La seduta odierna ha imposto una battuta d'arresto per Cattolica Assicurazioni che ha chiuso gli scambi in calo.

Cattolica Assicurazioni tira il fiato dopo cinque rialzi consecutivi

Dopo una serie di cinque sessioni consecutive in salita e dopo aver chiuso quella di ieri con un poderoso rally di circa il 7,5%, il semaforo oggi è scattato sul rosso.

Cattolica Assicurazioni ha terminato le contrattazioni a 4,558 euro, con un calo dello 0,57% e quasi 1 milione di azioni transitate sul mercato, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 650mila.

Cattolica Assicurazioni: rumor su interesse Bca Finint per quota 10%

Il titolo già ieri è finito sotto i riflettori e si è reso protagonista di un effervescente rialzo, grazie alle indiscrezioni di stampa secondo cui Banca Finint potrebbe entrare nel capitale di Cattolica Assicurazioni, con una quota fino al 10%.

Un'operazione che potrebbe materializzarsi per il tramite di una cordata di investitori, provenienti in gran parte del nord-est. 

In attesa di ulteriori indicazioni su questo fronte, quest'oggi l'attenzione del mercato è stata calamitata da altre indiscrezioni.

Cattolica Assicurazioni: Plasvigas interessata alle azioni proprie del gruppo?

Secondo quanto riportato da Ansa, a gennaio Plavisgas, società al cui interno sono presenti diversi imprenditori veneti, ha manifestato interesse per rilevare le azioni proprie di Cattolica Assicurazioni, pari al 12,3% del capitale, prima dell’aumento di capitale da 200 milioni di euro.

La compagnia assicurativa, a cui è stato imposto da IVASS di cedere le azioni proprie entro fine anno, avrebbe mostrato scarso interesse per la proposta, valutando la possibilità di valorizzare il proprio pacchetto azionario a un prezzo più vicino a quello di carico, ossia 5,47 euro per azione.

Cattolica Assicurazioni: Equita SIM commenta gli ultimi rumor

Gli analisti di Equita SIM ritengono che l’interesse di Plavisgas, che si va a sommare a quello di Banca Finint riportato ieri, possa contribuire a sostenere le valutazioni nel breve termine.

In particolare, l’eventuale acquisto delle azioni proprie prima del rafforzamento patrimoniale da 200 milioni di euro, andrebbe sostanzialmente a dimezzare l’overhang complessivo legato alla cessione del pacchetto di azioni in mano a Cattolica Assicurazioni e all’aumento di capitale.

Gli esperti della SIM milanese ribadiscono in ogni caso la loro view cauta su Cattolica Assicurazioni, con un rating "hold" e un prezzo obiettivo a 4,5 euro.

Questo considerando il possibile scontro con Banco BPM sulla joint-venture bancassicurativa e l’avvio del procedimento sanzionatorio di IVASS.

Da segnalare che il titolo tratta con un rapporto prezzo-utili 2021 pari a 8,5 volte, superiore alla media storica degli ultimi 2 anni, o circa 11 volt al netto delle joint-venture con Banco BPM.