Seduta senza infamia e senza lode per Atlantia che oggi ha vissuto una giornata senza verve, di pari passo con il Ftse Mib.

Atlantia sulla parità dopo il rialzo di venerdì

Il titolo, dopo aver guadagnato circa un punto percentuale venerdì scorso, ha provato ad allungare il passo oggi, salvo poi tornare indietro.

A fine sessione Atlantia si è fermato a 16,19 euro, con un frazionale rialzo dello 0,09% e oltre 1,2 milioni di azioni trattate, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 1,75 milioni.

Atlantia oggi non ha dato vita a particolari reazioni dopo le indiscrezioni riportate dalla stampa.

Atlantia: CDP chiede proroga per negoziare

Secondo Il Sole 24 Ore, Cassa Depositi e Prestiti avrebbe chiesto di prorogare le negoziazioni fino al 27 marzo.
Secondo il CEO Bertazzo i nodi della trattativa sono: il prezzo, le garanzie e le condizioni generali del bid.

L'AD Bertazzo ha inoltre apprezzato l’interessamento della spagnola ACS per ASPI.

Atlantia: Sabrina Benetton si dimette dal cda

Intanto da una nota difusa ieri in serata si è appresa che Sabrina Benetton, consigliera in quota ad Edizione Holding, si è dimessa dal Cda di Atlantia con effetto immediato.

Atlantia: focus su presentazione strategia

Dalla presentazione della strategia invece è emerso che sul piano economico finanziario di Aspi è stato raggiunto un accordo col precedente governo, ma resta da verificare l’approccio del nuovo Esecutivo.

Abertis da parte sua si attende una rapida ripresa del traffico, con il 2021 che è previsto il 10% sotto i livelli 2019, e sta negoziando compensazioni per il Covid in Italia e Brasile, mentre è più difficile negoziare in Francia e Spagna.

Nessuna novità sulle compensazioni per la AP7: credito fra 1 e 4 miliardi di euro col governo spagnolo.

Per ADR il recupero del traffico 2019 è atteso solo nel 2023-2024, con il traffico 2021 atteso del 70% inferiore al 2019. Roma e Nizza dovrebbero recuperare rapidamente perché sono destinazioni turistiche.

Nella review tariffaria 2022-2026 di ADR, il Wacc è atteso ridursi leggermente  si tratta di un'indicazione migliore rispetto alla stima di Equita SIM.

Sempre dalla presentazione della strategia è emerso che è stato confermato l’obiettivo di asset rotation e di apertura del capitale delle partecipate.

Nel 2021 Atlantia incasserà 0,5 miliardi di euro di dividendi dalle controllate, che potrebbero distribuire.

Atlantia sotto la lente di Equita SIM

Secondo Equita SIM è positiva la richiesta di CDP di proroga della negoziazione. Gli analisti evidenziano al contempo che il traffico di ADR 2021 sarà debole, ma le attese sull’Allowed Wacc 2022-2026 sono migliori del previsto.

L’accordo con CDP risolverebbe il problema del debito nella holding ed assicurerebbe flessibilità finanziaria ad Atlantia per asset rotation o per supportare Abertis, il cui leverage rimane elevato.

Invariata intanto la strategia di Equita SIM che mantiene fermo il rating "hold" su Atlantia, con un prezzo obiettivo a 17,8 euro.