Nuova chiusura in rialzo per Intesa Sanpaolo che anche oggi ha guadagnato terreno, salendo per la terza giornata consecutiva.

Intesa Sanpaolo sale per la terza seduta di fila

Il titolo, dopo aver chiuso gli scambi ieri con un vantaggio di tre quarti di punto, oggi si è spinto ancora in avanti, riuscendo a fare leggermente meglio del Ftse Mib e mettendo a segno la seconda migliore performance nel settore bancario.

A fine giornata Intesa Sanpaolo si è fermato a 2,4815 euro, con un rialzo dello 0,75% e oltre 67 milioni di azioni passate di mano, contro la media degli ultimi 30 giorni pari a circa 87 milioni.

Intesa Sanpaolo snobba le tensioni di Spread e BTP

Al pari degli altri bancari, anche Intesa Sanpaolo non ha risentito delle negative indicazioni arrivate dal fronte macro, dove continuano a persistere le tensioni già manifestatesi ieri.

Lo Spread BTP-Bund a fine giornata è stato fotografato a 110,3 punti base, a poca distanza dai top intraday, con un rally del 3,18%.
Vendite sui BTP che hanno visto il rendimento del decennale salire dell'1,95% allo 0,993%.

Intesa Sanpaolo: SG rivede target e stime

Intesa Sanpaolo oggi intanto ha trovato un certo sostegno nelle indicazioni arrivate da Societè Generale che da una parte ha confermato la raccomandazione "hold" e dall'altra ha rivisto verso l'alto il prezzo obiettivo da 2,45 a 2,6 euro.

Gli analisti hanno messo mano all stime di eps che sono state alzate dell'8,8% per quest'anno, dell'1,2% per il prossimo e del 2,6% per 2023, per tenere conto dell'accelerazione del recupero dell'economia italiana.

Societè Generale intanto guarda ai conti del terzo trimestre che saranno diffusi da Intesa Sanpaolo il 3 novembre, anticipando che saranno un non evento.

L'idea degli analisti è che i principali catalizzatori per il titolo saranno il master plan 2022-2025 in arrivo a febbraio prossimo e il tema M&A nel comparto wealth management.

Intesa Sanpaolo: per Barclays può salire fino a 3,1 euro

A scommettere con decisione su Intesa Sanpaolo è Barclays che proprio ieri ha reiterato la sua strategia bullish, con una raccomandazione "overweight" e un target price alzato da 2,8 a 3,1 euro, valore che implica un potenziale di upside di circa il 25% rispetto alle quotazioni correnti a Piazza Affari.

Intesa Sanpaolo resta per gli analisti il titolo bancario più interessante su cui puntare a Piazza Affari. 

Intesa Sanpaolo: dividendo più ricco di altre banche. Ecco perchè

Gli analisti di Barclays sostengono che con il prossimo piano industriale, Intesa Sanpaolo potrà colmare il divario relativo al ritorno del patrimonio netto tangibile inferiore al costo del capitale, con azioni ad hoc per aumentare le commissioni, tagliare i costi e ottimizzare ulteriormente i livelli di capitale.

Barclays pensa che questo possa essere potente fattore per aumentare la fiducia nella sostenibilità della sua politica dei dividendi.

Parlando dei due big del settore a Piazza Affari, Unicredit e Intesa Sanpaolo, gli esperti di Barclays nel medio termin preferiscono la seconda.

Questo per via dei i suoi forti Rote attuali e prospettici: a detta degli analisti si tratta di vantaggi competitivi che consentono rendimenti più ricchi.