Neuromarketing: cos’è e come può aiutare il tuo business

Molte delle decisioni che prendiamo sono a livello inconscio, e sapevi che queste possono portare i clienti a comportarsi in un modo piuttosto che in un altro? Ecco cos'è il Neuromarketing e come può essere applicato al business.

Image

Se hai un negozio online e ti domandi sempre più di frequente come portare i tuoi clienti ad effettuare un acquisto, dovrai prima capire per quale motivo i tuoi clienti scelgono di comprare qualcosa da te e non da un tuo competitor. La risposta a questa domanda la puoi trovare a livello inconscio: questo è il neuromarketing

Tale metodologia di analisi nasce da Francis Crick, premio Nobel per la medicina, che affermava che tutti i sentimenti, le azioni ed i pensieri fossero dettati da un’attività inconsapevole del cervello.

Vediamo dunque come funziona il neuromarketing nel dettaglio e come può essere sfruttato per aiutare il tuo business a crescere. 

Cos’è il Neuromarketing?

Innanzitutto partiamo dal dare una definizione maggiormente approfondita: con il termine neuromarketing facciamo riferimento ad una disciplina relativamente recente che ha come obiettivo quello di studiare la mente umana

Tramite l’utilizzo del neuromarketing si possono colmare alcune delle lacune del marketing tradizionale, ma allo stesso tempo le analisi effettuate tramite il neuromarketing possono rivelarsi vane se non vengono messe in relazione con gli studi relativi al mercato effettuati in campo marketing.

In questo modo si può prevedere e, in certi versi, influenzare il comportamento dei consumatori. Attraverso le tecniche dettate da tale disciplina, infatti, è possibile capire come funziona il coinvolgimento emotivo delle persone nei confronti di un prodotto o di un brand.

Dunque è possibile pianificare il comportamento degli utenti e guidarli per migliorare il loro processo di acquisto, incentivando le vendite e la crescita del tuo brand, sia online che offline, attraverso i meccanismi inconsci della mente. 

Ma andiamo ad indagare la questione più nel dettaglio.

Come utilizzare il Neuromarketing per aiutare il tuo business

Eccoci arrivati ad una delle parti di maggiore interesse quando si parla di questo tema, ossia come il neuromarketing può aiutare il tuo business.

Per far crescerlo, a volte in maniera esponenziale, è necessario creare uno stimolo inconscio nel consumatore. In questo modo, il consumatore in questione riuscirà ad immedesimarsi nel brand che stai proponendo e si fidelizzerà ad esso.

Vediamo, nello specifico, tre tecniche molto utilizzate che possono garantire un notevole successo:

  • rendi il tuo brand il più possibile memorabile: la mente del consumatore tende a fare un’accurata selezione delle informazioni per non sovraccaricare il cervello, quindi l’obiettivo di ogni esperto di marketing è quello di guadagnare un posto di prestigio nella mente dei consumatori. Se consideri tutti i brand che sono diventati famosi ed affermati nel mercato noterai infatti che vi sono degli elementi ricorrenti che vengono utilizzati nelle loro pubblicità;
  • studia gli acquisti di impulso: molte delle decisioni di acquisto che prendiamo vengono elaborate a livello inconscio e solo successivamente noi attribuiamo un perché a tale acquisto. Avendo capito ciò, per applicare il neuromarketing al tuo business devi individuare quali sono quelle reazioni inconsce che possono portare all’acquisto;
  • crea un legame emotivo con il brand: uno dei metodi più efficaci per attirare i consumatori e legarli al tuo brand è quello di costruire una storia legata ad esso, il famoso storytelling. In questo modo si creerà una connessione emotiva con i tuoi clienti che si fidelizzeranno al marchio e, spesso, si faranno promotori di esso.

Applicazione del Neuromarketing negli e-commerce

Passiamo alla parte più pratica di questo articolo legato al mondo del Neuromarketing.

Come abbiamo visto, tale scienza può dare degli immensi benefici alla crescita del tuo business, ma vediamo nella pratica come possiamo sfruttare il Neuromarketing nella messa a punto di un sito web. 

Innanzitutto la prima variabile alla quale bisogna fare attenzione riguarda l’utilizzo dei colori. Infatti, essi sono capaci di suscitare emozioni a chiunque entrerà nel tuo sito e sono strettamente collegati alle emozioni che vuoi suscitare tramite il tuo brand. Esiste una vera e propria psicologia a riguardo, che sfrutta appunto i colori per aumentare le vendite.

Un secondo dettaglio da tenere in considerazione riguarda il copy. È importante scegliere le parole giuste per comunicare, poiché le parole possono creare una vera e propria alterazione del mondo che ci circonda. Di conseguenza, il proprio content marketing dovrà essere chiaro ed in linea con il brand, per suscitare emozioni anche tramite l’utilizzo delle parole.

Ultimo punto da tenere a mente quando si realizza un sito web è la facilità di navigazione. Molte volte può capitare di trovarsi su un sito che risulta essere interessante, eppure la lentezza di caricamento e la difficoltà nel trovare ciò che si cerca possono far abbandonare l’idea di acquistare. Proprio per risolvere tale problema è necessario studiare in maniera approfondita l’esperienza degli utenti, in modo tale da garantire una fruizione naturale del sito web.