Battuta d'arresto anche per Banca Popolare di Sondrio che ha visto scattare il semafoto sul rosso dopo quattro sedute consecutive in buon rialzo.

Banca Popolare di Sondrio frena dopo quattro rialzi di fila

Non più tardi di ieri il titolo ha messo a segno un rally di oltre il 3,5% e oggi ha prestato il fianco ad alcune prese di profitto.

A fine giornata Banca Popolare di Sondrio si è fermato a 3,794 euro, con un ribasso dello 0,73% e volumi di scambio elevati, visto che a fine giornata sono transitate sul mercato oltre 3,3 milioni di azioni, quasi il doppio rispetto alla media mensile pari a circa 1,7 milioni.

Banca Popolare di Sondrio oggi è finito sotto la lente del mercato dopo che il gruppo ha diffuso ieri i conti del primo trimestre.

Banca Popolare di Sondrio: i principali dati del 1° trimestre

Equita SIM ha evidenziato che la banca ha riportato risultati complessivamente superiori alle sue attese, sia grazie a maggiori ricavi che specialmente a un minore costo del rischio.

In dettaglio, l'utile netto è stato pari a 59 milioni di euro, contro i 41 milioni messi in conto dalla SIM milanese, mentre l'utile operativo si è attestato a 109 milioni contro i 102 milioni previsti.

Il net interest income è salito dell'1% su base trimestrale a 129 milioni di euro, contro i 126 milioni messi in conto da Equita SIM, mentre il totale income è stato pari a 247 milioni rispetto ai 240 milioni su cui avevano puntato gli analisti.

A livello operativo si segnala l’ottima tenuta del net interest income, beneficiando della continuazione della dinamica positiva dei volumi che ha più che compensato l’effetto calendario negativo e l’ulteriore compressione dei tassi di interesse.

Positivo il trend delle commissioni a 85 milioni di euro contro gli 82 milioni attesi, grazie anche all’aumento della raccolta indiretta, salita del 4% su base trimestrale.

Banca Popolare di Sondrio: ecco la principale sorpresa per Equita SIM

Equita SIM fa notare che la principale sorpresa rispetto alle sue stime è tuttavia attribuibile ad un costo del rischio significativamente più basso delle attese, beneficiando anche di circa 8 milioni di euro di rilasci su accantonamenti.

Il CET1, senza includere l’utile di periodo, è pari al 16,4%, mentre l'NPE Ratio è sostanzialmente stabile su base trimestrale al 7.4%.

Quanto alla guidance per il 2021, Banca Popolare di Sondrio stima di poter conseguire un ROTE superiore al 5%.

Banca Popolare di Sondrio: Equita rivede le stime

Dopo i risultati superiori alle loro attese, gli analisti di Equita SIM alzano le stime sull'utile netto 2021 del 28% a 150 milioni di euro.

Una mossa decisa principalmente per maggiore net interest income, incorporando il contributo dal take-up addizionale di TLTRO, per riflettere la sorpresa positiva del primo trimestre sulle fees, ma anche per un minore costo del rischio.

Gli esperti stimano ora un ROTE del 5% nel 2021, consistente con la guidance della società.

La view su Banca Popolare di Sondrio resta cauta, con una raccomandazione "hold" e un prezzo obiettivo alzato dell'11% a 3,2 euro.

Equita SIM continua a incorporare nella valutazione parte dell’appeal speculativo legato all’M&A, con la sentenza del Consiglio di Stato attesa nelle prossime settimane.

Pur apprezzando la performance del trimestre, gli analisti ritengono che le attuali valutazioni siano piene e riflettano in maniera significativa l’appeal speculativo della banca.