Se sei un copywriter amerai lavorare con le parole. Qualsiasi testo che scrivi lo sentirai tuo, e ne sarai estremamente orgoglioso una volta che lo vedrai pubblicato, dal più breve al più lungo. Tuttavia, gestire il tuo streamline non è semplice, specialmente se sei un freelance

Rispettare le scadenze, e nel contempo mantenere una buona qualità nel tuo stile di scrittura sono entrambe componenti cruciali nel lavoro di un copywriter, e la loro combinazione è la chiave per il successo. Non serve a niente rispettare una deadline se poi il contenuto è mal gestito. 

Il segreto è quello di mantenere un buon equilibrio in tutto, e alle volte ci troviamo a dover scegliere se far uscire un contenuto mediocre oppure posticipare una scadenza. Il che risulta una sconfitta su tutti i fronti per un copywriter che vuole distinguersi. 

Tuttavia, è naturale che un neofita non riesca ancora prendere le misure, e sbagliare è umano. In questo articolo, vedremo come ottimizzare al meglio il tuo tempo come copywriter e trovare l’equilibrio perfetto tra qualità e tempo di consegna. Continua a leggere per scoprirlo! 

Imparare a dire di no è una skill fondamentale per un copywriter

È possibile che – all’inizio della tua carriera da freelance – tu ti sia trovato ad accettare tantissimi lavori per paura di non averne mai abbastanza, andando a scontrarti poi con la dura realtà: tutti vogliono un lavoro ben fatto e consegnato in tempo, e tu non sai come fare. 

È per questo che, passata la fase iniziale, è importantissimo saper dire di no. Non è facile, perché alle volte ci sentiamo come se stessimo perdendo un’occasione, tuttavia non è sempre così. Finire con l’avere troppo lavoro ti farà perdere più occasioni di quelle guadagnate. 

Dire di no, tuttavia, richiede una buona comunicazione in primo luogo. Una negativa secca e poco studiata potrebbe far sì che un potenziale cliente non torni più da te, mentre un semplice “mi piacerebbe molto partecipare al vostro progetto, ma i miei impegni al momento non mi permettono di dedicarmi a voi come vorrei”. Mostra serietà e ti fa desiderare.  

Credimi quando ti dico che il lavoro da freelance significa libertà, ma questa libertà viene ben presto sommersa da una mole di lavoro che andrà a richiedere il 100% del tuo tempo, se non sai rifiutare qualche offerta. I tuoi contenuti saranno mediocri, e non ti riuscirai a distinguere sul lungo periodo. 

Le distrazioni sono il nemico principale di un copywriter

E non solo di un copywriter, ma di qualsiasi freelance. Ogni volta che ci mettiamo alla scrivania, la tentazione di guardarci “solo un’altra puntata” su Netflix è più forte che mai. Tra social media, libri da leggere e documentari su Amazon Prime, aumenta anche la fame, e si entra in un circolo vizioso. 

È un sentimento comune per tutti i freelance: quando cominciamo a lavorare, il mondo esterno sembra farsi più rumoroso, impattando sulla nostra concentrazione e quindi sul tempo e la qualità che mettiamo nel nostro lavoro. Il che si traduce nel procrastinare.

Ecco perchè è importantissimo rimuovere il più possibile le distrazioni. Telefono in modalità silenziosa, lontano dalla scrivania, così da non avere l’opportunità di controllare i social ogni 5 secondi. Televisione spenta, e – se possibile – WiFi disattivato. 

Inizialmente potrà sembrare impossibile, ma a lungo andare vedrai migliorare la qualità del tuo lavoro e diminuire il tempo in cui lo consegni. 

Inoltre, è anche molto importante chiudere il client di e-mail, ed aprirlo solo a intervalli regolari. Di solito, quando c’è un’urgenza, le persone preferiscono telefonare. Quindi, puoi permetterti di controllare le tue mail ogni due ore! 

La lista delle cose da fare è essenziale per un copywriter

Gli studi dimostrano che siamo molto più produttivi e organizzati se ci affidiamo a una lista delle cose da fare. Più dettagliata e segmentata la facciamo, migliori saranno i risultati, quindi è bene sempre dividere le macrotask in microtask, ed assegnare una tempistica a ciascuna di esse. 

Che il caos porti la creatività è un mito, in realtà serve solo a rendere più confuso il tuo lavoro e farti perdere tempo. Un piano ben delineato da creare a ogni inizio di giornata ti aiuterà a lavorare meglio e in maniera più efficiente! 

Ci sono tantissimi modi per creare una to-do-list. Il metodo tradizionale con carta e penna va benissimo, tuttavia esistono tantissime app che ti permettono di organizzare ancora meglio il tuo lavoro, come Todoist, Asana, Trello e AnyDo. Grazie ad esse potrai anche monitorare il tempo impiegato su ciascuna task e creare piani sempre più specifici e reali. 

Unita a un monitoraggio costante del tuo calendario – io personalmente uso Google Calendar – e a un blocco note cartaceo dove fare un po’ di brain dump, ti assicurerai una giornata di lavoro perfetta ogni giorno! 

L’importanza delle pause per un copywriter

Il nostro cervello ha bisogno di riposarsi. Immagina di allenarti costantemente in palestra con solo il tuo obiettivo in mente: a un certo punto il tuo corpo non ce la farà più! Hai bisogno di una pausa, e non devi sentirti in colpa quando la prendi. 

È – anzi – importantissimo prendersi una pausa a intervalli regolari, per permettere alla mente di rilassarsi e non entrare in confusione. Il che può anche semplicemente tradursi in cinque minuti di camminata, oppure uno snack o una breve routine di yoga.

Queste piccole pause ti aiuteranno ad incrementare la concentrazione e a darti energia per continuare con il tuo lavoro: ti troverai a finire prima di quanto pensi! 

Io, personalmente, utilizzo il metodo pomodoro, ovvero 25 minuti di lavoro intenso e 5 minuti di pausa. Ogni quattro slot da 25 minuti, 15 minuti di pausa. Puoi scaricare l’app Focus To Do, che ti offre anche una to-do-list integrata così da poter gestire task e pause in una sola app! 

Cronometrare il tempo per ogni task è la chiave del successo di un copywriter

Nel lavoro di un copywriter, capita spesso di trovarsi davanti allo stesso tipo di task. Testi o altri contenuti sono più o meno della stessa lunghezza, quindi ci viene facile capire in quanto tempo potremmo portarli a termine, dalla preparazione agli ultimi ritocchi. 

È sempre bene avere un’idea generale di quanto tempo impieghiamo per finire una task precisa, così da poter organizzare meglio la nostra giornata lavorativa. Questo ci permetterà di pianificare al meglio ed evitare di concludere la giornata con task non terminate. 

I 9 strumenti migliori per un copywriter 

Hai mai pensato, mentre lavoravi, alla frase: “Se ci fosse uno strumento per fare [x]”? La buona notizia è che molto probabilmente c’è, ma tu ancora non lo conosci! 

Strumenti per gestire i clienti di un copywriter

1. Dubsado

Dubsado è una piattaforma potentissima per gestire i tuoi processi freelance. Dalla fatturazione alla gestione del progetto fino a strumenti di supporto alla scrittura. E se hai tre clienti o meno, è completamente gratuito, così da non dover investire prima di guadagnare! 

2. Calendly

Organizzarsi con tutti i clienti può diventare un’impresa. Grazie a Calendly, potrai condividere il tuo calendario con i tuoi clienti e permettere loro di prenotare un appuntamento con te a seconda delle tue disponibilità. Geniale no? 

Strumenti per organizzazione e produttività per un copywriter

3. Google Docs

Google Drive è una manna per i freelance. Grazie a Google Docs, potrai collaborare a un documento con più persone. Il che significa che potrai commentare e apportare modifiche senza confonderti sulla bozza a cui stai lavorando. Inoltre, potrai contare su uno strumento speech-to-text pressocchè perfetto! 

4. Loom

Potrai utilizzare quest’app per creare brevi tutorial per i tuoi clienti. È un modo semplice per mostrare loro il tuo processo creativo invece di dover scrivere papiri per e-mail. Potrai creare contenuti coinvolgenti per I tuoi clienti su Loom senza dover per forza organizzare un meeting, il che ti fa risparmiare tempo! 

5. SelfControl

Potrai dire all’app Self Control quali siti web bloccare durante le tue ore lavorative, come Facebook o Instagram. Potresti accorgerti di entrare su queste piattaforme per abitudine, senza pensarci, ma SelfControl te lo impedirà. È come affidarsi a un coach! 

6. Canva

Da copywriter solitamente non sei responsabile del lavoro di design. Tuttavia, a volte, ti troverai ad avere delle task on the side da svolgere per il tuo brand personale – come il banner su LinkedIn o un post promozionale. Grazie a Canva, potrai avere il lavoro pronto in pochi minuti! 

In questo articolo, parlo proprio di Canva, e di come sfruttarne al meglio le funzionalità per qualsiasi professionista!

Strumenti SEO per copywriter

7. CoSchedule Headline Analyzer

Questo sito web ti offre un feedback sui tuoi titoli. Usalo per testare se il tuo è sviluppato bene e sfrutta i suggerimenti per modularlo a dovere! 

8. Ubersuggest

Da copywriter SEO, avrai bisogno di uno strumento di pianificazione delle Keyword. Ubersuggest è uno dei più diffusi e funzionali, ed ha una versione gratuita per partire. 

9. Keywords Everywhere

Questo plugin per Chrome ti offre una lista di keyword che rankano su una pagina web che stai visitando. È un modo veloce per acquisire dati SEO, ma dovrai sempre usarlo in concomitanza con un altro strumento di pianificazione keyword. 

Usa il tuo tempo per diventare un copywriter SEO

Incorporare il SEO nei tuoi lavori è cruciale per il tuo successo, quindi dovrai utilizzare un po’ del tuo tempo per imparare le tecniche migliori. Questo incrementerà il valore del tuo copy, e ti permetterà di chiedere di più ai tuoi clienti.

Se non stai usando il SEO nel tuo copy, stai letteralmente perdendo soldi. Per questo motivo ti consigliamo – se parli bene l’inglese – di prendere la certificazione gratuita SEO di Hubspot. Diversamente, ci sono tantissimi corsi, gratuiti e a pagamento, per iniziare. 

Potresti cominciare con qualche tutorial su YouTube per acquisire le basi, e poi spostarti su corsi più specializzati per approfondire ancora di più i concetti chiave della SEO. Ad ogni modo, parlando di time management, imparare il SEO è il tuo investimento di tempo migliore!