A Piazza Affari prosegue il recupero di Banco BPM che dopo la bella reazione di ieri continua a spingersi in avanti, mostrando più forza del Ftse Mib.

Banco BPM sale ancora e si piazza tra i migliori nel settore bancario

Il titolo, dopo aver chiuso la giornata di ieri con un progresso di circa due punti percentuali, performa altrettanto bene oggi, presentandosi negli ultimi minuti a 2,47 euro, con un rialzo dell'1,69% e oltre 7 milioni di azioni transitate sul mercato fino ad ora, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 14,5 milioni di pezzi.

Banco BPM resiste alle cattive notizie da Spread e BTP

Banco BPM si allinea alla positiva intonazione del settore bancario che non sembra risentire in alcun modo dei segnali negativi che arrivano dal mercato obbligazionario. 

Lo spread BTP-Bund viaggia in rally di quasi il 3% e precisamente del 2,88% a 114,2 punti base, mentre i BTP sono oggetto di vendite, come evidenziato dal rialzo del rendimento del decennale che si presenta allo 0,91% con un incremento dell'1,56%.

Banco BPM: oggi i conti trimestrali. Le attese di Equita SIM

Banco BPM intanto resta sotto i riflettori in vista dell'appuntamento odierno, ricordando che a mercati chiusi il gruppo presenterà i conti dei primi tre mesi di quest'anno.

Gli analisti si aspettano un trimestre solido e prevedono una buona performance operativa nel periodo in esame, grazie alla componente commissionale, in linea con i livelli del primo trimestre 2020 e in aumento del 2% su base trimestrale.

L'andamento delle commissioni dovrebbe compensare un calo del margine di interesse stimato nell'ordine del 2%, a causa dell’effetto calendario negativo rispetto agli ultimi 3 mesi del 2020.

La buona performance trimestrale sarà da ricondurre anche ad un possibile restringimento dello spread commerciale e ad un aumento della raccolta.

Nel dettaglio, per i primi tre mesi dell'anno Equita SIM stima per Banco BPM un utile netto di 78 milioni di euro, un net interest income in rialzo del 5% a 498 milioni di euro e un utile operativo pari a 412 milioni di euro.

Gli accantonamenti per perdite su crediti sono attesi a 217 milioni di euro, ocn un costo del rischio di 78 punti base, leggermente al di sopra della guidance ordinaria fornita dal management per il 2021.

Banco BPM: Equita ritocca le stime

Gli analisti di Equita SIM si attendono inoltre che gli headwinds regolamentari,  100 punti base sul CET1, attesi per la prima metà dell’anno, possano essere contabilizzati quasi interamente nel primo trimestre.

Gli esperti ritengono comunque che Banco BPM continui ad avere una solida posizione patrimoniale, con un CET1 in area 12,5% e con circa 400 punti base di buffer rispetto ai requisiti SREP.

In attesa dei dati ufficiali del gruppo, Equita SIM ha effettuato un leggero aggiustamento delle stime per il periodo 2021-2023.

Più precisamente, gli analisti hanno incrementato il total income 2021 dell’1%, incorporando l’impatto positivo sul NIM nei prossimi trimestri derivante dall’aumento di 10 miliardi di euro dell’esposizione al TLTRO3. Aumentato inoltre il tax rate, con una limatura delle stime di utile 2021-2023 del 3% circa.

Banca BPM: Equita SIM conferma li buy. Ecco perchè

Gli analisti confermano una visione positiva su Banco BPM e pensano che possa partecipare attivamente al processo di consolidamento del settore bancario.

Questo considerando il miglioramento del profilo di rischio con NPE ratio inferiore all'8% e la solida posizione patrimoniale.

A ciò si aggiunge un maggiore appeal speculativo guidato da una valutazione economica rispetto alla media di settore.

Per questi motivi Equita SIM ribadisce la raccomandazione "buy" su Banco BPM, con un prezzo obiettivo a 2,5 euro.

Banco BPM: Barclays vede una trimestrale solida

A scommettere sul titolo è anche Barclays secondo cui il gruppo guidato da Castagna registrerà la trimestrale più solida insieme a quella di Intesa Sanpaolo.

Banco BPM dovrebbe aver beneficiato nei primi tre mesi dell'anno di una pressione inferiore sul net interest income rispetto ai competitors e di una crescita più elevata delle commissioni trimestre su trimestre. 

La raccomandazione "overweight" è confermata, con un target price rivisto verso l'alto da 2,4 a 2,7 euro.