Anche le seconda ottava di Luglio è stata vissuta a doppia velocità sui principali mercati azionari che hanno visto Wall Street andare a fare nuovi massimi e i listini del Vecchio Continente fare fatica a seguire il "sentiment" positivo dei mercati americani in scia alla risalita dei contagi di Covid19 con la variante "Delta".

In questo contesto il focus rimane sempre rivolto alle prossime mosse delle varie Banche Centrali a cui si aggiungono le tensioni tra Usa e Cina legati al settore Tech.

Sul mercato delle valute, nonostante il rimbalzo delle ultime due sedute, rimane debole l'Euro che nei confronti del Dollaro rimane sempre sotto la soglia degli 1.19 ancora a distanza dalle prime resistenze situate nei pressi degli 1.197

Sul mercato delle Materie Prime alcuni segnali di debolezza giungono dal Petrolio che paga il mancato accordo all'interno dell'Opec+ chiudendo l'ottava sotto i 75$ al barile copo aver fatto un minimo intra nei pressi dei 71$ al barile.

L'analisi del FTSE Mib

Ancora una volta la debolezza del settore bancario impatta sul nostro indice principale (-0.91%) con le quotazioni che a fatica sono riusciti a tenere la soglia dei 25mila punti dopo un minimo settimanale vicino ai 24500 punti;

dal punto di vista grafico importante sarà la tenuta dei 25mila punti per evitare che quella prosecuzione innescatasi nella seconda parte del mese di Giugno possa spingere il FTSE Mib verso i 24500 e a seguire 24250 punti.

Tra i titoli da monitorare troviamo INTERPUMP in caso di correzioni verso la soglia dei 49 euro, PRYSMIAN  con la tenuta dei 30 euro e MAIRE TECNIMONT in caso di correzione verso la soglia dei 3 euro.

Buon trading

Per abbonarti ai segnali di trading su Blue Chip, Mid Cap ed Etf, che nel 2020 hanno generato un guadagno del 170% e nel 2021 è superiore al 260%, invia subito un Sms/Whatsapp al +39 375 567 0835 digitando "Info Origlia" oppure chiama lo 02 400 42 139.

Inoltre, per rimanere sempre aggiornato sulle mie attività, richiedi l'accesso al mio gruppo Telegram: http://bit.ly/2YvjIdj