Tantissimi considerano i Social Network come una corsa ai likes: aziende, influencer ma anche semplici utenti sono sempre alla ricerca del contenuto perfetto per coinvolgere il proprio pubblico, piccolo o grande che sia.

Tuttavia, oggi la strategia vincente non si basa sui numeri, ma sulla qualità del pubblico coinvolto e quindi sulla creazione di una community di utenti che condivide gli stessi interessi per brand e argomenti.

Una community è un gruppo di persone fedeli a un brand, che interagisce e cresce in maniera organica tramite il passaparola. Non è facile costruirla, ma i risultati dimostrano che vale la pena provare.

In questo articolo, esploreremo 7 modi per costruire una community tramite il proprio brand, e trasformarla in un mezzo per fidelizzare i clienti e generare più vendite!

Social Network: coinvolgi i tuoi followers

Si definisce “engagement” quella metrica che considera il numero di commenti, likes e condivisioni. In breve, rappresenta la qualità e la quantità delle interazioni sotto un determinato post, e naturalmente più questa metrica aumenta, maggiore è il successo.

Sicuramente, il numero di followers conta, ma alla fine la chiave per il successo è la qualità del pubblico, e non la quantità. Un following gigantesco che però è “fantasma” non può competere con uno più piccolo ma molto più coinvolto.

La metafora migliore è una festa: immaginane una con migliaia di invitati, che però stanno tutti in silenzio, seduti, senza far niente. Nessuno parla, balla o scherza. Si può considerare una festa del genere un successo? Sì, il catering ha fatto un ottimo lavoro, ma qualcuno si è davvero divertito?

Il livello di attività e coinvolgimento è cruciale per ogni piattaforma social, perché contribuisce a creare un buon nome per l’azienda e a sviluppare relazioni con nuovi e potenziali futuri clienti, oltre che con quelli già acquisiti.

Le metriche per misurare l’engagement sono le seguenti:

  • Condivisioni dei post
  • Commenti sui post
  • Followers acquisiti e followers nuovi
  • Click sui link a pagine esterne e al profilo
  • Tag su post degli utenti

In soldoni, l’engagement cresce ogni volta che qualcuno interagisce con i tuoi post o il tuo account, e può essere calcolato in tantissimi modi. In questo articolo, parlo di come incrementare l’engagement su Instagram, con tecniche che possono essere rimodulate per qualsiasi social!

Social Network: offrire un valore aggiunto

Il più grande errore che puoi commettere in sede di sviluppo di una strategia social è quello di aspettarti che il pubblico voglia magicamente interagire subito con il tuo brand, e sia pronto ad ascoltare tutto quello che dici.

L’algoritmo è un abisso senza fondo, milioni di post spuntano ogni giorno, quindi è inverosimile pensare di poter portare a casa 1000 likes, 200 condivisioni e 100 nuovi followers ogni giorno. Quella dei social media è una guerra di trincea.

Scoprirai che il ritorno sull’investimento non si ottiene pubblicando 200 post al giorno, ma piuttosto uno che però offra un valore aggiunto agli utenti. Il che non è facile, ma il gioco vale assolutamente la candela. È un dare e avere.

Creare contenuti con un valore aggiunto richiede dedizione, perché ciascun post dovrà avere almeno uno dei seguenti criteri:

  • Sia educativo o informativo per il tuo pubblico
  • Ispiri il tuo pubblico
  • Diverta il tuo pubblico
  • Faccia risparmiare tempo o denaro al tuo pubblico

Gli studi dimostrano che – per la maggior parte degli utenti – il valore aggiunto non è negoziabile. Nel 2020, GlobalWebIndex ha effettuato una ricerca sulle principali motivazioni che spingono gli utenti a seguire un account:

  • Imparare qualcosa di nuovo, il 51%
  • Divertirsi, il 49%
  • Passare il tempo, il 49%
  • Scoprire di più sui propri interessi o passioni il 43%
  • Ispirarsi, il 38%

Quindi, i contenuti che vanno più forte sui social sono quelli educativi, divertenti – specie se nel format video breve – le foto e le immagini ma anche le recensioni di prodotti. È evidente che vi sia un pattern di contenuti interessante. 

Il pubblico non ha più voglia di trovarsi davanti cataloghi su cataloghi di prodotti e servizi. Quelli devono rimanere sul sito web, e sarà l’utente a decidere se visionarli o meno. Sicuramente sarà più portato a farlo nel momento in cui il brand avrà catturato il suo interesse.

Social Network: tieni sessioni di domande e risposte

Quello delle domande e risposte è un argomento molto caldo sui Social. La popolare piattaforma Reddit ha visto un picco di interesse verso le pagine in cui gli utenti hanno la possibilità di porre delle domande sugli argomenti più variegati.

Le altre piattaforme hanno fiutato l’affare, e hanno quindi sviluppato funzionalità simili per consentire agli utenti di ricevere e porre domande, rendendo l’esperienza Q&A il più accessbile possibile.

Una boccata di aria fresca per gli utenti, abituati a consumare passivamente i contenuti sui social. Quando fatte in maniera corretta, le sessioni di Q&A vanno a incrementare l’engagement e a mostrare trasparenza con il pubblico, permettendo loro di conoscere meglio e più personalmente il tuo brand.

Social Media: interagire con gli altri brand

Non si parla col nemico… o si? I competitor potrebbero diventare la tua migliore risorsa. Una relazione significativa con altri brand simili permettono prima di tutto un rapporto di sana concorrenza, e mostrano al pubblico il lato più “geek” dei brand.

Condividere un messaggio positivo e promuovere brand simili al tuo – o che condividono la tua stessa nicchia – potrebbe essere più d’aiuto di quanto sembri. Una volta stretta una relazione con un brand diverso dal tuo, le opportunità di collaborazione e supporto sono infinite!

Social Network: dai valore ai fan più accaniti

Sembra un’esagerazione, ma tantissime persone dimostrano fedeltà al brand in misura maggiore rispetto ad altri. Condivisioni e passaparola sono il punto di forza di un marchio sui social, quindi è bene premiare le persone che ti fanno pubblicità gratuita.

Tantissime persone, specialmente i millennials, mostrano una devozione maniacale ai brand che gradiscono, e condivideranno il loro sentimento con i propri pari tramite post e recensioni. Ed è proprio con questo tipo di pubblicità che il tuo brand potrà davvero crescere.

Se noti un follower – o più di uno – che si prende il tempo di commentare sui tuoi post, rispondere alle tue stories o scrivere in privato sistematicamente, prenditi del tempo per riconoscerli e ringraziarli per la loro lealtà. Può sembrare un gesto di poco conto, ma fa tanto!

Social Network: il potere dei giveaway

Regalare prodotti non è esattamente una strategia geniale, tuttavia alle volte il ritorno sull’investimento supera di gran lunga i soldi persi quando si omaggiano i propri clienti attraverso un giveaway.

Un givaway è una specie di concorso a premi che ha luogo sui social, dove un’azienda metterà in palio un prodotto omaggio per un fortunato vincitore. Il che fa gola a tutti!

Per anni, le aziende hanno utilizzato questa tecnica per attirare l’attenzione degli utenti sui social, e nel tempo, i modi per creare un giveaway di successo si sono moltiplicati: e-mail, contest e quiz sono solo alcuni dei modi in cui è possibile selezionare un vincitore.

Sui social, la pratica dei givaways va fortissimo. Dopotutto, chi non ama vincere qualcosa? Secondo uno studio, tre persone su quattro sono più portate a raccomandare un marchio che ospita contest e givaway.

In tantissimi, ad esempio, selezionano i vincitori dell’omaggio dai commenti a un determinato post, magari chiedendo anche di taggare i propri amici. Altri invece chiedono di rispondere a un quiz. A cosa porta tutto questo? Engagement.

Inoltre, quale modo migliore di promuovere i tuoi prodotti permettendo a un fortunato follower di ottenerlo in maniera gratuita, a patto che posti una foto o un video con il suddetto prodotto. Magari, selezionato tra i nuovi followers, che hanno cominciato a seguirti per partecipare al giveaway!

Il passaparola è garantito, e questo contribuirà alla brand awareness perché molte più persone parleranno di te e del tuo brand!

Social Network: sfruttare l’user generated content

L’user generated content – anche conosciuto come UGC – è un tipo di contenuto originale, specifico per il brand, creato dai clienti e pubblicato sui social media. Un esempio può essere la foto di un cliente soddisfatto con il suo nuovo paio di scarpe che ha comprato da te.

L’user generated content può essere sottoforma di video, immagini, recensioni, testimonianze e molto altro. Si dice spesso che non c’è migliore pubblicità di un cliente soddisfatto, e in questo caso mai affermazione è stata più vera.

Un contenuto brandizzato postato da un tuo cliente va a influenzare la buyers journey di un altro utente, incrementando di fatto le conversioni. Questo tipo di contenuto centrato sull’utente è ricondivisibile sia sui social che su altri canali, come e-mail pubblicitarie, siti web e pagine di checkout.

Social Network: puntare sull’autenticità

Oggigiorno, i brand sono in costante lotta per mostrarsi sulle piattaforme social, e la competizione per attrarre l’attenzione degli utenti è spietata. Come risultato, i clienti sono sempre più selettivi in merito ai brand con cui interagiscono e da cui acquistano, specialmente i più giovani.

La risposta a questo è l’autenticità: contenuti autentici, davvero centrati sul cliente attraggono il cliente molto di più rispetto a una classica pubblicità costruita e asettica. Quindi una community si costruisce intorno alla genuinità.

Mai mentire, mai farsi cogliere in fallo: gli utenti dei social sono ormai così sensibili alle falsità dei brand che capirebbero subito il trucco. Questo andrebbe a danneggiare la reputazione del tuo brand irreparabilmente.

Costruire una community significa parlare attraverso i tuoi clienti, perché gli utenti tendono a fidarsi di più dei loro pari che delle aziende. Quindi, il passaparola è sicuramente la strategia più efficace, e per ottenerlo, è essenziale costruire la tua community.