Pay-Per-Click (PPC) è un termine presente nella lingua di ogni moderno marketer al giorno d'oggi. Le aziende utilizzano il PPC per indirizzare il traffico e le conversioni dai motori di ricerca. Pertanto, PPC svolge un ruolo fondamentale nella strategia di marketing online.

Una campagna PPC è un ottimo modo per promuovere la propria attività online perché consente di raggiungere persone che cercano attivamente ciò che si ha da offrire, soprattutto se l’azienda fornisce prodotti o servizi difficili da trovare in determinate regioni. Inoltre, le campagne PPC consentono di dedicare più tempo ad altri aspetti della tua attività piuttosto che al marketing. 

Questo articolo dunque copre le basi del Pay-Per-Click (PPC), discute come funziona effettivamente e aiuta a capire come trarne il massimo.

Cos'è il Pay-Per-Click?

Il modello pay-per-click è un modello pubblicitario online che consente agli inserzionisti di fare offerte su parole chiave, cioè parole o frasi digitate dagli utenti Web per posizionare meglio la pagina dei risultati del motore di ricerca (SERP) per quelle ricerche specifiche. 

Gli inserzionisti fanno offerte per il posizionamento nella sezione "link sponsorizzati" delle pagine dei risultati dei motori di ricerca o tramite scambi di annunci tramite un processo di asta che può essere automatizzato.

Le aste PPC sono offerte dinamiche in tempo reale con gli inserzionisti che competono per visualizzare i propri annunci su risultati di ricerca, siti Web o siti di coupon. Sono incredibilmente efficaci per indirizzare rapidamente il traffico e grandi volumi verso un sito Web, una pagina, o offerta.

Come funziona il modello Pay-Per-Click?

I tre attori principali coinvolti nel modello PPC sono inserzionista, motore di ricerca e consumatore. Gli inserzionisti fanno offerte sulle parole chiave utilizzate dai consumatori durante le ricerche online. 

L'offerta viene generalmente eseguita tramite un processo online automatizzato in cui gli inserzionisti indicano quanto sono disposti a pagare per clic o per impressione (CPC/CPM). Questa viene definita gestione automatica delle offerte, fornita dalla maggior parte dei fornitori di pay-per-click di terze parti come Google Adwords.

Esistono, dunque, due tipi di costi associati a questo modello pubblicitario: costo per clic (CPC), l'importo che l'inserzionista paga ogni volta che un utente fa clic sul suo annuncio e costo per mille impressioni (CPM), addebitando agli inserzionisti il ​​numero di visualizzazioni ricevute dal loro annuncio.

In genere, i siti Web più popolari utilizzano il CPM perché offre loro un flusso di entrate costante. Tuttavia, i siti meno popolari potrebbero scegliere di utilizzare il CPC perché è più facile per gli inserzionisti controllare quanto spendono per i loro annunci.

Come funzionano le parole chiave nella pubblicità Pay-Per-Click

Le parole chiave sono parte integrante della pubblicità pay-per-click (PPC) perché aiutano a determinare quali annunci vengono visualizzati per gli utenti che effettuano ricerche online. 

Quando un utente utilizza un motore di ricerca, la query dell'utente viene confrontata con le parole chiave sui siti web che fanno parte delle campagne AdWords. Gli annunci possono includere diverse varianti della frase chiave o mostrare un annuncio pertinente solo a una parte della frase chiave.

Il vantaggio di abbinare le parole chiave alla ricerca di un utente è duplice: consente agli inserzionisti di mostrare annunci direttamente pertinenti a ciò che gli utenti desiderano e si assicurano che gli annunci non vengano mostrati quando non c'è una corrispondenza.

Questi vantaggi aumentano le percentuali di clic e di conversione per gli annunci PPC, consentendo agli inserzionisti di ottenere più valore dalle loro campagne.

Caratteristiche e vantaggi di una campagna PPC

Molte aziende pensano che la Search Engine Optimization (SEO) sia sufficiente per aumentare le classifiche, tuttavia non è il modo più veloce e garantito. Infatti, il 65% dei clienti fa clic sugli annunci PPC. La consapevolezza del marchio può essere aumentata fino all'80% tramite gli annunci a pagamento di Google, che hanno un ROI del 200%. Inoltre, il PPC genera il doppio del numero di visitatori rispetto alla SEO.

Vediamo alcune componenti chiave di una campagna PPC:

  • una struttura e un'organizzazione dell'account adeguate;
  • immagini pubblicitarie accattivanti e ben progettate che catturano l'attenzione e attirano i clic;
  • un budget realistico in considerazione delle strategie di offerta e dei tipi di corrispondenza delle parole chiave;
  • annunci pertinenti, in modo organizzato e coerente, per creare un'immagine positiva dell’azienda agli occhi degli utenti;
  • inserzionisti pienamente informati sui loro prodotti o servizi, sulle condizioni di mercato, ecc.;
  • annunci e pagine di destinazione che devono corrispondere e non devono essere troppo simili tra loro, per non creare confusione.

L'utilizzo della pubblicità Pay-Per-Click (PPC), dunque, può avere vantaggi significativi se eseguita correttamente. È l'ideale per le piccole imprese con poca esposizione pubblicitaria tradizionale per ottenere una presenza online e aumentare la propria visibilità nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca. 

Per saperne di più puoi usufruire di questa guida al marketing digitale, contenente tutto ciò che deve sapere chi si approccia per la prima volta a questi temi.