Un altro segno più per Danieli & C. che ha approfittato ieri del rimbalzo messo a segno dai principali indici di Piazza Affari, chiudendo nuovamente sopra la parità.

Danieli & C. in positivo anche ieri

Il titolo martedì scorso ha guadagnato quasi un punto percentuale, reagendo dopo due sessioni consecutive in calo.
Danieli & C. ieri si è spinto ancora in avanti, ma ad un ritmo decisamente più contenuto, visto che la giornata si è conclusa a 19,68 euro, con un progresso dello 0,2%.

Bassi i volumi i scambio visto che a fine sessione sono transitate sul mercato oltre 30mila azioni, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a oltre 67mila.

Danieli & C.: verso trasformazione dell'industria siderurgica

Ieri Danieli & C. è stato oggetto di attenzione da parte di Equita SIM sulla scia di alcune indicazioni di stampa.
Il Sole 24 Ore ha riportato un articolo dedicato all’industria siderurgica, in cui si evidenzia come l’attuale contesto porterà ad una trasformazione dell’industria.

Si parla della crescente necessità da parte dei grandi gruppi di avere a disposizione impianti meno inquinanti e più flessibili a livello di produzione e con il trend di regionalizzazione della produzione che resterà un trend di lungo periodo.

Danieli & C.: alcune dichiarazioni del presidente Benedetti

Nell’articolo vengono riportate alcune dichiarazioni del Presidente di Danieli Gianpietro Benedetti.

Tra le varie cose il manager ha affermato che dieci anni fa la competitività equivaleva ad un abbattimento dei costi attraverso una maggiore capacità produttiva dei nuovi impianti.

Oggi invece si guarda all’innovazione tecnologica per abbattere i costi a parità di capacità produttiva.

Il presidente ha inoltre dichiarato che negli Stati Uniti c’è da diverso tempo richiesta per capacità produttiva nuova, regionalizzata e a basse emissioni. Per questo, negli ultimi 4 anni Danieli ha ricevuto ordini per 8 nuove miniacciaierie di cui 2 nelle ultime settimane.

Benedetti ha altresì aggiunto che le mini-acciaierie regionali sono attualmente richieste anche in Egitto, Bangladesh e Cina.

L’Europa rimane indietro su questo fronte anche se è chiaro che i grandi produttori sono pronti a passare dalla produzione con altiforni (primaria) alla produzione con forni elettrici (secondaria).

Danieli & C. la view di Equita SIM

Gli analisti continuano a ritenere che Danieli sia ottimamente posizionata per beneficiare della trasformazione del settore siderurgico, sia per quanto riguarda la decarbonizzazione dell’industria, sia per la crescente conversione di impianti ad altoforno in impianti a forno elettrico.

La SIM milanese ricorda che Danieli è leader mondiale nelle mini-acciaierie elettriche.
Gli analisti evidenziano che il titolo tratta a 10,5x-8 volte il rapporto prezzo-utili adjusted 2022E-2023.

Nessuna modifica intanto alla view su Danieli che per Equita SIM merita una raccomandazione "buy" e un prezzo obiettivo a 32 euro.