Un’esperienza senza dubbio particolare, quella proposta da Uniworld, che sottintende la totale fiducia dei passeggeri nei confronti degli organizzatori della crociera, oltre che un buono spirito di adattabilità e avventura. Le destinazioni giornaliere infatti, a bordo e nelle occasioni di sbarco, restano sconosciute a tutti fino a poco prima di viverle.

Un’inversione di rotta (è proprio il caso di dirlo) decisiva per il mondo delle crociere, abituate da sempre a comunicare informazioni dettagliate ai vacanzieri, che a seconda dei loro interessi possono scegliere gli itinerari e i pacchetti più consoni. Ma chissà che dopo un lungo periodo di restrizioni la gente non abbia la voglia di intraprendere nuovi percorsi sfidanti e fuori dagli schemi.

Perché scegliere una crociera su acqua dolce

I motivi per cui optare per una vacanza fluviale sono molteplici. Si rispetta maggiormente la sostenibilità rispetto alle imbarcazioni marittime e oceaniche, molto più grandi; chi soffre di mal di mare troverà giovamento dalla navigazione su acque più tranquille. È inoltre possibile raggiungere spazi ristretti e difficilmente percorribili con grandi mezzi di trasporto, che comprendono anche rotte solitamente commerciali. 

Uniworld è solo una delle compagnie che permettono di sperimentare le crociere su fiume. Pensiamo ad esempio alla American Cruise Line, che vanta come punto di forza la possibilità di non essere mai troppo lontani dalla terraferma e con destinazioni a portata di mano e raggiungibili.

Una piccola imbarcazione può inoltre arrivare al cuore di una località, raccontata dai “riverlorian”, termine che indica un esperto delle storie di fiume a metà tra storia e tradizioni locali.

Riverboats are inherently smaller with fewer guests onboard, making for a more intimate and personalized travel experience. Guests often make lasting friendships with other travelers and may even book future river cruises together.

Oltre all’opportunità di stringere amicizia con gli altri passeggeri, decisamente ridotti rispetto alle enormi navi da crociera marittime, si respira un’atmosfera più intima e rilassata. La American Cruise Line si occupa di destinazioni su tutto il territorio americano, mentre la Pandaw copre principalmente Thailandia, India, Birmania, Vietnam e Laos. Come la compagnia precedentemente nominata, anche questa si focalizza sulla ricostruzione di navi del XIX secolo, dall’arredamento all’esperienza offerta ai viaggiatori.

Siete curiosi di visitare Asia, Indonesia, e la foresta amazzonica? La Acqua Expeditions è la compagnia che fa per voi. Dallo stile esplorativo e quello più industriale, le sue navi da crociera sono adatte a chi ama l’avventura e la natura ma anche a chi non vuole rinunciare ad un’esperienza con ogni comfort. Per loro il vero lusso è la raggiungibilità delle location meno avvezze al turismo di massa.

Now, more than ever, access is the new measure of luxury. What Aqua has stood for since the very beginning comes to the forefront, demonstrating the advantages of small explorer vessels in bringing families and friends on travels to the remote Amazon River of Peru, the Mekong River in Southeast Asia and the pristine coastal waters of Eastern Indonesia.

Concludiamo la breve carrellata con la Sudan, compagnia perfetta per una rievocazione in pieno stile Assassinio sul Nilo. Non a caso la scrittrice Agatha Christie fece un viaggio a bordo di una delle sue imbarcazioni, nel 1933, ed ebbe l’ispirazione per scrivere il celebre romanzo giallo.

Le nuove frontiere della crociera fluviale

Da quest’anno i vacanzieri hanno anche un’opzione in più, decisamente inusuale. La compagnia americana Uniworld offre alla clientela un ampio ventaglio di scelta, a seconda del tipo di vacanza che si cerca e della fascia di età.

Da una crociera a tema drag a quella sui tatuaggi, passando per un soggiorno “smart” e con discoteche h24, e a viaggi per famiglie eleganti e costosi. Dal 2021 propone ai vacanzieri un “mystery tour”, per il quale chi prenota verrà indirizzato su come preparare le valigie più adatte solo pochi giorni prima alla partenza. Le tappe e le escursioni vengono invece svelate giorno per giorno.

La partenza è prevista per il 12 giugno 2021 ma è ancora sconosciuto il porto europeo dal quale partiranno i partecipanti. La durata del viaggio, 10 giorni. Uniworld comunicherà l’abbigliamento e gli oggetti da portare con sé a tempo debito, ma basti sapere che una volta a bordo, ogni servizio sarà incluso e perfettamente organizzato.

Ovviamente si tratta di esperienze di lusso che non lasciano spazio ad eventuali sorprese sgradite e che di certo accontenteranno i gusti dei più. Uniworld infatti conta all’attivo più di venti imbarcazioni da crociera e uffici operativi sparsi in tutto il mondo. Ma parliamo di quote. Quanto costerebbe prendere parte alla mystery cruise? 5.499 euro a persona, a cui aggiungere eventuali trasferimenti aerei per raggiungere il porto d’imbarco.

Pare inoltre che ad accogliere la clientela ci sarà anche la Ceo di Uniworld, Elen Bettridge, che assisterà in prima persona al primo esperimento della compagnia di questo tipo. Le escursioni necessitano di avere con sé il passaporto, e sono pensate specificatamente per i passeggeri, quindi niente itinerari uguali per tutti. 

Each shore excursion will be a one-time-only exclusive for our Mystery Cruise guests. You won’t find these experiences anywhere else—even on other Uniworld cruises.

Secondo gli organizzatori della crociera, sarano 10 giorni all’insegna della scoperta e dell’avventura, durante i quali meravigliarsi di fronte alla bellezza ad ogni angolo e dare piena fiducia a chi ha pianificato con estrema cura e attenzione ai dettagli l’esperienza. 

La carta vincente di Uniworld

La compagnia statunitense nel 2018 è stata nominata “miglior compagnia crocieristica fluviale” e che dal 2019 permette di prenotare le prime navigazioni di lusso sul Gange. Si parte da Nuova Delhi e si giunge a Kelkata, ma il percorso intermedio cambia a seconda che si voglia visitare il Triangolo d’Oro o le tradizioni e gli abitanti locali.

Esperienze uniche come lezioni di hindi, corsi su come preparare il te indiano e lezioni di yoga sono all’ordine del giorno. Con la nuovissima mystery cruise punta a conquistare anche i vacanzieri più avventurosi e alla ricerca di nuovi stimoli.

Per tutti i vacanzieri che non se la sentono di rinunciare al controllo completo dei loro viaggi, rimane comunque possibile prenotare le classiche crociere, organizzate con importanti scontistiche per l’anno corrente, ma anche già per il 2022. Europa, Egitto, Vietnam e Cambogia; India, Russia, Cina e Perù. Il mondo vi aspetta.

Titanic II: la nave dei sogni?

Rimanendo in tema di navi di lusso, seppure non su fiume, è impossibile non ricordare la grande impresa che fu annunciata nel 2021 e rilanciata nel 2018, della quale però non si conoscono ancora dettagli definitivi. Tutti conosciamo la tragica storia del Titanic, che affondò nel bel mezzo dell’Oceano Atlantico nel 1912.

Ebbene, il magnate australiano Clive Palmer vuole ricostruire interamente la nave, a immagine e somiglianza della precedente e con addirittura la suddivisone in classi sociali. Ovviamente, la differenza principale sarà la maggiore sicurezza per i passeggeri e un ampio utilizzo della tecnologia. Il viaggio inaugurale sarebbe previsto per il prossimo anno, anche se con le restrizioni dovute alla pandemia non è ancora chiaro se sia possibile farlo.

Si parte da Dubai e si raggiunge Southampton, porto di imbarco del viaggio originale del Titanic. Da lì in poi, le tappe saranno le stesse del 1912. Rassicuriamo i futuri viaggiatori che il numero di scialuppe e giubbotti di salvataggio sarà conforme al numero di passeggeri, e che l’investimento di 500 milioni di dollari promette confort, lusso e 2400 posti disponibili. 

Il miliardario Palmer è proprietario di un resort di lusso nella Sunshine Coast, e programma di realizzare una serie di navi di lusso per la propria compagnia navale, la Blue Star Line, della quale farà parte anche il Titanic II.

We can bring to life the vision of so many people. We can remember who we are and who we come from. Today we will complete the journey, on the ship of their desire.

Breve storia della crociera 

Forse non tutti sanno chi fu il primo a cui venne in mente l’idea di viaggiare per nave per svago. La prima nave da crociera al mondo fu la Francesco I, appartenente al Regno delle Due Sicilie e costruita nel 1831. La prima crociera partì da Napoli due anni dopo, carica di persone influenti e nobili da tutta Europa. Erano previsti intrattenimento ed escursioni, ma fu un viaggio molto esclusivo.

Dobbiamo attendere il 1891 per i veri e propri viaggi commerciali: la HAPAG proponeva un servizio costante di viaggi marittimi. Ad oggi, una delle navi più grandi del mondo è la Symphony of the Seas, per la compagnia crocieristica norvegese - statunitense Royal Caribbean International. In Italia il gruppo che per primo si occupò di organizzare crociere fu la Costa Crociere negli anni ’50.

Un settore in difficoltà

L’impatto della crisi dovuta all’emergenza Coronavirus sul turismo ha colpito anche il settore crocieristico. Secondo i dati raccolti dall’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale, l’industria vale 150 miliardi di dollari e dà lavoro a quasi 1,2 milioni di persone.

In base ai dati di Clia, l’associazione internazionale dell’industria crocieristica, nel 2009 i passeggeri erano 17,8 milioni e nel 2020 avrebbero dovuto raggiungere il record di 32 milioni in tutto il mondo, su un totale di 278 imbarcazioni, 19 in più dell’anno precedente.

Tutti i grandi operatori mondiali si sono invece visti costretti a cancellare i loro viaggi e sperano in una stagione estiva e in futuro decisamente più roseo.