermati per un controllo, un posizionamento del nostro amico a quattro zampe che genera intralcio o favorisce la disattenzione del conducente dell’auto, potrebbe essere punito dalle forze di polizia con una sanzione che va da 87 a 345 euro, a cui potrebbe aggiungersi la decurtazione di qualche punto dalla nostra patente.

Si consiglia la visione di un interessante video di Motor1.com, un canale YouTube ricco di aggiornamenti e di argomenti trattati: dalle mete più gettonate per le proprie vacanze 2021, a tutte le novità sul mondo dei motori e delle quattro ruote. Nel video in questione si possono trovare cinque consigli da tenere bene in mente nel caso in cui ci si voglia spostare in auto avvalendosi della compagnia del proprio cane.

Vacanze 2021 con più cani? Ecco cosa fare

Lo abbiamo detto in precedenza ma lo ribadiamo a scanso di equivoci: l’art. 169 del Codice della Strada ammette il trasporto in auto di più di un animale soltanto se vengono rispettate alcune indicazioni utili a evitare pericoli per il conducente, ma anche per gli animali nei casi in cui venissero fatte improvvise frenate o peggio ancora si verificasse un incidente.

Per tale ragione, è bene custodire gli animali all’interno di un’apposita gabbietta o alloggio. In alternativa, gli animali possono trovare posto sui sedili posteriori alla condizione che l’area del conducente sia separata da una rete, oppure da un altro dispositivo adatto alla situazione.

Ad esempio, per gli animali di piccola taglia (cani, gatti, furetti, etc.) è consigliato l’utilizzo di trasportini di dimensione conferme all’animale, oppure di piccoli kennel fissati in maniera salda ai sedili, allo scopo di preservare l’animale da possibili scivolamenti che potrebbero verificarsi in caso di frenate o altre manovre improvvise del conducente.

Se l’animale da compagnia è di media o grossa taglia si potrà optare per kennel di dimensioni maggiori, o fare affidamento al vano posteriore dell’automobile. In quest’ultimo caso, una rete dovrà separare l’area del conducente dalla zona posteriore in cui viene collocato l’animale.

La scelta della tipologia di rete separatrice è rimessa alla volontà dei proprietari dell’animale e del veicolo da adeguare al suo trasporto. Può essere una rete momentanea, da rimuovere all’occorrenza, oppure permanente. In quest’ultimo caso, la sua messa a punto deve avvenire su autorizzazione dell’ufficio competente del Dipartimento per i trasporti terrestri.

In tal senso, occorre sottolineare come la mancata richiesta della protezione installata in modo definitivo sull’auto fa incorrere il proprietario della vettura a sanzioni che vanno da 431 a 1.734 euro.

Si tratta, dunque, di poche indicazione per nulla dispendiose in termini economici ma indispensabili per poter intraprendete un viaggio con i nostri amici a quattro zampe in totale tranquillità e completa sicurezza. 

Per tale motivo, è bene fare tesoro degli accorgimenti appena visti già a partire da quest’estate, quando ci finalmente ci sposteremo per trascorrere le vacanze 2021.

Vacanze 2021: come viaggiare con gli animali in sella ad una moto

Mentre l’articolo 169 del Codice della Strada disciplina il trasposto degli animali domestici sulle auto, l’art. 170 dello stesso provvedimento si occupa del trasporto in moto degli stessi.

Diversamente da come si può immaginare, gli animali possono essere trasportati anche in caso di viaggi in moto. Dunque, se avete intenzione di spostarvi in moto, anche per le vostre vacanze 2021, portando con voi il vostro amico a quattro zampe basta seguire una serie di accorgimenti che forniremo in questo paragrafo.

Prima di tutto, è necessario che il conducente alla guida del motoveicolo abbia spazio sufficiente a disposizione per poter muovere liberamente braccia, gambe, mani, che assuma una postura corretta, oltre a tenere il manubrio con tutte e due le mani.

L’utilizzo di una sola mano è consentito solo per comunicare segnalazioni o fare manovre.

Con riferimento all’animale, invece, è necessario innanzitutto che sia domestico, poi che non arrechi nessun tipo di disturbo al guidatore, e che non soffra durante lo spostamento.

Poche sono le disposizioni date dall’articolo 170 in merito al trasporto degli animali sulle due ruote. Dal sito patente.it si legge: “Il carico può sporgere sia in lunghezza che in larghezza, rispetto alla sagoma, di non oltre 50 cm, a patto che non ostacoli la visibilità”.

Queste sono le limitazioni che valgono per il trasporto degli animali di piccola taglia. In poche parole, l’art. 170 ammette il loro trasporto su cicli e motocicli alla sola condizione che gli stessi siano custoditi in un contenitore adatto allo spostamento oppure in specifiche gabbie.

Diversamente, non è permesso il trasporto sulle due ruote se si utilizzano mezzi diversi, ad esempio se si tiene in braccio l’animale domestico oppure se si ripone in una borsa.

Con l’avvento di internet è facile individuare la soluzione di trasporto più adatta alle proprie esigenze. Online si possono trovare gabbie rigide imbottite, bauletti, trasportini, borse pensate proprio per lo spostamento dei nostri amici a quattro zampe sui mezzi di circolazione a due ruote.

La mancata rispondenza ai requisiti per il viaggio espone il proprietario del veicolo ad una sanzione amministrativa variabile nell’importo. Oltre alla decurtazione dei punti della patente di guida, infatti, si può ricevere una multa che va da un minimo di 83 euro ad un massimo di 333.

Vacanze 2021: attenzione a lasciare gli animali sotto il sole

Dato che stiamo fornendo tutte le adeguate indicazioni per tutelare gli animali di compagnia in vista di un imminente viaggio per le vacanze 2021, va sottolineato come sia estremamente pericoloso tenere un animale, qualunque esso sia, chiuso all’interno di un auto lasciata al sole.

Anche se si lasciano i finestrini poco aperti i rischi per la salute dei vostri animali sono altissimi. La temperatura all’interno dell’automobile può salire in un batter d’occhio creando delle serie conseguenze e mettendo a rischio la sua sopravvivenza.

Il pericolo è così elevato che la Corte di Cassazione, con apposita sentenza n. 14250 del 9 aprile 2015, ha per la prima volta deciso di esprimersi sulla questione, condannando il proprietario di una vettura lasciata parcheggiata per ore sotto il sole, con a bordo un cane, al pagamento di 1.100 euro.

Un comportamento estremamente grave che ha spinto i giudici della Corte Suprema a condannare il padrone dell’animale per reato di maltrattamento di animali, articolo 727 del Codice Penale.

Tale articolo stabilisce l’arresto e il pagamento di una sanzione variabile da 1.000 a 10.000 euro per coloro che abbandonano animali domestici, o in alternativa, li detengano in uno stato non conforme alla loro natura, arrecandogli gravi sofferenze.

Il consiglio, a chi si trovi di fronte ad un animale chiuso in auto, è di chiamare immediatamente le forze dell’ordine.