I cicli economici possono andare e venire, ma alcuni business rimangono gli stessi, come nel caso delle società che sono abbastanza resilienti da sfornare un dividendo costante e in aumento per gli azionisti, anche se affrontano crisi multiple.

Dividendo: ecco 3 società che lo pagano in tempi buoni e cattivi

Tali società di solito hanno un forte portafoglio di prodotti e una rete di distribuzione che si estende in tutto il mondo.

Un investitore in cerca di reddito dovrebbe andare a caccia di società che continuano a pagare un dividendo nei momenti buoni e in quelli cattivi. Fortunatamente, esistono i dividendi aristocratici, ossia quelli di società che hanno aumentato la propria cedola ogni anno per almeno 25 anni consecutivi.

Ecco tre di queste società da considerare di comprare e tenere per il resto della tua vita.

Clorox ( NYSE: CLX )

Clorox è una società con un portafoglio di marchi che comprende Calm, Glad, Pine-Sol e Brita e copre un'ampia gamma di prodotti, dalla candeggina alla depurazione dell'acqua.

Molti di questi marchi sono leader di categoria e i prodotti Clorox possono essere trovati nel 90% delle case statunitensi.

Gli investitori però potrebbero non rendersi conto del fatto che Clorox è una società con ottimi dividendi.

Negli ultimi 20 anni, i suoi dividendi annuali totali per azione sono aumentati da 0,83 a 4,39 dollari, salendo in media del 9% all'anno.

Il Board di Clorox ha approvato un dividendo trimestrale di 1,11 dollari per azione, o 4,44 dollari all'anno, che implica un aumento dell'1,1% anno su anno. L'azienda ha aumentato il suo dividendo annuale per ben 43 anni consecutivi.

Una tendenza che sembra destinata a continuare, ricordando che per il secondo trimestre fiscale dell'esercizio 2021, Clorox ha registrato un aumento delle vendite del 27% anno su anno, poiché la pandemia ha spinto verso l'alto la domanda di prodotti per la pulizia.

Il management ha previsto per l'intero anno una crescita delle vendite dal 10% al 13%, con un utile per azione in salita dal 9% al 12%.

Johnson & Johnson ( NYSE: JNJ )

Johnson & Johnson è un gruppo noto a tanti che vanta anche una divisione farmaceutica e dispositivi medici, oltre ad essere responsabile della ricerca e dello sviluppo di farmaci contro alcune malattie.

Johnson & Johnson ha recentemente formulato un vaccino COVID-19 che è stato il terzo autorizzato dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti.

Ciò che gli investitori potrebbero non sapere è che oltre a fornire prodotti all'avanguardia ed essere un marchio familiare, Johnson & Johnson è stato anche un pagatore di dividendi coerente e affidabile.

I suoi dividendi sono aumentati per 57 anni consecutivi, con una crescita non indifferente, basti ricordar che il gruppo ha pagato una cedola di 0,62 dollari per azione nel 2020, mentre nel 2020 il suo dividendo è aumentato di oltre sei volte a 3,98 dollari.

Johnson e Johnson dovrebbe continuare su questa strada, con divisioni salute, farmaceutica e dispositivi medici che dovrebbero compensare qualsiasi drastico calo delle vendite, poiché la domanda dovrebbe rimanere elevata durante la pandemia.

Procter & Gamble ( NYSE: PG )

Procter & Gamble vanta una gamma impressionante di marchi nelle categorie bellezza, sanità, assistenza domiciliare e cura del bambino.

I suoi prodotti sono distribuiti in più di 180 paesi e comprendono marchi noti come Gillette, Pantene, Oral-B, Pampers e Tide.

L'azienda ha pagato dividendi per 130 anni e li ha aumentati per oltre 65 anni consecutivi, una delle serie ininterrotte più lunghe per una società.

Dall'anno fiscale 2010 al 2020, il dividendo per azione è passato da 1,80 a 3,03 dollari e l'ultimo dividendo trimestrale è stato aumentato a 0,8698 dollari per azione, per totale di 3,4792 dollari per l'intero anno.

La capacità dell'azienda di registrare un aumento dei ricavi e degli utili in un anno di pandemia è impressionante e una chiara dimostrazione della leadership di mercato di Procter & Gamble.

Con una previsione degli utili che cresceranno tra l'8% e il 10% su base annua, Procter & Gamble sembra destinata a continuare il suo record di aumento dei dividendi.