Digital Marketing: come fare la ricerca keyword in 7 mosse!

Le keyword – ovvero le parole chiave utilizzate nella struttura dei siti web e nei relativi contenuti – vanno a direzionare i motori di ricerca verso i risultati più rilevanti a seconda dell’intento di ricerca dell’utente. Per questo motivo esse sono importantissime per una strategia SEO nel digital marketing. Scopri come trovare le migliori per la tua PMI!

Image

Le keyword – ovvero le parole chiave utilizzate nella struttura dei siti web e nei relativi contenuti – vanno a direzionare i motori di ricerca verso i risultati più rilevanti a seconda dell’intento di ricerca dell’utente. Per questo motivo esse sono importantissime per una strategia SEO.

La SEO, ovvero Search Engine Optimization, lavora per scandagliare e ordinare i siti web a seguito di una ricerca, così da poter offrire risultati che soddisfino l’utente. E il modo migliore per segnalare a Google che il tuo è il contenuto giusto, dovrai usare delle keyworkd SEO. 

Qui, entra in gioco la ricerca keyword SEO. Solitamente, si tratta di un compito piuttosto lungo e approfondito, ma fondamentale per scoprire quali sono le keyword più rilevanti. In questo articolo, vedremo come semplificarlo, e come svolgere una ricerca keyword completa in soli 7 passaggi! 

Cos’è una ricerca keyword nel digital marketing? 

La ricerca keyword è definita come l’attività di analisi ed elencazione di una lista di parole chiave rilevanti utili a ottimizzare un sito web -  e i suoi contenuti – per i motori di ricerca. Le parole chiave saranno quindi la base per lo sviluppo dei tuoi contenuti e delle tue strategie di marketing. 

Una keyword può essere una parola singola, ma ultimamente è molto meglio utilizzare le cosiddette long tail keyword, ovvero vere e proprie frasi, come ad esempio “miglior strumento per ricerca keyword” o “ristoranti di pesce”. 

Perchè la ricerca keyword è fondamentale in una strategia di digital marketing? 

Trovare parole chiave con un alto volume di ricerca non è sufficiente. Dovrai assicurarti che ciascuna di esse venga utilizzata nei tuoi contenuti, e che si allinei con il tuo brand, prodotto o servizio. Ecco perché esiste un processo vero e proprio per stendere questo importantissimo elenco. 

Una volta eseguita una ricerca approfondita e ben strutturata, potrai cominciare a creare in seguito una strategia SEO su misura per le tue esigenze. E, con una buona strategia SEO, potrai raggiungere ttutti gli obiettivi di marketing stabiliti. 

Per esempio, se hai una casa vacanze, il tuo contenuto vorrà includere la keyword “casa vacanze”. Tuttavia, dopo aver condotto la tua ricerca, potresti scoprire che la parola chiave che va più forte in questo senso è “alloggio vacanze”. Una piccola differenza che risulta però fondamentale. 

Infatti, sebbene “casa vacanze” sia tecnicamente il termine giusto, i clienti potrebbero essere più portati a cercare “alloggio vacanze”. Questo è solo un esempio, naturalmente: casi di questo tiipo sono ovunque, ed è quindi bene partire preparati. 

Parti dal presupposto che le parole chiave che sceglierai dovranno allinearsi il più possibile con l’intento di ricerca del tuo pubblico. Solo in quel momento gli sforzi per ottimizzare il tuo sito e i relaativi contenuti varranno la pena. 

Ancora più importante, due parole chiave simili hanno spesso diversi volumi di ricerca, trend e livelli di competizione. Scegliere una parola chiave più rilevante, con un volume di ricerca più alto potrebbe darti migliori risultati rispetto a parole chiave simili. 

Come condurre una ricerca keyword in ambito digital marketing 

Ci sono diversi modi per farlo, sia manualmente che tramite l’utilizzo di uno strumento di ricerca come Keyword Tool. Ma qualsiasi metodo sceglierai di utilizzare, ci sono una serie di step da compiere per trovare le keyword migliori. 

Dal definire i tuoi obiettivi all’eseguire la tua keyword strategy, segui questa guida step-by-step per condurre una ricerca keyword fatta bene e ben approfondita. 

Passaggi preliminari nella ricerca keyword in ambito digital marketing

Passaggio 1: approfondisci la tua nicchia 

Prima di capire quali saranno le keyword migliori per ottimizzare la tua pagina, è meglio iniziare con un approfondimento sulla tua nicchia di mercato e sul relativo argomento. Questo ti potrà dare lo spunto iniziale per considerare tutte le variabili possibili per la tua strategia SEO. 

Ecco qualche consiglio per cominciare: 

  • Parla con i tuoi clienti e conoscili meglio. Prova a scoprire i termini che utilizzano nel descrivere la tua azienda, i tuoi prodotti o servizi. 
  • Prova a ragionare dalla prospettiva di un potenziale cliente. Se dovessi parlare del tuo brand a un familiare o a un conoscente, come introdurresti il discorso? 
  • Interagisci con le varie community online specifiche per la tua nicchia, come gruppi Facebook o forum specifici. Leggi le discussioni più popolari e trova anche eventuali problemi che la tua azienda potrebbe risolvere. 

Passaggio 2: definisci i tuoi obiettivi 

Un piano di marketing ben studiato dev’essere sempre guidato da un obiettivo. E per definirlo, dovresti porti prima di tutto delle domande fondamentali sulla tua azienda: 

  • Di cosa si occupa la tua azienda?
  • Cosa rende speciale la tua azienda? 
  • Di cosa parla il tuo sito web aziendale? 
  • Cosa offri e cosa prometti ai tuoi clienti? 

Una volta trovata la risposta a queste domande, dovrai specificare una mission specifica, ovvero l’obiettivo della tua strategia di marketing. Vorresti incrementare il numero di iscritti alla tua newsletter? Oppure vorresti raggiungere un obiettivo di vendita entro una certa data? 

È importantissimo definire il tuo obiettivo primario, perché esso andrà a fornire una direzione precisa per la tua strategia SEO e il tuo piano. I termini che andrai a utilizzare dovranno allinearsi con i tuoi obiettivi, possibilmente segmentati per diversi funnel di marketing.

Inoltre, il tuo obiettivo servirà anche a definire l’obiettivo dei contenuti – testuali e visuali – a scopo SEO. Appunta I tuoi obiettivi e stendi una strategia il più dettagliata possibile. Questo ti fornirà la struttura non solo per la tua strategia SEO, ma anche per le tue future campagne pubblicitarie. 

Passaggio 3: fai una lista di argomenti rilevanti 

Basandoti sul settore principale della tua azienda e gli obiettivi che intendi raggiungere, segmenta ulteriormente in una lista di vari argomenti. Ciascun argomento dovrà essere rilevante, perchè il tuo obiettivo sarà quello di farti trovare su Google. 

Un esempio potrebbe essere uno showroom di arredamento. Il settore principale sarà, appunto, l’arredamento di interni, ma ci sono diverse sottocategorie in cui potresti dividere gli argomenti, si tratti di ambienti o stili diversi – o addirittura entrambi! 

Tieni a mente che ciascun argomento dovrà essere importante per il tuo settore e rilevante per la tua buyer persona. Pensa a quali tipi di argomenti il tuo pubblico target vuole cercare su Google, aiutandoti anche con strumenti come Answer The Public.

La ricerca keyword vera e propria nel digital marketing

Passaggio 4: crea una lista di keyword principali

Ora che hai segmentato la tua categoria principale in diverse sottocategorie, potrai cominciare a creare la tua lista di keyword principali. Esse dovranno riferirsi ai vari argomenti che avrai identificato e agli intenti di ricerca più comuni del tuo pubblico target. 

Le keyword principali sono importantissime, perché serviranno come fondamenta per la tua ricerca keyword successiva. Definiranno la tua nicchia e identificheranno quali sono i tuoi principali competitor.

Se ti stai chiedendo come trovare le keyword principali, è molto più semplice di quello che sembra. Tutto ciò che dovrai fare è descrivere la tua azienda, i tuoi prodotti o i tuoi servizi in maniera più semplice possibile, e poi chiederti come cercheresti un’azienda come la tua su Google. 

Passaggio 5: aiutati con degli strumenti di ricerca keyword

“Ma non potevo fare così dall’inizio?”. 

Probabilmente te lo starai chiedendo. Tuttavia, ci sono diverse scuole di pensiero, tuttavia quella che intendo consigliarti è – a mio parere – la più efficace. Ci sono una serie di ragioni per cui è sempre meglio partire con un approccio più “rudimentale”, a partire dal fatto che le prime parole chiave che troverai in autonomia saranno la base per scoprire quelle secondarie più rilevanti. 

Una volta identificati i tuoi obiettivi, argomenti e una lista di keyword principali, sarà il momento di approcciarsi agli strumenti di ricerca keyword per svolgere una ricerca a 360°. 

Un’opzione è quella di utilizzare lo strumento di Google, ovvero il Keyword Planner, ma attenzione. Questo strumento ti darà solo una metrica approssimativa del volume di ricerca. Utilizzare invece uno strumento come Keyword Tool, ti fornirà molti più dettagli e idee di keyword simili e relative. 

Tutto ciò che dovrai fare è digitare la parola chiave principale nel box di ricerca ed esso ti darà una lista di keyword alternative, includendo anche quelle che contengono preposizioni e domande.

Passaggio 6: studia gli intenti di ricerca del tuo pubblico 

Puntare sulle parole chiave che mostrano un volume di ricerca più alto potrebbe sembrare la strada più semplice, ma purtroppo oggi non è più così. Il moderno algoritmo di Google si basa sugli intenti di ricerca, specialmente per i siti web con meno autorità e che non usano ads. 

L’intento di ricerca è definito come la ragione per cui le persone ricercano un termine specifico, e possono esserci vari fattori che contribuiscono a formarlo, come ad esempio: 

  • Cosa stanno cercando nello specifico? 
  • Stanno formulando una domanda a cui vorrebbero trovare risposta? 
  • Sono alla ricerca di un sito web specifico?
  • Stanno effettuando una ricerca per un prodotto o servizio specifico che vogliono acquistare?

Prova a metterti nei panni del tuo pubblico target. Perché dovrebbero cercare proprio te? Come formuleranno la loro domanda? Stanno cercando qualcosa in particolare? Oppure in generale vogliono la soluzione a un problema che stanno riscontrando? 

Una volta che avrai formato la tua idea in materia di intenti di ricerca, potrai utilizzare le tue scoperte per modulare al meglio la tua ricerca keyword. Avere accesso a una lista di parole chiave con un alto volume di ricerca va benissimo, ma ancora più importante è trovare le keyword che soddisfino gli intenti di ricerca del tuo pubblico. 

Passaggio 7: identifica le long tail keyword

Le keyword principali sono spesso termini di ricerca brevi strettamente legati all’argomento principale della tua azienda. Le long tail keyword, dall’altra parte, sono più descrittive e spesso relative alle sottocategorie che hai definito in precedenza. 

Andare a specificare nel dettaglio questi termini – anticipando l’intento di ricerca dei tuoi potenziali clienti – è molto più semplice che navigare a vista. 

Per esempio, se il tuo sito web si occupa di attrezzature sportive, e vuoi coinvolgere il pubblico target degli sport di montagna, potresti puntare su una keyword come “modello di scarponcino più adatto camminata leggera montagna?” rispetto a “scarponcini da montagna”.

Le keyword long tail di solito ottengono meno volume di ricerca, ma grazie al focus su uno specifico argomento o prodotto portano soliutamente a un numero maggiore di conversioni.