Tesla Cybertruck: 800 km di autonomia in un pickup elettrico

Già annunciato qualche anno fa, finalmente l’incredibile pickup elettrico di Tesla, il Tesla Cybertruck, è prossimo all’inizio della produzione. Si tratta di un’eccezionale rivoluzione tecnologica che permetterà l’ingresso nel mondo dell’automotive 100% elettrico di un pickup utilizzabile in ogni condizione di terreno. Scopriamone di più.

Image

Tesla Cybertruck è il nuovo modello nato nella casa di produzione di autoveicoli statunitense, Tesla. La sua prima presentazione era avvenuta circa tre anni fa e, in quell'occasione, il CEO di Tesla, Elon Musk aveva promesso la sua realizzazione completa entro la fine del 2021. Purtroppo, però, la produzione effettiva ha subito dei ritardi.

Come afferma Il Sole 24 Ore:

Nonostante i proclami, i tweet e l'attenzione mediatica, ad oggi le notizie sulla produzione del Tesla Cybertruck non sono delle più incoraggianti. Sebbene sia ancora prenotabile sul sito ufficiale, è sparita la data di possibile messa in produzione. 

Al momento, quindi, il nuovo modello di Tesla è prenotabile tramite il sito web della casa di produzione, ma non si sa quando sarà possibile effettivamente toccarlo con mano.

La notizia è tornata in questi ultimi mesi nelle prime sezioni delle notizie in quanto le prenotazioni hanno raggiunto quota 1,27 milioni e considerando un costo di circa 58.000 dollari si tratterà di un cospicuo guadagno per la casa di produzione americana.

È possibile avere un’anteprima del Tesla Cybertruck tramite la presentazione ufficiale presente sul canale YouTube di Tesla:

Vediamo, quindi, più nel dettaglio quali sono le caratteristiche di Tesla Cybertruck e di come sarà una notevole fonte di profitto per Tesla.

Tesla Cybertruck, in procinto di avvio la fase di produzione

Secondo le ultime indiscrezioni, la fase di produzione del nuovo Tesla Cybertruck potrebbe iniziare a breve per vedere i primi modelli sulle strade per la fine di quest’anno.

Come si vede all’interno del video, la caratteristica principale di Tesla Cybertruck è rappresentata dalla sua forma prettamente spigolosa. Vi è, inoltre, la mancanza degli specchi retrovisori laterali esterni che vengono sostituiti da un’innovazione tecnologica, ovvero due telecamere che faranno vedere quello che accade nei dintorni del mezzo al guidatore direttamente tramite appositi schermi all’interno dell’abitacolo.

Tali telecamere saranno posizionate all’interno del tergicristallo a mono braccio e nei passa ruota.

Non sono presenti nemmeno le maniglie per l’apertura delle portiere che sono integrate all’interno della carrozzeria.

Autonomia di 800 km con il pickup elettrico Tesla Cybertruck

Il punto di forma principale di questo SUV è la sua alimentazione in quanto nello stile di Tesla si tratterà di un veicolo completamente elettrico.

In base a quanto rilasciato dalla casa di produzione statunitense, Tesla Cybertruck dovrebbe avere un’autonomia incredibile arrivando a percorrere fino a 800 chilometri con una sola ricarica.

Nonostante questa autonomia, è in grado di garantire uno 0-100 km/h in poco più di 3 secondi e può trainare un carico di ben 6.300 chili.

Le caratteristiche di Tesla Cybertruck

Per quanto riguarda ulteriori caratteristiche, Tesla Cybertruck è dotato di un esoscheletro quasi impenetrabile al fine di garantire la massima protezione dei passeggeri a bordo, oltre che la resistenza.

L’esoscheletro è realizzato in acciaio inossidabile laminato a freddo a cui si aggiunge anche un vetro blindato ultra resistente.

Tesla Cybertruck ha una capacità di carico fino a 1600 chilogrammi ed è dotato di sospensioni pneumatiche regolabili. È possibile anche aggiungere un ulteriore vano di carico esterno e un tettuccio.

Grazie alla sua enorme potenza, è in grado di trainare un carico fino a 6.300 chili e con le sospensioni regolabili questo veicolo può facilmente percorrere numerose strade, anche quelle più dissestate.

A bordo di Tesla Cybertruck possono trovare posto fino a sei passeggeri e all’interno è presente un grande schermo touchscreen da 17 pollici che permette il controllo di ogni aspetto della vettura.

Che cos'è Tesla e perché è così famosa?

Tesla è una società statunitense che opera nel settore della produzione di automobili e di energia. Di recente, ha debuttato anche nell’ambito della connessione Internet via satellite con StarLink.

Meglio descritta come un'azienda di batterie, Tesla è meglio conosciuta per le sue auto elettriche. L'azienda è anche nota per essere specializzata in pannelli solari e accumulatori di energia con batterie agli ioni di litio.

Ha attirato l'attenzione del pubblico per la prima volta dopo l'uscita nel 2008 della Tesla Roadster, la prima auto sportiva completamente elettrica. Dopo la Roadster è stata prodotta la Model S, una berlina, che da allora è diventata una delle auto elettriche plug-in più vendute al mondo. Infatti, a partire dal 2016, la Model S si colloca dietro la Nissan Leaf come l'auto elettrica plug-in più venduta al mondo.

Tesla, invece, della classica vendita tradizionale in cui si cerca di costruire un'auto relativamente economica che potesse essere prodotta in serie e commercializzata alla massa, ha adottato una modalità di business completamente diversa, puntando tutto invece sulla realizzazione di un veicolo unico che avrebbe creato una domanda di veicoli elettrici.

All’interno di un articolo scritto all’interno del portale web di Tesla, Elon Musk ha sottolineato il fatto che l’azienda inizialmente non aveva le caratteristiche per potersi permettere la realizzazione di un auto economica da vendere su vasta scala.

Siccome non erano in possesso di tutte le conoscenze necessarie, il primo prodotto realizzato sarebbe stato inevitabilmente costoso e per questo hanno deciso di puntare immediatamente a un tipologia di veicolo che avrebbe potuto rivoluzionare il mercato pur avendo un prezzo alto.

Si sono, quindi, concentrati sulla progettazione di un auto sportiva, ma completamente elettrica che potesse fare concorrenza alle alternative a benzina.

La prima auto prodotta da Tesla è stata la Tesla Roadster che, ancora prima di terminare la produzione, aveva già registrato la vendita di ben 2.500 esemplari. Si trattava, comunque, di un numero non ancora così elevato da destare la preoccupazione delle altre case di produzione di veicoli.

Dopo questo primo approccio al mercato, Tesla ha consolidato il suo business e ha iniziato la consegna del suo primo veicolo in tutto il Mondo. L’approccio al mercato seguito da Tesla si basa principalmente su tre fattori principali: la vendita, la manutenzione e la ricarica dei veicoli elettrici prodotti e venduti dall’azienda stessa.

Le tradizionali case di produzione di autoveicoli fanno affidamento ai concessionari in franchising per la realizzazione delle loro vendite. Anche in questo ambito, Tesla ha adottato un approccio diverso: ha aperto la propria rete proprietaria su scala internazionale di uffici addetti alla vendita.

Grazie al fatto che possiede personalmente i propri canali di vendita, Tesla è in grado di perseguire un ulteriore obiettivo che è difficile da raggiungere quando si fa riferimento a concessionari in franchising.

Tesla è in grado di creare un’esperienza d'acquisto unica e innovativa per la propria clientela.

Comprendendo insieme centri di vendita, centri di assistenza plus (che riuniscono in un unico luogo sia la vendita che un centro assistenza) e le strutture di servizio, Tesla oggi possiede ben 438 sedi in tutto il Mondo.

Tesla ha anche fatto uso delle vendite su Internet tramite il proprio portale web: i consumatori possono personalizzare e acquistare una Tesla direttamente tramite il loro portale comodamente da casa e versando solo un anticipo. Al momento della consegna, dovranno recarsi nel centro Tesla più vicino a dove si trovano per concludere il contratto di acquisto. In questo Tesla è un’azienda pioniera nel settore automobilistico.

Tesla ha anche creato la propria rete di "stazioni di ricarica"​, i cosiddetti Tesla Supercharger, ​in cui i conducenti possono ricaricare i propri veicoli Tesla in circa 30 minuti. Lo scopo, ovviamente, è quello di accelerare il tasso di adozione delle auto elettriche rendendo più conveniente e più facile mantenerle in funzione.

Tesla ha fatto il proprio ingresso nel mercato automobilistico con la produzione e la vendita della sportiva Roadster. Al momento del rilascio della sua berlina Model S nel giugno 2012, ha smesso in seguito di produrre la Roadster.

Il primo veicolo SUV prodotto da Tesla è stato Tesla Model X che è stato per la prima volta consegnato nel settembre 2016.

In seguito, è stata la volta della Tesla Model 3 (luglio 2017) che ha segnato l'ingresso di Tesla nella categoria delle auto economiche. Nel 2020, il suo modello base partiva da soli $ 36.200.

Tesla ha avuto l’accortezza di riunire in un unico luogo sia i centri assistenza che le stazioni di ricarica con lo scopo di offrire ai clienti tutti i servizi in un unico posto. Ciò ha sicuramente contribuito all’aumento del numero delle vendite nelle aree in cui questi centri sono stati aperti.

Tesla produce anche un semi camion completamente elettrico. Il camion vanta un consumo energetico inferiore a 2kWh per miglio. L'azienda afferma che è in grado di percorrere circa 640 chilometri con una ricarica di 30 minuti e sta lavorando per estenderlo a oltre 965 chilometri in futuro. UPS è stata tra le aziende che hanno effettuato i preordini per il camion, introdotto nel 2019.

L'ultimo modello di Tesla è una versione sovralimentata della Roadster originale, che secondo la società è considerata "l'auto più veloce del mondo", in grado di passare da 0 a 60 in 1,9 secondi. Le consegne della nuova Roadster sono previste nel 2023, con una base di prezzo di $ 200.000.

Le persone interessate possono prenotare una nuova Roadster per un pagamento iniziale con carta di $ 5.000 e un bonifico bancario di $ 45.000, che è dovuto entro 10 giorni dopo aver effettuato il pagamento iniziale.

Il 2021 da profitti record di Tesla

Il 2021 è stato un anno da profitti record per Tesla che ha chiuso l’anno con utili per ben 5,5 miliardi di dollari. Si tratta di un record assoluto per l’azienda considerando che il 2020 era stato chiuso con un utile di soli 721 milioni di dollari.

Questa incredibile crescita segna, infine, anche il secondo anno consuntivo di bilancio positivo per l’azienda di produzione di veicoli elettrici di lusso americana.