Investire in azioni da dividendo è senza dubbio un'ottima idea per garantirsi un reddito costante e questo risponde soprattutto all'esigenza di quanti hanno bisogno di una certa tranquillità dai loro investimenti una volta raggiunta un'età un po' più avanzata.

Al contempo è importante che dietro le azioni su cui si punta ci siano solide attività che possano supportare il pagamento di dividendi nel tempo.

Dalle pagine di The Motley Fool, Keith Speights suggerisce tre azioni da dividendo da comprare in questo momento, visto che le stesse rispondono ai due criteri indicati prima: offrono un reddito costante e vantano attività solide.

AbbVie ( NYSE: ABBV )

AbbVie è uno dei titoli da dividendo più interessanti sul mercato in questo momento. Il rendimento offerto dalla cedola del grande produttore di farmaci attualmente supera il 4,8%.

Ad AbbVie manca solo un aumento dei dividendi per diventare un Dividend King, ossia entrare nella schiera di quei titoli dell'S&P500 che hanno almeno 50 anni consecutivi di aumenti dei dividendi.

Un singolo prodotto del gruppo, Humira, ha generato oltre il 40% dei ricavi totali di AbbVie lo scorso anno, ma il farmaco per le malattie autoimmuni perderà l'esclusività del brevetto statunitense nel 2023.

Questo rappresenta un motivo per il quale ci si dovrà preoccupare in merito al dividendo di AbbVie?

La risposta è negativa e a tal proposito Speights spiega che AbbVie si sta preparando da molto tempo per il giorno in cui non potrà più dipendere così pesantemente da Humira.

Il gruppo ha ora molti altri farmaci con un forte potenziale di crescita, in particolare i successori di Humira che sono Rinvoq e Skyrizi.

Si prevede che i ricavi totali di AbbVie caleranno nel 2023, ma la società prevede un ritorno a una crescita modesta nel 2024, con una crescita robusta per tutto il resto del decennio.

I dividendi di AbbVie quindi dovrebbero continuare ad essere regolarmente distribuiti e a crescere.

Brookfield Renewable Partners ( NYSE: BEP )

Brookfield Renewable Partners ha aumentato la sua distribuzione (ciò che le società in accomandita chiamano dividendi) di un tasso di crescita annuale composto del 6% dal 2000.

La distribuzione di Brookfield Renewable Partners attualmente produce quasi il 2,9%.

Il modello di business sottostante dell'azienda è solido e non c'è stato momento migliore di questo per le energie rinnovabili.

La domanda è in aumento poiché i paesi di tutto il mondo cercano di ridurre le emissioni di carbonio.
Brookfield Renewable si distingue come leader nel settore delle energie rinnovabili con i suoi impianti idroelettrici, eolici, solari e di stoccaggio in Nord America, Sud America, Asia ed Europa.

Il titolo un'ottima scelta per gli investitori in cerca di reddito, ma anche per quelli orientati alla crescita che nel caso di Brookfield Renewable è riferita non solo ai prossimi anni, ma ad un arco temporale ancora più lungo.

Enterprise Product Partners ( NYSE: EPD )

Chi ama i dividendi con rendimenti elevati, non può fare a meno di guardare ad Enterprise Products Partners che attualmente vanta una distribuzione con un appetitoso rendimento del 7,8%.

L'azienda ha incrementato la propria distribuzione per 22 anni consecutivi con un tasso medio annuo di crescita del 7%.

Il business di Enterprise Product Partners è costruito per il lungo termine e per prima cosa c'è da dire che si prevede che il consumo di energia complessivo aumenterà nei prossimi decenni.

La US Energy Information Administration prevede che aumenterà anche la percentuale del consumo totale di energia generata dal gas naturale.

Inoltre, la crescente domanda di materie plastiche sta determinando un maggiore utilizzo di prodotti petrolchimici.
Non è un caso che il 93% dei principali progetti in costruzione di Enterprise Product Partners si concentri su prodotti petrolchimici, gas naturale e liquidi di gas naturale.