Diasorin: dal Governo nuove regole su test Covid 19

Diasorin recupera terreno dopo il calo di venerdì scorso: focus sulla circolare del Governo. Ecco le novità.

diasorin test covid

La nuova settimana è partita all’insegna del recupero per Diasorin che, dopo il calo accusato prima del week-end, risale la china, recuperando le perdite almeno in parte.

Diasorin risale dopo il calo di venerdì

Il titolo, lasciatasi alle spalle la sessione di venerdì scorso con un ribasso dell’1,75%, oggi ha avviato gli scambi già in salita.

Anche se in ritracciamento dai massimi intraday toccati a 94,02 euro, il titolo si mantiene in positivo, presentandosi negli ultimi minuti a 92,62 euro, con un progresso dello 0,83% e quasi 40mila azioni passate di mano fino a ora, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 150mila.

Diasorin: nuove norme in Italia per test Covid 19

Diasorin finisce sotto la lente del mercato e degli analisti, sulla scia delle ultime novità relative alla diffusione del Covid 19.

Si segnala infatti un aumento dei casi Covid, che mostrano un incremento del 44% in settimana, seppur lontano da livelli critici, basti pensare che l’occupazione delle terapie intensive è pari all 0,6%.

Sulla scia dell’incremento dei casi Covid, il ministero della Salute italiano ha pubblicato una nuova circolare volta ad uniformare l’approccio nazionale in merito all’utilizzo di test Covid 19.

Gli analisti di Equita SIM ricordano, infatti, che dall’ottobre 2022 erano le Regioni ad essere responsabili della politica di monitoraggio del Covid 19 con differenze da area ad area del Paese.

Covid: cosa prevede la circolare del Governo

Più nel dettaglio, la nuova circolare del governo prevede l’utilizzo obbligatorio di test diagnostici Covid per pazienti in ingresso al pronto soccorso con sintomi respiratori. Per questi pazienti è anche previsto l’utilizzo di test anche per le altre malattie respiratorie.

L’obbligo di Test Covid è anche disposto per ricoveri/ingressi in reparti con pazienti fragili, come ad esempio oncologia, e nelle RSA.

Nella circolare del Governo non è invece più previsto il tampone per ingressi in pronto soccorso in caso di assenza di sintomi respiratori.

Diasorin: il commento di Equita SIM

Secondo gli analisti di Equita SIM, sebbene sia necessario verificare le scelte di altri Paesi, soprattutto degli Stati Uniti, che sono il primo mercato per Diasorin, le nuove misure applicate dal Governo italiano supportano la domanda di test Covid.

Per questo motivo, la SIM milanese si aspetta un contributo, seppur in calo, nei prossimi anni per Diasorin.

Nel 2023 gli analisti di Equita SIM stimano per Diasorin un contributo di 58 milioni di euro a cui segue un calo del 22% nel 2024, fino ad arrivare a 29 milioni di euro nel 2025.

Al di là del contributo del business Covid, gli esperti ritengono più rilevante verificare l’andamento della stagione influenzale con la guidance di Diasorin che si basa su una stagione “normale” dopo la forte stagione del 2022.

Non cambia intanto la view di Equita SIM che resta improntata a una strategia bullish, con la conferma di una raccomandazione “buy” e un prezzo obiettivo a 123 euro, valore che implica un potenziale di upside di quasi il 33% rispetto alle quotazioni correnti a Piazza Affari.