Attore molto apprezzato, protagonista di diverse serie tv e film di successo, il nome di Kevin Spacey, ormai da qualche anno e precisamente dal 2017 è legato ad uno scandalo di abusi sessuali. Sono passati cinque anni da allora e il 16 giugno 2022 l'attore si è presentato al tribunale di Londra per difendersi da quattro capi di imputazione, dando il via a quello che si prospetta essere un lungo percorso giudiziario.

Durante la sua carriera comunque, prima questa che venisse intaccata dalle accuse di abusi, Spacey ha avuto modo di accumulare un patrimonio molto vasto. Ecco allora a quanto ammonterebbe secondo alcune indiscrezioni.

Kevin Spacey, il patrimonio prima dello scandalo

Il 2017, dicevamo, è stato l'anno del movimento MeToo che ha dato il coraggio a diverse vittime di abusi di denunciare legalmente e pubblicamente i loro aggressori. Lo scandalo ha travolto diverse personalità di Hollywood tra cui anche Kevin Spacey, che a seguito delle accuse si è ritirato dalla sua carriera per curare la propria dipendenza dal sesso che ha condizionato la sua vita fino, a quanto pare, a compiere azioni contro la volontà dell'altro.

Prima di questo terremoto che ha gettato ombre e scompiglio nella sua vita privata e professionale, l'attore originario di South Orange, negli Stati Uniti, ha avuto una brillante carriera che lo ha portato a vincere due volte il premio Oscar per I soliti sospetti, nel 1996, come attore non protagonista e per American Beauty, nel 2000, questa volta come attore protagonista.

Dal 2013 fino al 2017 (l'ultima edizione, nel 2018 sarebbe stata senza Spacey) è il protagonista dell'acclamata serie tv House of cards, che gli vale un Golden Globe e cinque nomination agli Emmy Awards. 

Spacey insomma, negli anni è stato coinvolto in diverse produzioni di successo che gli hanno permesso di accumulare un patrimonio la cui cifra si aggirerebbe indicativamente tra i 50 e i 100milioni di dollari.

Kevin Spacey e il risarcimento milionario a House of cards

Nel 2021 girava la voce che Kevin Spacey avrebbe dovuto versare un risarcimento milionario alla MRC, la società di produzione di House of cards. L'attore, con la sua condotta, avrebbe infatti violato una clausola del contratto stipulato tra lui e i produttori che riguardava appunto la politica in merito alle molestie sessuali. A Spacey, per i danni causati alla serie, sarebbero stati chiesti la bellezza di 31milioni di dollari.

L'astronomica cifra che è stata richiesta all'attore non dovrebbe sorprendere se si pensa che House of cards è stata una delle prime serie più costose per Netflix che ai tempi del suo debutto sulla piattaforma di streaming avrebbe speso la bellezza di 4,5milioni di dollari ma ne avrebbe successivamente persi ben 39milioni a seguito della cacciata di Kevin Spacey del cast.

Un danno che ha rischiato di portare davvero sull'orlo del fallimento la casa di produzione che avrebbe così deciso di prendere dei provvedimenti molto costosi nei confronti dell'attore protagonista che della serie tv ne era diventato inevitabilmente il volto.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Kevin Spacey (@kevinspacey)