Seduta decisamente positiva per Nexi in borsa nonostante le incertezze che caratterizzano la giornata odierna sui mercati azionari. Il titolo è il migliore tra quelli del FTSE MIB, l'indice che raccoglie le blue chip di Piazza Affari, nonostante che oggi pomeriggio al Senato sia in discussione la mozione per l'abolizione del Cashback promossa da Fratelli d'Italia. Nexi è leader di mercato in Italia nel segmento dell'emissione di carte, quindi il Cashback è positivo per i suoi ricavi dato che stimola l'utilizzo della moneta elettronica per i pagamenti: pertanto l'ipotesi di stop all'iniziativa varata dal governo Conte dovrebbe avere effetti negativi sui conti di Nexi e, di conseguenza, anche sull'andamento del titolo in borsa. Ricordiamo che il Cashback dovrebbe essere attivo per tre semestri, con chiusura al 30 giugno 2022 e costare allo Stato circa 5 miliardi di euro: un investimento che, secondo i promotori (i 5 stelle in primis), dovrebbe però garantire un consistente ritorno in termini di emersione del "nero".

Meloni durissima su Cashback ma...

Tutto il centrodestra ha criticato il Cashback: Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia l'ha definito "un'idiozia". Le risorse appostate per i rimborsi relativi agli acquisti senza contante dovrebbero, a suo avviso, essere dirottate verso "il tessuto produttivo e dare respiro alle categorie economiche maggiormente colpite dalle restrizioni e dalle chiusure del Governo". Anche all'interno della maggioranza di governo non sono poche le voci critiche nei confronti del Cashback: sembrano infastidire molto soprattutto le pratiche adottate da alcuni per scalare la classifica del Super Cashback.

...difficilmente riuscirà a cancellarlo 

Nonostante tutto sembra che la mozione di FdI non passerà. L'esito più probabile della discussione al Senato dovrebbe essere una revisione delle modalità, con l'introduzione di correttivi per togliere di mezzo i "furbetti del Super Cashback". Difficile che si arrivi a decidere uno stop poichè l'iniziativa piace agli italiani. Inoltre, secondo uno studio della European House Ambrosetti, il Cashback ha effetti positivi: si stima un potenziale recupero di sommerso pari a 1,2 miliardi di euro, con un impatto addizionale sui consumi da 9,3 miliardi nel 2021 e 13,9 miliardi nel 2022.

Segnali positivi per Nexi: l'analisi del grafico

La prospettiva di una sostanziale conferma del Cashback permette oggi a Nexi di superare le resistenze posizionate poco sopra quota 15 euro, operazione consente al titolo di ambire ad estensioni verso l'ostacolo dinamico attualmente in transito per 16,15 e quindi in direzione delle resistenze statiche posizionate tra 16,70 e 17,00. Oltre questi ultimi riferimenti le quotazioni avrebbero via libera per il ritorno sul massimo storico toccato il 5 ottobre scorso a 18,19. Segnali ribassisti in caso di discese sotto 14,00-14,20, prologo al ritorno sui 12,5450, minimo di inizio novembre.

(Simone Ferradini)