Al termine di una giornata in cui Piazza Affari ha mostrato un andamento alquanto incerto, con il Ftse Mib fermatosi al di sotto della parità, ha brillato Amplifon che ha messo a segno un deciso rialzo, conquistando la prima posizione nel paniere delle blue chips.

Amplifon svetta sul Ftse Mb dopo il calo di ieri

Il titolo non più tardi di ieri aveva ceduto oltre un punto percentuale, complici alcune prese di profitto dopo il rally di quasi il 7% messo a segno martedì.

Oggi Amplifon ha ripreso la via dei guadagni, fermandosi a 35,47 euro,con un rally del 2,84% e poco più di 500mila azioni scambiate, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a quasi 650mila.

Il titolo è tornato così al centro degli acquisti dop l'euforia di due sedute fa, alimentata dalla mossa di S&P che ha migliorato il rating di Amplifon da "negativo" a "stabile", confermando il rating "BB+".

Amplifon: Equita alza il target price, ma resta cauta

A dare sostegno ad Amplifon è anche la decisione di Equita SIM che ieri ha incrementato il prezzo obiettivo da 32 a 33 euro, a fronte della conferma di una raccomandazione "hold".

Gli analisti hanno deciso di rivedere la valutazione del titolo in attesa dei risultati del primo trimestre di quest'anno che saranno diffusi dal gruppo il 29 aprile prossimo.

Amplifon: le attese degli analisti sui conti del 1° trimestre

Gli esperti si aspettano che il trend indicato nella call di inizio marzo, circa +10% rispetto al primo trimestre 2019 a cambi costanti, sia proiettabile su tutto il trimestre alla luce dei segnali di confidenza sui consumi in particolare in USA e della resilienza dell’EMEA.

Includendo un modesto impatto negativo dai cambi, gli analisti stimano quindi una top-line per il primo trimestre 2021 di 433 milioni di euro, in crescita del 19% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Organicamente, la stima di Equita SIM corrisponde a un rialzo del 16% circa rispetto ai primi tre mesi del 2020, sostenendo quindi le aspettative del management di Amlpifon di un mercato sopra i livelli 2019 nel 2021 e con la società in grado di sovraperformare, probabilmente valido però già nel primo semestre e non back-end loaded causa lockdowns.

A livello geografico, gli analisti si aspettano che tutte le aree siano sopra i livelli 2019 su base organica e che Nord America in primis ed EMEA a seguire abbiano guidato la performance nel primo trimestre.

Amplifon: previsioni su margini e debito

Come marginalità, le attese sono per un trimestre coerente con la guidance per l'intero anno di 180-200 punti base di espansione dei margini rispetto al 2019, prevedendo quindi 95 milioni di EBITDA e 22% di EBITDA margin.

Sotto l’EBITDA non sono attesi trend particolari, per cui la SIM milanese arriva a 26 milioni di euro di utile nel primo trimestre.

Sul debito netto è prevista una sostanziale stabilità rispetto a dicembre, tenendo conto della ripresa dell’M&A.

La stima di Equita SIM di una partenza d’anno intorno a +6% organico con il primo trimestre 2019 supporta una revisione al rialzo delle stime 2021 intorno all’1% come ricavi a 1,902 miliardi di euro, all'1,5% come EBITDA a 469 milioni al 2,5% come EPS a 0,74 euro per azione.