Si sono accumulati molti miti sui  social media negli ultimi dieci anni, proprio come qualsiasi altra importante strategia di marketing. Anche se i dati hanno smentito molti miti del marketing, alcuni esperti di marketing si aggrappano ancora ad alcuni, perché è difficile stare al passo con ciò che sta realmente accadendo nei social media.

Il panorama dei social media cambia ogni giorno. Tuttavia, è essenziale separare il mito dalla realtà quando si crea una strategia di social media per avere successo. Ecco perché ho stilato un elenco dei miti più comuni sui social media per aiutarti a separare i fatti dalla finzione.

È probabile che tutti noi abbiamo sentito alcuni miti sui social media da colleghi o amici, quindi diamogli un'occhiata. Quindi, ti spiegherò perché devi lasciarti alle spalle questi vecchi modi di pensare. 

1. I miei clienti non sono sui social media

Più di 3,7 miliardi di persone nel mondo sono dovrebbe essere attivo sui social media nel 2022. Inoltre, quasi tutto e tutti hanno una piattaforma di social media al giorno d'oggi. I siti di social media come Facebook, Instagram o Twitter connettono amici e familiari, mentre LinkedIn offre opportunità di networking per i professionisti.

Quasi certamente, una piattaforma di social media ha un seguito in linea con il tuo marchio. Quindi, assicurati di capirlo prima di iniziare qualsiasi campagna di social marketing. 

2. Dovresti unirti a ogni singolo social network

Anche se ho sentito parlare di così tanti social network, ciò non significa che dovrei creare un profilo su tutti loro. Prendi in considerazione la ricerca su alcuni social network. Provali configurando un profilo aziendale o una pagina Facebook

Alcuni, tuttavia, potrebbero non rappresentare un utile investimento del tuo tempo. Stando così le cose, potresti considerare di rimuovere il tuo profilo e andare avanti. Trascorri tempo e risorse solo su piattaforme allineate con le tue tattiche di marketing e con il tuo pubblico.

I marketer di maggior successo analizzano i dati per identificare le attività di marketing che producono i maggiori risultati: se un social network non sta generando risultati, eliminalo. 

4. Dovresti solo cercare di ottenere follower che diventeranno clienti

La qualità dei tuoi contenuti è importante, sì, ma non sottovalutare il potere di un'ampia copertura sociale. Ecco alcuni punti da tenere a mente la prossima volta che ti penti del fatto che stai guadagnando un follower che è al di fuori del tuo territorio di vendita:

  • Accedi a più fan e follower.
  • Puoi trarre vantaggio dal loro potere se sono un influencer.
  • Il tuo SEO migliora quando le persone condividono i tuoi contenuti.
  • La tua attività potrebbe ancora essere indirizzata a loro.

Ciò non significa che non dovresti rivolgerti anche a un pubblico specifico e ad alta conversione sui tuoi canali di social media, per capire il tuo pubblico di destinazione ideale sui social media.

5. Dovresti programmare i post solo durante la settimana lavorativa

Anche se non è saggio costringere il tuo social media manager a lavorare nei fine settimana, puoi pianificare i post online in anticipo o pubblicare annunci sui social media durante il fine settimana - e potrebbe essere una buona idea idea a seconda del tuo pubblico.

Ovviamente, dovrai identificare quando il tuo pubblico utilizza maggiormente determinate piattaforme social. Sebbene i picchi di coinvolgimento delle piattaforme di social media si verifichino durante la settimana, sono elevati anche nei fine settimana e la sera. 

6. Avrai un migliore coinvolgimento sui social media se chiedi alla tua gente di mettere "Mi piace" ai tuoi post

I Mi piace sui tuoi post di Facebook non dovrebbero provenire solo da tua madre e tuo zio. Quando si tratta di determinare quali post vengono visualizzati su Facebook e altri social network, gli algoritmi possono sembrare un po' più sofisticati di quanto pensi.

Ci vuole una serie di persone che interagiscono con i tuoi contenuti per ricevere feed dai social media in modo da favorire i tuoi contenuti, sia per aumentare la tua copertura che per apparire nei feed degli utenti. 

Con questo in mente, ti incoraggio a, invece di chiedere solo ai tuoi amici e familiari di mettere Mi piace ai tuoi post, andare dai tuoi follower e chiedere loro di mettere Mi piace, commentare e condividere in modo che lo facciano e si impegnino in ulteriori discussioni.

7. Devi rispondere alle attività sui social all'istante

È innegabile che le risposte rapide siano apprezzate, ma non sempre sono necessarie. Gestisci un'attività, quindi i tuoi clienti lo capiscono. Anche altre cose stanno accadendo. Non devi tornare immediatamente, ma dovresti essere in grado di farlo in un modo tempestivo.

D'altra parte, se hai un account di social media e dovessi ricevere un reclamo, questo diventa pubblico e potrebbe danneggiare la tua credibilità. Il tuo team di assistenza dovrebbe essere consultato il prima possibile e dovresti rispondere in modo ponderato, dimostrando che stai prestando attenzione a questo feedback. 

8. I social media riguardano solo la conversazione

Le conversazioni sono importanti, è solo che non sono così importanti come dovrebbero. Ignorare i tuoi fan non è un'opzione. Sebbene essere socialmente attivi sia vantaggioso, non è l'unico motivo per fare marketing sui social media. 

Oltre a consentirti di entrare in contatto virtuale con le persone, i social media possono aiutarti a generare lead, generare traffico non organico e condividere i tuoi contenuti migliori. Anche se i post di valore potrebbero non risultare sempre utili in una conversazione, possono portare a visite e vendite al sito web.  

9. Le tattiche di marketing sui social media non portano a risultati finali

Togliendo una foglia dal mito precedente, i social media non servono solo a generare "coinvolgimento" e "equità del marchio". I clienti e i lead provengono dai social media, punto.

Non riesci a crederci? Dovresti conoscere le seguenti statistiche:

  • I social media rappresentano il 54% di tutte le ricerche sui prodotti condotte sui social media.
  • Approssimativamente il 70% degli esperti di marketing ha utilizzato gli annunci di Facebook nel secondo trimestre del 2020, con 9 milioni di inserzionisti attivi sulla piattaforma.
  • Oltre a scoprire nuovi prodotti e servizi tramite Instagram, l'87% degli utenti ha riferito di aver intrapreso azioni specifiche dopo aver visualizzato le informazioni sui prodotti, come un acquisto.
  • La difesa dei clienti può essere aumentata del 25% rispondendo ai reclami dei consumatori sui social media.
  • 54% della Gen Z e Il 49% dei Millennials dichiara di preferire i social media per influenzare le loro decisioni pubblicitarie.
  • Più del 79% degli utenti dei social media afferma che i contenuti generati dai propri amici influiscono sulle loro decisioni di acquisto.

L'uso dei social media, in particolare della pubblicità e dell'influencer marketing, può portare a un aumento delle vendite. Ogni volta che scorro Instagram, scorro verso l'alto per acquistare (non sembra buono quando controllo il mio conto in banca.)

10. Sembra brutto apparire come un marchio

Sebbene dovresti sempre pubblicare contenuti su misura per il tuo pubblico sui social media, puoi anche condividere contenuti che mettano in risalto la personalità del tuo marchio. Onestamente, potrebbe anche essere la personalità del tuo community manager.

Puoi sempre mostrare il lato umano della tua azienda con il tuo umorismo unico, le immagini dei dipendenti e i link ad articoli che trovi particolarmente divertenti... Non importa quanto sia estraneo al tuo settore.

11. Gli hashtag sono essenziali per ogni post

Quante volte hai incontrato tweet con questo aspetto?

Adoro questo post su #socialmedia #marketing #pinterest #puppy #lol #funny #lovethis

Utilizzando gli hashtag puoi collegare fili comuni di conversazione. Anche se un hashtag per un evento diventa un argomento di tendenza, non scoraggiarti se non ottiene lo stesso successo. 

Che distrugga o meno il tuo obiettivo principale non è poi così importante. L'obiettivo dell'utilizzo degli hashtag non è trovare tutti coloro che stanno seguendo l'hashtag, ma rendere gli hashtag più facili da trovare. Ricordalo!

12. Il monitoraggio dei social media richiede molto tempo

Immagina di essere incollato allo schermo del tuo computer, con cinque schede aperte per ciascuno dei tuoi rispettivi siti di social network, bevendo tre caffè espresso e facendo clic tra le schede come un maniaco.

Un altro metodo per monitorare i social media: utilizza uno strumento che ti avvisi se vengono discussi determinati termini; controlla periodicamente i tuoi account per vedere se è necessario affrontare qualcosa, rendere pubblico, ecc.

Probabilmente 30 minuti al giorno sono tutto ciò di cui hai bisogno per quel secondo tentativo. Nulla di cui preoccuparsi. Tutti respirano. Andrà tutto bene.

13. I gestori dei social media dovrebbero essere neolaureati o avere anni di esperienza

Nonostante ciò che molti pensano, questo non è solo un mito. Le teorie ageiste dovrebbero essere completamente abbandonate, se non l'hanno già fatto.

L'età della persona non fa assolutamente nulla per determinare quanto sarà brava nel social media marketing o in qualsiasi altro lavoro. Nonostante la tua età, puoi imparare e utilizzare strumenti e strategie e puoi anche commettere errori. Ecco perché dovresti considerare sia la fascia di età di un candidato che la sua capacità di gestire la tua presenza sui social media, invece di guardando la loro età. 

14. Solo i giovani usano i social media

Pensi che i social media siano solo per Gen Z e Millennials? Dai una seconda occhiata.

Le seguenti statistiche possono aiutare a fare luce sulla situazione: il 40% degli utenti Internet di età compresa tra 46 e 55 anni hanno utilizzato LinkedIn nel 2020; circa il 55% degli utenti di Facebook avrà più di 35 anni entro il 2021 e l'80% degli utenti Internet statunitensi di età compresa tra 45 e 64 anni ha guardato video su YouTube nel 2019.

È probabile che i social media vengano utilizzati dal tuo pubblico (a qualsiasi età!)- l'importante è capire quale preferiscono. 

15. Le piattaforme più recenti, come Snapchat e TikTok, non meritano di essere prese sul serio

Grazie alle loro piattaforme uniche, Snapchat e TikTok sono stati in grado di attrarre millennial e membri della Generazione Z. A differenza di Snapchat, TikTok presenta brevi video da 10 a 60 secondi buffi, divertenti o musicali.

Sebbene molte di queste piattaforme ricevano contenuti strani dagli utenti, ciò non significa necessariamente che i marchi non possano utilizzare le app per acquisire consapevolezza e credibilità.

Ad oggi, una serie di marchi ha creato annunci o profili per TikTok, dagli editori alle aziende B2C. The Washington Post è uno dei primi e più sorprendenti marchi a integrare TikTok nella sua strategia. In quanto redazione con una presenza formale sui social media su altre piattaforme, usano TikTok per enfatizzare il lato umoristico, ma anche umano, del loro lavoro.

Ora che i social media sono maturati in modo significativo, qualsiasi piattaforma di social media popolare può sicuramente essere presa sul serio. Quando abbiamo sfatato i miti precedenti, abbiamo notato che prima di guadagnare tempo e denaro per costruire una strategia di marketing per una piattaforma, dovresti determinare quali piattaforme si adattano meglio al tuo pubblico e ai tuoi obiettivi.