Anche la seduta di ieri non ha riservato nulla di buono per Danieli & C. che ha continuato ad esser venduto a Piazza Affari.

Danieli ancora giù in avvio di settimana

Il titolo, dopo aver chiuso la sessione di venerdì scorso con un affondo di oltre tre punti percentuali, è sceso ancora ieri.

A fine giornata Danieli si è fermato a 19,46 euro, con una flessione del 2,01% e  poco più di 30mila azioni scambiate, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 70mila.

Danieli: piano di investimenti in ABS. Ecco i dettagli

Il titolo è rimasto sotto i riflettori dopo che Danieli ha annunciato l'approvazione di un nuovo piano di investimenti in ABS (steel- making division) per complessivi 600 milioni di euro.

Di questa somma, 400 milioni di euro sono destinati all’impianto italiano per, tra gli altri, l’installazione di un nuovo forno elettrico Danieli DigiMelter con tecnologia Q-One (brevetto di Danieli che consente il collegamento diretto del forno elettrico a fonti di energia rinnovabile) completamente chiuso, automatico, guidato da intelligenza artificiale e sostanzialmente "net zero". Prevista l’installazione di circa 160mila metri quadrati di pannelli solari per fornire energia solare all’impianto,

Dei 600 milioni, 200 milioni di euro sono destinati all’impianto di Sisak in Croazia per un nuovo laminatoio. Questo progetto è ancora in fase di studio di fattibilità.

Danieli: le indicazioni di Equita SIM sul piano di investimenti

La società non ha fornito altri dettagli, ma data la dimensione e tipologia di investimenti annunciati, gli analisti di Equita SIM ritengono che Danieli possa raggiungere il target dichiarato di capacità produttiva di 2,5 milioni di
tonnellate l’anno che implica un incremento di circa 0,8 milioni di tonnellate dall’attuale livello (inclusivo della nuova linea che entrerà in funzione da maggio 2022).

Gli esperti di Equita SIM ritengono inoltre che il piano capex possa essere completato in circa due anni con i nuovi impianti che potrebbero dunque entrare in attività a partire dalla seconda metà del 2024.

Infine, la SIM milanese crede che il piano venga finanziato con risorse proprie, ricordando che la cassa netta 2021 è pari a 1 miliardo di euro.

Danieli: gli analisti parlano di una notizia positiva

In attesa di maggiori dettagli, gli analisti di Equita SIM ritengono che si tratti di una notizia positiva per Danieli.
In primis perchè si rafforza il posizionamento commerciale di ABS in Europa tra i produttori di acciaio speciali.

In secondo luogo, il nuovo impianto sarà il primo in Europa ad utilizzare energia solare per la produzione di acciaio riducendo dunque l’esposizione del gruppo alle fluttuazioni del costo dell’energia e confermando il ruolo di front-runner di ABS nella produzione green dell’acciaio.

Infine, gli analisti stimano preliminarmente impatti rilevanti sui numeri di Danieli: assumendo una capacità aggiuntiva di 0,8 milioni di euro, gli esperti ritengono che gli investimenti approvati possano portare oltre 50 milioni di euro di EBITDA aggiuntivi al mid-cycle, rispetto alla loro stima mid-cycle gruppo pre-piano di circa 280.

Nessuna modifica alla strategia di Danieli che per Equita SIM merita una raccomandazione "buy", con un prezzo obiettivo a 32 euro.