Quando consideri le azioni da dividendo devi solo cercare due cose: in primo luogo, il titolo deve pagare una cedola e in secondo luogo, il business che c'è dietro l'azione dovrebbe essere abbastanza forte da mantenere i dividendi futuri.

Certo, ci sono altre caratteristiche delle azioni da dividendo che è bello avere. Un rendimento relativamente alto sarebbe ottimo e un track record di aumenti dei dividendi è un altro grande vantaggio.

Non tutte le azioni riescono a rispondere a queste caratteristiche, ma ecco tre grandi titoli da dividendo da acquistare in questo.

AbbVie ( NYSE: ABBV )

AbbVie ha pagato un dividendo dal 1924, compreso il periodo in cui la società faceva ancora parte di Abbott Labs.

La casa farmaceutica ha aumentato il suo dividendo per 49 anni consecutivi, qualificando AbbVie come un Dividendo Aristocratico che si prepara a diventare un Dividend King.
Il rendimento dei dividendi dell'azienda si attesta attualmente intorno ad un appetitoso 4,9%.

Tuttavia, c'è un problema evidente con AbbVie. Il farmaco più venduto dell'azienda, Humira, perderà l'esclusiva negli Stati Uniti nel 2023.

Ciò inciderà gravemente sulle entrate di AbbVie, considerando che Humira ha generato il 43% delle vendite totali dell'azienda lo scorso anno.

Il dividendo di AbbVie potrebbe essere in pericolo? Affatto. In realtà, anche le prospettive di crescita a lungo termine dell'azienda non dovrebbero essere influenzate molto.

AbbVie prevede che le vendite totali diminuiranno nel 2023 con Humira che perde quote di mercato a favore dei farmaci similari negli Stati Uniti.

Tuttavia, l'azienda farmaceutica pensa che tornerà a crescere nell'anno successivo con un forte incremento dei ricavi per il resto del decennio.

Brookfield Renewable Partners ( NYSE: BEP )

Brookfield Renewable Partners ha pagato una distribuzione agli azionisti,  equivalente a un dividendo, già dal 2000, prima che la società esistesse nella sua attuale struttura.

Da allora le distribuzioni della società di energia rinnovabile hanno registrato un tasso di crescita annuale composto del 6% e oggi il rendimento di distribuzione è quasi del 2,9%.

L'azienda ha recentemente incrementato la propria distribuzione del 5% e prevede di aumentare il proprio flusso di cassa di quasi il 15% annuo in media nei prossimi anni.

Raggiungere questo obiettivo non dovrebbe essere troppo difficile. Gli aggiustamenti dei prezzi di inflazione e il miglioramento dei margini dovrebbero contribuire fino al 6% della crescita target di Brookfield Renewable.

La pipeline di sviluppo da 23.000 megawatt dell'azienda potrebbe facilmente aggiungere un altro 5% di crescita annuale.

Brookfield Renewable Partners prevede che le future acquisizioni genereranno un altro 4% -5% di crescita.

Non c'è dubbio che la domanda di energia rinnovabile aumenterà nel prossimo decennio e oltre. I principali paesi e le grandi società hanno stabilito obiettivi ambiziosi di riduzione del carbonio.

L'eolico e il solare sono diventati la fonte più economica per la generazione di energia.
In qualità di leader nel settore delle energie rinnovabili, Brookfield Renewable dovrebbe essere pronta a fornire distribuzioni solide e forti rendimenti totali per gli anni a venire.

Pfizer ( NYSE: PFE )

Pfizer ha costantemente pagato un dividendo ogni trimestre per decenni. Sebbene la società abbia tagliato i dividendi nel 2009 a causa dell'acquisizione di Wyeth, da allora ha costantemente aumentato il pagamento delle cedole ogni anno.

Pfizer dovrebbe ridurre nuovamente il suo dividendo in questo trimestre, ma non c'è niente di cui preoccuparsi.
Questo taglio dei dividendi verrà effettuato in concomitanza con l'avvio del programma di dividendi da parte di Viatris.

Quando Pfizer ha annunciato per la prima volta la fusione della sua unità Upjohn con Mylan, ha promesso che il dividendo combinato per Pfizer e la nuova entità nata dalla fusione sarebbe stato più o meno lo stesso del precedente dividendo di Pfizer.

Una conseguenza positiva della nascita di Viatris è che ha posizionato Pfizer in modo da offrire una crescita dei ricavi e degli utili più forte di quanto non abbia fatto negli ultimi anni.

Questa crescita, combinata con il dividendo interessante e la bassa valutazione dell'azione, fa di Pfizer il miglior titolo farmaceutico da acquistare in questo momento.

Il più grande motore di crescita per Pfizer quest'anno sarà il vaccino COVID-19 BNT162b2. Resta da vedere su quanti ricavi ricorrenti l'azienda potrà contare dal vaccino.

Tuttavia, con l'emergere di nuove varianti di coronavirus, penso che Pfizer avrà un business multimiliardario a lungo termine tra le mani.