Fuochi d'artificio per Bper Banca che oggi ha vissuto una seduta decisamente spumeggiante, conquistando la prima posizione nel paniere delle blue chips.

Bper Banca in rally con volumi boom

Il titolo nell'intraday è arrivato a segnare un massimo a 1,69 euro, con un rally di oltre l'11%, da cui ha ripiegato prima del close.

Bper Banca si è fermato a 1,641 euro, con un rally del 7,85% e volumi di scambio esplosivi, visto che a fine sessione sono transitate sul mercato oltre 36 milioni di azioni, quasi il doppio della media degli ultimi 30 giorni pari a circa 19 milioni.

Bper Banca: i numeri del primo trimestre

Il titolo è scattato in avanti sulla scia dei conti del primo trimestre, diffusi ieri a mercati chiusi.

Il periodo in esame è stato archiviato con un utile netto pari a 122,67 milioni di euro, in calo rispetto ai 400,27 milioni dei primi tre mesi del 2021.

I proventi operativi sono balzati del 16,6% a 883,74 milioni di euro, mentre il risultato della gestione operativa è cresciuto dl 16,6% a 883,74 milioni di euro.

Il margine di interesse si è attestato a 376 milioni di euro, mentre sul fronte dei ricavi la dinamica delle commissioni è stata molto forte, sostanzialmente stabile su base trimestrale al netto delle commissioni di performance.

Ottime indicazioni sull’asset quality, con NPE Ratio stabile trimestre su trimestre al 4,9% e NPE coverage oltre il 60%, ai vertici del settore.

Il CET1 è pari al 13,6%, contro il 13,5% di fine 2021. senza includere alcun accrual di dividendo e con un ampio buffer rispetto all'attuale requisito SREP pari all'8,3%.

Bper Banca: spunti dalla conference call

Dalla conference call si è appreso che dopo la ricalibrazione dei modelli è emersa una sensibilità di Bper Banca ai tassi molto superiore di quella comunicata in passato: circa il 15% di incremento del margine di interesse per 100 punti base di rialzo della curva.
Non è esclusa la cessione della piattaforma di servicing e maggiori dettagli sono attesi col nuovo piano a metà giugno.

Bper Banca: Equita SIM alza le stime, ma resta cauta

Gli analisti di Equita SIM hanno alzato del 5% le stime per l'utile netto 2022, per riflettere parzialmente la sorpresa del primo trimestre 2022 lato commissioni e trading, mentre quelle relative al 2023 e al 2024 sono state alzate del 3%.

La SIM milanese evidenzia che il titolo tratta a valutazioni compresse, ma conferma ugualmente la raccomandazione "hold", con un prezzo obiettivo a 2,2 euro.

Gli analisti preferiscono rimanere cauti in attesa di avere maggiore visibilità sull’indirizzo strategico che verrà delineato con il business plan che, insieme a maggiori dettagli su Banca Carige, secondo gli esperti possono costituire un catalizzatore rilevante per il titolo.

Bper Banca: anche Barclays è prudente

Non si sbilanciano i colleghi di Barclays che su Bper Banca hanno un rating "equalweight", con un taret price a 1,8 euro.

Gli analisti parlano di una trimestrale solida, segnalando come catalizzatore chiave ora il piano industriale, unitamente alla piena visibilità sull'integrazione di Banca Carige.

Bper Banca: la view di Kepler Cheuvreux e di Jefferies

Bullish la view d Kepler Cheuvreux che sul titolo ha una raccomandazione "buy", con un fair value tagliato da 2,6 a 2,4 euro, anche se la trimestrale è stata definita migliore delle attese.

Un invito all'acquisto giunge anche da Jefferies, con un prezzo obiettivo a 2,7 euro, sulla scia dei risultati positivi, con trend sottostanti incoraggianti. 

Bper Banca: per UBS può volare fino a 2,8 euro

Al coro degli ottimisti si aggiunge anche UBS che oggi ha rinnovato l'invito a comprar Bper Banca, con un target price a 2,8 euro, valore che implica un potenziale di upside di oltre il 70% rispetto alle quotazioni correnti a Piazza Affari.

Anche la banca elvetica ha apprezzato i conti del gruppo, segnalando in particolare l'utile netto che è stato ben superiore alle attese degli analisti.