A Piazza Affari la stagione dei dividendi è ormai alle porte, visto che avrà inizio lunedì prossimo 19 aprile, quando ci saranno le prime blue chips chiamate a staccare la cedola.

Ftse Mib: dividendi in arrivo tra aprile e maggio

La maggiore quantità di dividendi si concentra però il mese successivo, visto che sarà il 24 maggio il "dividendi day" più rilevante per le blue chips.

L'attenzione sarà rivolta in particolare ai titoli bancari e più in generale a quelli del settore finanziario, la maggior parte dei quali non ha staccato il dividendo lo scorso anno, complice il ban imposto dalla BCE in seguito alla crisi innescata dal Covid-19.

Ed è proprio nel settore finanziario che saranno distribuite le cedole con i rendimenti più elevati, per effetto proprio del mancato stacco dello scorso anno che ha reso più consistente quello del 2021.

Due sono in particolare le blue chips che consigliano di monitorare con molta attenzione, Banca Mediolanum e Banca Generali, visto che sono i due titoli che pagheranno un dividendo con un rendimento a due cifre.

Banca Generali: il rendimento del dividendo supera il 10%. I dettagli

Banca Generali è al momento la prima della classe tra i titoli del Ftse Mib per quest'anno, visto che il suo dividendo è il più alto in assoluto.

Il gruppo staccherà una cedola complessiva di 3,3 euro, con un pay-out del 70,5% a valere sugli utili cumulati del 2019 e del 2020.

Rapportando questa cedola al valore attuale di Banca Generali, che a Piazza Affari scambia al momento a 30,84 euro, si ottiene un rendimento del dividendo stellare, pari al 10,7%.

La cedola complessiva di 3,3 euro sarà pagate in due tranche, una da 2,7 euro e l'altra da 0,6 euro.

Nel caso di Banca Generali bisognerà dimenticarsi per ora le date relative agli stacchi di cui abbiamo parlato prima, visto che per incassare la cedola bisognerà attendere ancora diversi mesi.

La prima tranche da 2,7 euro sarà staccata e di conseguenza messa in pagamento nel periodo compreso tra il 15 ottobre e il 31 dicembre 2021.

Per la seconda tranche da 0,6 euro bisognerà aspettare il prossimo anno, visto che lo stesso e il pagamento sono programmati tra il 15 gennaio e il 31 marzo 2022.

Banca Mediolanum: cedola rende quasi il 10%. Quando arriva?

Arriverà molto prima invece il dividendo Banca Mediolanum, con un rendimento altrettanto allettante in confronto a quello di Banca Generali.

Banca Mediolanum nel 2021 pagherà una cedola complessiva di 0,781 euro, con una distribuzione in totale di 573,3 milioni, evidenziando che 0,44 euro sono relativi agli utili 2020 e 0,341 euro si riferiscono alle riserve degli utili 2019.

Se si tiene conto delle attuali quotazioni del titolo, che al momento a Piazza Affari passa di mano a 7,876 euro, si ottiene un rendimento decisamente allettante del 9,92%.

Anche nel caso di Banca Mediolanum il dividendo sarà pagato in due tranche, una da 0,0267 euro e una da 0,7533 euro

Per la prima, quella meno corposa, bisognerà attendere poco più di un mese, visto che lo stacco è fissato per il 24 maggio e il pagamento per il 26 maggio.

Sarà necessario aspettare invece il quarto trimestre per la tranche più consistente del dividendo, il cui stacco avverrà il 18 ottobre prossimo, con pagamento due giorni dopo, il 20 ottobre.